IBM, più di 3mila brevetti in un anno

Di nuovo in cima alle imprese americane per il numero di brevetti, il colosso informatico è la prima azienda a superare quota 3mila in un anno. Che bello

Washington (USA) - Sono 3.411 i brevetti acquisiti da IBM nel corso del 2001 negli USA: mai nessuna azienda statunitense era riuscita ad ottenere tanto in un anno dallo United States Patent and Trademark Office.

L'enorme numero di brevetti di IBM si deve anche all'incessante attività di ricerca dei laboratori del colosso informatico che nelle sue fila conta la bellezza di 150mila persone, tra ingegneri e scienziati. Grazie a questo esercito di ricercatori, IBM punta proprio al brevetto di tecnologie e soluzioni spesso ancora molto lontane dal poter essere applicate "al mondo reale". Va detto anche che solo IBM conduce una varietà così ampia di ricerche, che vanno dalla scienza dei materiali alle soluzioni di storage, dai semiconduttori al software, dalla progettazione dei sistemi al design e via dicendo.

Un'attività che per nove anni l'ha portata in testa alla singolare classifica delle imprese americane con il maggior numero di brevetti e che nel 2001 ha segnato un incremento di quasi il 20 per cento rispetto al 2000, quando i brevetti erano stati "solamente" 2.886.

Suzanne Harrison, esperta della società specializzata in questioni di proprietà intellettuale ICMG, ha dichiarato ad Associated Press che l'approccio di IBM ai brevetti è particolare: "IBM guarda al proprio portfolio di brevetti molto più come un business da sfruttare che come una forma di protezione legale, come invece accade nella maggioranza delle imprese americane".
Anche per questa "visione", IBM raccoglie 1,7 miliardi di dollari all'anno in royalty, per lo sfruttamento di propri brevetti da parte di aziende terze.

Ma se IBM aumenta il numero dei propri brevetti questo accade anche con una pletora di altre aziende dell'alta tecnologia, in un trend che è finito più volte nel mirino dei critici che lo ritengono pericoloso. La cosiddetta "brevettazione selvaggia" consentita dalle normativa americane, infatti, secondo molti porterebbe di fatto all'impossibilità di utilizzo di sistemi, tecnologie e soluzioni da parte di terzi, con conseguenze pesantissime sullo sviluppo e l'innovazione. Un dibattito che, a quanto pare, IBM ha intenzione di alimentare.
15 Commenti alla Notizia IBM, più di 3mila brevetti in un anno
Ordina

  • forse puo' sembrare strana questa domanda, ma mi chiedevo dove sono tutte queste nuove tecnologie...piu' di 3000...quasi 10 al giorno...

    mi spiego meglio...
    io brevetto una mia invenzione o opera di ingegno (quello che e' insomma) se mi voglio tutelare da eventuali altri furbi che mi copiano l'idea e la vendono al posto mio....facendomi perdere soldi.

    ed e' qui che cominciano i miei dubbi...se io non vendo mai questa tecnologia ? cioe' me la tengo ben nascosta...senza dire niente a nessuno...poi tra qualche hanno quando un altro avra' la stessa idea e magari la mettera' in commercio facendo un bel po' di soldi...allora lo denuncio...e incasso i diritti

    perche' brevettano + di 3000 tecnologie senza metterle in commercio...
    se io brevetto una tecnologia non dovrebbe diventare di dominio pubblico ?
    in modo che altri possano utilizzarla, e pagare regolarmente l'utilizzo di tale tecnologia ?

    perche'utilizzare il brevetto per proteggere qualcosa che viene tenuto nascosto...segreto...
    e se un'altro arrivasse alla stessa tecnologia (senza sapere, copiare ecc...) il brevetto dovrebbe essere valido comunque ?
    non e' anche la seconda un'opera di ingegno ?

    insomma che senso avrebbe proteggere con brevetto una tecnologia di cui non si sapra' mai nulla x chissa' quanto tempo...magari mai...
    non+autenticato
  • la speculazione e solo una delle componenti della piu larga cosidetta "tutela"...
    ;-0)
    comunque alcuni brevetti meritterebbero di essere brevettati (5%) gli altri li sbatterei fuori a calci nelle palle...
    ;-0)

