SCO: OpenSolaris è ok

A sorpresa SCO si dice pienamente favorevole all'iniziativa con cui Sun, una delle sue più grandi licenziatarie, rilascerà il codice sorgente del suo sistema operativo Unix Solaris

Roma - Da quando Sun ha rivelato la decisione di rendere Solaris open source, molti si sono chiesti se questa mossa avrebbe urtato contro gli interessi di SCO Group, che come noto detiene i diritti sul codice di Unix. Contro le aspettative dei più, quest'ultima ha invece dato il pieno benestare all'iniziativa di Sun.

In una teleconferenza, il CEO di SCO Darl McBride ha detto di aver discusso a fondo con Sun il progetto OpenSolaris senza trovarvi alcun genere di problema. "Abbiamo visto i piani di Sun inerenti OpenSolaris e non abbiamo sollevato alcuna obiezione al progetto", ha affermato McBride. "Quello che sta facendo Sun non interferisce con la nostra volontà di proteggere le proprietà intellettuali di Unix".

SCO ritiene dunque che la licenza Common Development and Distribution License (CDDL) che accompagna OpenSolaris, e che permette a chiunque di vedere, modificare e ridistribuire il codice sorgente, non contrasti con la sua licenza su Unix System V: quest'ultima è stata rinnovata da Sun all'inizio del 2003 dietro il pagamento di 100 milioni di dollari.
McBride ha suggerito che se IBM avesse scelto di rinegoziare le proprie licenze con SCOsource avrebbe potuto evitare quella causa che, nel marzo del 2003, ha dato inizio ad uno degli scontri legali più accesi e seguiti del settore hi-tech.

"Sun è da sempre un'ottima licenziataria", ha detto il boss di SCO. "Se tutti i nostri licenziatari avessero seguito la stessa linea di condotta di Sun, rispettando gli accordi, credo che oggi avremmo meno questioni da dibattere in tribunale".

McBride sembra fare implicito riferimento anche al famoso gruppo automobilistico DaimlerChrysler, primo utente commerciale di Linux ad essere stato querelato da SCO per la violazione dell'accordo di licenza relativo a Unix.

All'inizio del mese Sun ha nominati i primi 5 membri del comitato consultivo che guiderà il progetto OpenSolaris, inoltre si è impegnata a rilasciare la base di codice del proprio sistema operativo entro la fine del secondo trimestre dell'anno.
17 Commenti alla Notizia SCO: OpenSolaris è ok
Ordina
  • Per quel che mi risulta Microsoft è tra gli azionisti di SCO e la SUN Microsistem ha concluso con lo zio Bill un patto di non belligeranza.
    Linux, e altro Open Source, sono scomodi a M$ e quindi facendo 2+2 si capisce il perché.
    Almeno questa è la mia opinione.
    Ciao a tutti e free as in freedom
    Awax
    non+autenticato
  • La penso proprio come te.
    È tutto polotato da Billacciiooooooooooooooo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per quel che mi risulta Microsoft è tra gli
    > azionisti di SCO e la SUN Microsistem ha concluso
    > con lo zio Bill un patto di non belligeranza.
    > Linux, e altro Open Source, sono scomodi a M$ e
    > quindi facendo 2+2 si capisce il perché.

    Hai solo impiegato 2 anni di troppo per fare 2+2...

    Ad ogni modo sei appena in tempo, perchè sembra che SCO avrà vita breve: le ultime notizie finanziarie la danno praticamente prossima alla bancarotta...
    non+autenticato
  • Da quanto so e' uno studio legale ormai.
    Non produce piu' niente da caldera, che aveva prodotto opensource, e poi ha cambiato idea.
    Hanno come Executive Chief Krusty il clown?
    Pubblicano il sorgente di Caldera, derivato da Sco, vendendolo ad un prezzo comico.
    Poi ci ripensano, e cominciano a dire che il sorgente era copiato da Sco Unix, che poi avevano pubblicato con Caldera rilasciandolo sotto GPL
    Poi e' okey opensolaris.
    Ce credo mica e' stato rilasciato sotto GPL se era pubblicato con quella Licenza avrebbero avuto da ridire pure loro...
    ma sono loro o dietro quelli che richiesero tanto tempo fa di produrre quella mondezza di Xenix?

    Mimandaelwoodianamente
  • Sun ritiene dunque che la licenza Common Development and Distribution License (CDDL) che accompagna OpenSolaris, e che permette a chiunque di vedere, modificare e ridistribuire il codice sorgente, non contrasti con la sua licenza su Unix System V: quest'ultima è stata rinnovata da Sun all'inizio del 2003 dietro il pagamento di 100 milioni di dollari.


    Il primo "Sun" (proprio la prima parola della frase che ho riportato) credo debba essere sostituito con "SCO".
    non+autenticato
  • Sistemato, grazie!

