Voto via internet vicino in Gran Bretagna

Robin Cook spera si possa introdurre prima delle prossime elezioni politiche. In primavera i primi test di una rivoluzione. Per attirare nuovi elettori

Londra - La crisi della partecipazione elettorale colpisce in misura diversa molti dei paesi dell'Unione Europea: in Gran Bretagna il 59 per cento degli aventi diritto non ha partecipato alle ultime consultazioni generali. La soluzione? Il voto elettronico.

Robin CookIn una intervista al The Guardian britannico, lo speaker della Camera dei Comuni Robin Cook ha sostenuto che la Gran Bretagna sarà il primo paese al mondo ad utilizzare internet per il voto. Secondo Cook le attuali procedure di voto, così come quelle interne del Parlamento, sono "antiche, risibili, dickensiane" e risalgono a "rituali del 18esimo secolo".

Secondo Cook il voto via internet, con i primi progetti pilota al via la prossima primavera, consentirà di avvicinare alle elezioni molti under40, una fascia di popolazione in cui più elevato sembra essere il tasso di assenteismo.
TAG: mondo
8 Commenti alla Notizia Voto via internet vicino in Gran Bretagna
Ordina
  • Io un po' di crittografia applicata al voto elettronico me la sono studiata, e rimango dell'opinione che non sia quello il problema.
    Gli algoritmi ed i protocolli sicuri (ai fini pratici) esistono, basta un po' di attenzione nel realizzarli.

    Troverei veramente preoccupante, invece, far sparire a cuor leggero LA garanzia di elezioni libere e democratiche, cioè il seggio elettorale.

    Finchè si usa la rete per disseminare seggi in modo più capillare, per consentire a chi vuole votare di farlo senza "migrazioni" verso il paese di residenza anagrafica (che davvero ricordano Maria e Giuseppe 2002 anni fa), tutto va bene, però in luoghi pubblici, sorvegliati, dove un mafioso o semplicemente un coniuge violento non trovi banale costringere una persona a votare per chi vuole lui.

    Che ne pensate?
    non+autenticato
  • Sono perfettamente daccordo sul fatto che il voto deve essere svolto in assenza di pressioni esterne.

    Temo però che altri problemi possano sorgere sul fronte della privacy. Come si potrà sapere (a meno di implementazioni opensource a disposizione di TUTTI, smanettoni compresi) se il sistema software non contenga backdoor & co ? In caso di soluzioni closed-source, più che i craker mi preoccupano le società che produrranno il programma...
    Potrebbe anche accadere che qualche black-hat trovasse un bug passato "inosservato" al produttore. In questo caso potrebbe sfruttarlo a suo piacimento...

    Naturalmente in caso di soluzioni opensource sarà più facile trovare buchi sfruttabili da tutti, ma sarà anche + facile impedire che accada quanto detto sopra...
    non+autenticato
  • Sono ssolutamente d'accordo sui vantaggi dell'open source.

    Purtroppo, il problema della fiducia da porre nel software di questo genere rimane uno dei peggiori.
    Io per esempio uso abitualmente un sistema di firma digitale: secondo la legge italiana, quando
    1) leggo sul video il testo che sto firmando (quindi prendo atto del testo)
    2) sono sano di mente (quindi ne comprendo il significato)
    3) batto il PIN della mia smart card e premo il bottone "firma" (quindi esercito una precisa volontà)

    allora sono legalmente responsabile della mia firma senza poterla disconoscere. E se il SW visualizza un testo e ne firma uno diverso?

    Con rammarico, devo pensare che sarò vecchio prima di poter fare questa operazione su un sistema completamente open source (S.O., interfaccia grafica, driver per la smart card)

    Nel frattempo tento di sensibilizzare colleghi utenti, responsabili dell'acquisizione degli strumenti SW, ecc..., e soprattutto incrocio le dita Triste


    non+autenticato

  • fantastico.
    con la privacy a zero (in gran bretagna come diceva PI possono persino pretendere di avere da te la password per la crittografia)

    quindi NO voto segreto

    e la sicurezza inesistente

    PERFETTO.



    FINALMENTE GLI HACKER ANDRANNO AL POTERE
    COME E' GIUSTO CHE SIA, in una società dominata da questo strumento, deve essere chi detiene la conoscenza ad avere il maggior potere.
    E se lo daranno da soli.

    UGH
    non+autenticato

  • - Scritto da: Pomodadamus
    >
    > fantastico.
    > con la privacy a zero (in gran bretagna come
    > diceva PI possono persino pretendere di
    > avere da te la password per la crittografia)
    >
    > quindi NO voto segreto
    >
    > e la sicurezza inesistente
    >
    > PERFETTO.


    > FINALMENTE GLI HACKER ANDRANNO AL POTERE
    > COME E' GIUSTO CHE SIA, in una società
    > dominata da questo strumento, deve essere
    > chi detiene la conoscenza ad avere il
    > maggior potere.
    > E se lo daranno da soli.
    >
    > UGH


    ne interpreto un significato ironico, e forse geniale allo stesso tempo, anche nei dettagli, in particolare il "da soli" finale.

    E` possibile che hacker, e con questo termine intendo profondi e ampi conoscitori consapevoli delle logiche e tecnologie che coproducono, aumentino il loro potere nei prossimi anni, magari non truccando i voti o usando iperspazi di comunicazione, ma semplicemente perche`c'e` chi comincia a fare considerazioni come le tue.
    Peggio sarebbe se si facessero usare.

    La conoscenza non e` completa, quanto ne siamo consapevoli?
    Con la capacita` di ottimizzare di un hacker (benintenzionato, ci mancherebbe...) potremmo avere una societa` ottimizzata, ma l'umanita` e` tutta compatibile? ci avvicinaremo al baricentro perche` cosi` girarereremo piu' in fretta?

    Saluti,
    marGi.am
    non+autenticato
  • secondo me avvicineranno solo degli hacker e valanghe di lamer...

    comunque non mi sembra responsabile voler attirare nuovi elettori tirandogli qualche banana

    Il voto dev'essere una scelta libera e responsabile e se per esercirare questo diritto dobbiamo uscire di casa e fare qualche coda amen.

    Dopotutto non possiamo pensare di far valere i nostri diritti SOLO se sono a portata di mouse.
    non+autenticato
  • non hai capito...
    sanno tutto della nostra vita, perche non vedere come votiamo anche ???
    ;-0)

    - Scritto da: GodSaveTheQueen
    > secondo me avvicineranno solo degli hacker e
    > valanghe di lamer...
    >
    > comunque non mi sembra responsabile voler
    > attirare nuovi elettori tirandogli qualche
    > banana
    >
    > Il voto dev'essere una scelta libera e
    > responsabile e se per esercirare questo
    > diritto dobbiamo uscire di casa e fare
    > qualche coda amen.
    >
    > Dopotutto non possiamo pensare di far valere
    > i nostri diritti SOLO se sono a portata di
    > mouse.
    non+autenticato
  • Sono d'accordo con te.
    Al massimo si potrebbe istituire qualcosa del genere solo per chi è realmente impossibilitato ad andare a votare.
    Di questo passo gli occidentali staranno 24 su 24 in casa, perchè potranno fare tutto via Internet...
    non+autenticato