    > ed e' qui che cominciano i miei dubbi...se
    > io non vendo mai questa tecnologia ? cioe'
    > me la tengo ben nascosta...senza dire niente
    > a nessuno...poi tra qualche hanno quando un
    > altro avra' la stessa idea e magari la
    > mettera' in commercio facendo un bel po' di
    > soldi...allora lo denuncio...e incasso i
    > diritti
    ovviamente...vero...
    ;-0)
    cosi quello fa il lavoro si sbatte per vendere, ecc...e tu incassi solo perche hai progettato una componente FONDAMENTALE dell'ingranaggio
    ;-0)

    > perche' brevettano + di 3000 tecnologie
    > senza metterle in commercio...
    > se io brevetto una tecnologia non dovrebbe
    > diventare di dominio pubblico ?
    anche la nasa brevetta cose...ma non diventano di dominio pubblico per una ventinna di anni
    ;-0)
    con un po di pazienza...

    > in modo che altri possano utilizzarla, e
    > pagare regolarmente l'utilizzo di tale
    > tecnologia ?
    e solo questione di potere...io ho il potere e tu t'attachi
    ;-0)

    > perche'utilizzare il brevetto per proteggere
    > qualcosa che viene tenuto
    > nascosto...segreto...
    > e se un'altro arrivasse alla stessa
    > tecnologia (senza sapere, copiare ecc...) il
    > brevetto dovrebbe essere valido comunque ?
    > non e' anche la seconda un'opera di ingegno ?
    ci sei arrivato prima tutto qui...quindi il secondo si suppone abbia copiato
    ;-0)

    > insomma che senso avrebbe proteggere con
    > brevetto una tecnologia di cui non si sapra'
    > mai nulla x chissa' quanto tempo...magari
    > mai...
    e magari a 80 anni dopo la morte dell'inventore uno inventa una cosa simile e i suoi nipotini cosi possono andare alle hawaii
    ;-0)

    non+autenticato
  • Nell'articolo:
    >Anche per questa "visione", IBM raccoglie 1,7 >miliardi di dollari all'anno in royalty, per lo >sfruttamento di propri brevetti da parte di >aziende terze.

    Eccoti spiegato il nocciolo della questione.
    Ciao
    K.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Konrad
    > Nell'articolo:
    > >Anche per questa "visione", IBM raccoglie
    > 1,7 >miliardi di dollari all'anno in
    > royalty, per lo >sfruttamento di propri
    > brevetti da parte di >aziende terze.
    >
    > Eccoti spiegato il nocciolo della questione.
    > Ciao
    > K.

    ma non e' questa la domanda....
    non metto in dubbio la validita' del brevetto x tecnologie vendute e usate da altri...

    la domanda era : e' giusto brevettare e poi tenere nascoste le tecnologie ???
    non sarebbe meglio renderle pubbliche una volta brevettate in modo che altri possano usarle...e quindi pagare per l'utilizzo...magari migliorale, svilupparne di nuove...

    mi piacerebbe sapere quante ne hanno brevettate e da quante invece guadagnano...

    sapendo che sono state brevettate cosi' tante tecnologie quale azienda si mettera' a cercarne altre correndo il rischio di trovarne una gia' brevettate di cui non sapeva nulla perche' tenuta segreta...sprecando soldi e tempo....
    non si rischia di bloccare cosi' lo sviluppo e di buttare soltanto un sacco di soldi...
    senza parlare di possibili monopoli o posizioni dominanti...o pressioni che potrebbe esercitare chi possiede cosi' tante tecnologie...

    ovviamente su alcune il segreto e' dettato da motivi nazionali...(ma anche qui si potrebbe discutere)....ma le altre ?

    non+autenticato


  • - Scritto da: gpl
    >
    > forse puo' sembrare strana questa domanda,
    > ma mi chiedevo dove sono tutte queste nuove
    > tecnologie...piu' di 3000...quasi 10 al
    > giorno...