    - Scritto da: Anonimo
    > Sun ritiene dunque che la licenza Common
    > Development and Distribution License (CDDL) che
    > accompagna OpenSolaris, e che permette a chiunque
    > di vedere, modificare e ridistribuire il codice
    > sorgente, non contrasti con la sua licenza su
    > Unix System V: quest'ultima è stata rinnovata da
    > Sun all'inizio del 2003 dietro il pagamento di
    > 100 milioni di dollari.
    >
    >
    > Il primo "Sun" (proprio la prima parola della
    > frase che ho riportato) credo debba essere
    > sostituito con "SCO".
  • Ormai....di quello che dice SCO, ci si pulisce il cuXo!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ormai....di quello che dice SCO, ci si pulisce il
    > cuXo!

    QuotoOcchiolino
  • Anonimo wrote:
    > [...] di quello che dice SCO, ci si pulisce il cuXo!

    Ah ecco: allora non sono l'unico che se ne sbatte dell'opinione di SCO.

    Anche al di la' del caso speifico di SCO, l'opinione che un operatore esprime rispetto ad un suo competitor e' sempre e comunque insignificante.
    ...
    Anche se in effetti il core business di SCO non son piu' gli OS aziendali, bensi' la gestione dei suoi brevetti.

  • - Scritto da: DKDIB
    > Anonimo wrote:
    > > [...] di quello che dice SCO, ci si pulisce il
    > cuXo!
    >
    > Ah ecco: allora non sono l'unico che se ne sbatte
    > dell'opinione di SCO.
    >
    > Anche al di la' del caso speifico di SCO,
    > l'opinione che un operatore esprime rispetto ad
    > un suo competitor e' sempre e comunque
    > insignificante.
    > ...
    > Anche se in effetti il core business di SCO non
    > son piu' gli OS aziendali, bensi' la gestione dei
    > suoi brevetti.

    Vorrai dire "la gestione delle sue cause legali". A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: DKDIB
    > > Anonimo wrote:
    > > > [...] di quello che dice SCO, ci si pulisce il
    > > cuXo!
    > >
    > > Ah ecco: allora non sono l'unico che se ne
    > sbatte
    > > dell'opinione di SCO.
    > >
    > > Anche al di la' del caso speifico di SCO,
    > > l'opinione che un operatore esprime rispetto ad
    > > un suo competitor e' sempre e comunque
    > > insignificante.
    > > ...
    > > Anche se in effetti il core business di SCO non
    > > son piu' gli OS aziendali, bensi' la gestione
    > dei
    > > suoi brevetti.
    >
    > Vorrai dire "la gestione delle sue cause legali".
    > A bocca aperta

    Vorrai dire del suo prox fallimento.
    non+autenticato
  • Leggasi: ce l'abbiamo solo con linux.

    Che tristezza...
    Fan Linux
    non+autenticato
  • no, leggasi: chiunque è ok, basta che ci paghi.
    ciao

  • - Scritto da: Anonimo
    > Leggasi: ce l'abbiamo solo con linux.

    Infatti... ma non e' ora che la scoz cambi ragione sociale e ci scriva "Studio Legale", "Ufficio Tributi"...?
    E' la solita storia: noi amanti del pinguino pestiamo piedi troppo grossi. La realta' e' che li abbiamo contro sia dalla parte del martello che dell'incudine:
    le S.p.A. per loro natura hanno bisogno di incassare d+ dell'anno precedente e quindi faranno di tutto x evitare che un qualcosa di altamente remunerativo perda fette di mercato.
    I politici hanno paura di fare qualsiasi cosa a riguardo perche' non vogliono far crollare gli indici azionari.
    I programmatori di ambiente windows si sentono minacciati perche' il pinguino e' terreno mai visto e inesplorato, e hanno paura di dover buttare via tutte le loro conoscenze e il frutto di anni di lavoro (comprensibile).
    Il fatto e' che noi non daremo fastidio a nessuno se non si inventassero ogni volta una maniera per farci morire.

  • - Scritto da: Mazinga@
    >
    > Il fatto e' che noi non daremo fastidio a nessuno
    > se non si inventassero ogni volta una maniera per
    > farci morire.

    noi chi?

    a meno che tu non scriva dagli states... in italia esistono solo i buonisti open source... si, quelli che ciucciano tutto il gratis della rete e non servono proprio a nulla, se non a screditare il lavoro di chi si alza la mattina non solo per divertirsi a ricompilare il kernel
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Mazinga@
    > >
    > > Il fatto e' che noi non daremo fastidio a
    > nessuno
    > > se non si inventassero ogni volta una maniera
    > per
    > > farci morire.
    >
    > noi chi?
    >
    > a meno che tu non scriva dagli states... in
    > italia esistono solo i buonisti open source...
    > si, quelli che ciucciano tutto il gratis della
    > rete e non servono proprio a nulla, se non a
    > screditare il lavoro di chi si alza la mattina
    > non solo per divertirsi a ricompilare il kernel

    Vero. E' molto più produttivo fare il troll nei forum di PI...
    non+autenticato
  • oh non esiste una volta nella quale non c'è nessuno che non rompe i co... ogni volta che vede scritto Linux, open, ecc.

    non+autenticato