    Magari non sono (ancora) applicabili ai prodotti odierni, o magari servono per tenere "buono" qualche concorrente.

    >
    > mi spiego meglio...
    > io brevetto una mia invenzione o opera di
    > ingegno (quello che e' insomma) se mi voglio
    > tutelare da eventuali altri furbi che mi
    > copiano l'idea e la vendono al posto
    > mio....facendomi perdere soldi.
    >
    > ed e' qui che cominciano i miei dubbi...se
    > io non vendo mai questa tecnologia ? cioe'
    > me la tengo ben nascosta...senza dire niente
    > a nessuno...poi tra qualche hanno quando un
    > altro avra' la stessa idea e magari la
    > mettera' in commercio facendo un bel po' di
    > soldi...allora lo denuncio...e incasso i
    > diritti

    Magari è così. Comunque brevettare un'idea vuol dire anche renderla pubblica, visto che per brevettare un'idea occorre un'accurata (si spera) documentazione, la quale rimane depositata e consultabile presso l'ufficio brevetti. Poi se mi dici che uno dovrebbe andare a scartabellare i milioni di brevetti depositati negli uffici brevetti di tutto il mondo.... beh: HAI RAGIONE !!!

    >
    > perche' brevettano + di 3000 tecnologie
    > senza metterle in commercio...
    > se io brevetto una tecnologia non dovrebbe
    > diventare di dominio pubblico ?

    Dopo N anni. Con, se non ricordo male, N = 25.

    > in modo che altri possano utilizzarla, e
    > pagare regolarmente l'utilizzo di tale
    > tecnologia ?

    Per pagare vuol dire che non è di pubblico dominio... Forse intendevi che deve essere divulgato il brevetto. In effetti spesso si fa così. Però maagari a volte si preferisce brevettare un'idea non ancora applicabile per evitare che ci arrivino altri, ma non divulgarla in modo che altri non possano mettersi a studiare idee analoge che magari aggirino il brevetto.

    >
    > perche'utilizzare il brevetto per proteggere
    > qualcosa che viene tenuto
    > nascosto...segreto...
    > e se un'altro arrivasse alla stessa
    > tecnologia (senza sapere, copiare ecc...) il
    > brevetto dovrebbe essere valido comunque ?

    Si.

    > non e' anche la seconda un'opera di ingegno ?

    Chi primo arriva, meglio arraffa...


    Una considerazione finale sui 3000 brevetti all'anno: molti sicuramente sono frutto della ricerca di IBM, ma, trattandosi di una grande azienda, non vorrei che molti servissero solo a far numero a qualcuno.... magari perchè fare più di tot. brevetti significa incentivi economici o carriera più rapida...anche se si brevetta la macchina per imbottigliare l'insalata... Sembra assurdo ma nelle grandi aziende a volte succede.
    non+autenticato
  • questa di brevettare qualunque cosa x fare numero proprio non la sapevo....
    ma chi decide le sovvenzioni o gli aiuti guarda solo il numero ? e non l'utilita' effettiva...

    cmq, sono d'accordo sul fatto che chi arriva prima prende i soldi....non e' mia intenzione cambiare questa regola...

    quello che mi sembra di capire e' che di questi tempi il brevetto sia passato da arma difensiva ad arma offensiva...quasi da estorsione...
    e questo non mi piace x niente...
    ovviamente chi concede brevetti ha molte colpe...e dovrebbe stare con 5000 occhi aperti...e invece sembra che ne abbia solo 100 e un po' troppo chiusi...

    aumentano continuamente casi in cui un'azienda dopo aver investito soldi e commercializzato un prodotto, e magari raggiunto una quota consistente di mercato si veda arrivare una bella causa x qualche brevetto che avrebbe infranto....
    per non parlare di tecnologie della rete....e di chissa' quante altre cose.

    se non ricordo male qualcuno provo' a farsi riconoscere il brevetto del hyperlink...forse era proprio su PI l'articolo...

    insomma e' questo uso (lecito) del brevetto che mi lascia perplesso....perche' si fa' presto a pensare male...

    poi questo strumento messo nelle mani di una societa' cosi' grossa e con tante risorse e soldi...

    cmq cerchero' di capire se i brevetti sono o non sono divulgatiSorride ....e non intendo una descrizione sommaria...ma proprio i progetti ecc...questo e' quello che intendo...

    anzi se qualcuno lo sa gia'....mi risparmia un po' di lavoro
    non+autenticato
  • C'e' da riconoscere cmq che IBM investe pesantemente nel settore della ricerca dando lavoro a molti professionisti. Il mondo della ricerca ha bisogno di grandi finanziamenti, spesso insopportabili per una pubblica amministrazione (la ricerca universitaria non potrebbe vivere di soli finanziamenti pubblici).
    L'attivita' di IBM va quindi vista prima di tutto come un grande incentivo all'innovazione tecnologica. Del resto non c'e' nuova tecnologia che non venga brevettata e utilizzata a fini di lucro.... nel lungo periodo, una volta realizzati i profitti, si spera nella disponibilita' su larga scala ed a prezzo ragionevole (e cmq sempre grossi introiti per l'azienda).....
    Il problema/pericolo e': quanto se ne approfitta IBM? Il time-to-market viene considerato? con quale peso?
    non+autenticato
  • beh, IBM fa quello che _tutte_ le grandi aziende fanno... Per dare una occhiata alle tecnologie brevettate e mai rilasciate (o quelle che faranno questa fine) basta navigare nelle sezioni R&D dei siti delle aziende:

    http://www.research.ibm.com/
    http://research.microsoft.com/
    http://research.sun.com

    ne cito solo 3 (ed anche in ordine alfabetico) perchè sono quelli che frequento + abitualmente, ma anche sul sito di Apple c'è qlc del genere, anche se molto + "light"
    non+autenticato
  • sta per scadere il termine per la presentazione delle domande, ma c'è ancora un po' di tempoi per gli inventori italiani che abbiano idee creative capaci di cambiare la vita e abbiano voglia di aprtecipare a un premio indetto dalla rivista Focus. Il valore del premio è di 25 milioni.
    per maggiori informazioni (il termine è il 31 gennaio 2002) il sito è
    www.premiofocus.it
    non+autenticato
  • Complimenti, così va a finire che brevettano la ruota. Di nuovo.

    A presto,

    Zane - Responsabile sviluppo e promozione "Zane & Friends Site" http://www.zanezane.net
    non+autenticato
  • VAI A CASA...

    ci tenevi a far pubblicità al tuo sito?
    non+autenticato
  • E' vero buffone.

    che senso ha trascinassi dietro il sito di zanne zanne bianche bianche?

    - Scritto da: Zane
    > Complimenti, così va a finire che brevettano
    > la ruota. Di nuovo.
    >
    > A presto,
    >
    > Zane - Responsabile sviluppo e promozione
    > "Zane & Friends Site"
    > http://www.zanezane.net
    non+autenticato

  • Guarda che nessuno vieta di mettere la firma sui forum, nè tantomeno vieta di metterci un url. Tu, stolto che non sei altro, limitati a commentare la notizia e non a fare polemica inutilmente.

    Bah!

    - Scritto da: tibbi
    > E' vero buffone.
    >
    > che senso ha trascinassi dietro il sito di
    > zanne zanne bianche bianche?
    >
    > - Scritto da: Zane
    > > Complimenti, così va a finire che
    > brevettano
    > > la ruota. Di nuovo.
    > >
    > > A presto,
    > >
    > > Zane - Responsabile sviluppo e promozione
    > > "Zane & Friends Site"
    > > http://www.zanezane.net
    non+autenticato
  • è gia stata brevettata in australia!
    propio l'anno scorso
    non+autenticato


  • - Scritto da: psy
    > è gia stata brevettata in australia!
    > propio l'anno scorso

    ... e l'inventore s'è beccato pure il premio IgNobel. Hehe...
    non+autenticato