Con TIM si chiama a carico del destinatario

L'operatore introduce sul mercato italiano una novità che potrà interessare molti. Si può chiamare a spese di chi riceve, se abbonato TIM. I dettagli di una prima

Roma - In Italia è il primo servizio del genere e consente ad un utente TIM di chiamare un altro abbonato al primo operatore di telefonia mobile italiano senza spendere un centesimo di euro: la tariffazione avviene infatti a carico del destinatario, qualora questi accetti la chiamata.

Fino all'11 aprile di quest'anno, i fruitori del servizio TIM "4888 PayForMe", sia TACS che GSM, potranno contare su una promozione che lega questo tipo di telefonata ad una tariffa di 20 centesimi al minuto (Iva inclusa).

Per sfruttare il servizio, che non costa alcunché al chiamante, il destinatario della telefonata deve avere sulla propria prepagata almeno 3 euro di credito. Chi chiama, deve semplicemente anteporre al numero da chiamare il codice "4888", in modo tale che il destinatario venga avvertito da TIM dell'arrivo di una telefonata a proprio carico. La chiamata ha luogo soltanto se chi la riceve dà il proprio via libera alla conversazione.
Le modalità variano leggermente a seconda del tipo di profilo tariffario scelto dall'utente. Per chi dispone di un profilo al secondo, per esempio, alla risposta vengono addebitati 20 centesimi (Iva inclusa), e il resto della chiamata è tariffato sui secondi effettivi di utilizzo. I profili a scatti, invece, hanno un addebito di 20 centesimi alla risposta (Iva inclusa) che comprende però i primi 5 secondi della telefonata. Ogni scatto successivo dura 60 secondi e costa 20 centesimi (sempre Iva inclusa).

Attenzione però: l'uso del nuovo servizio TIM non è valevole per i bonus di chiamata, sia per chi la fa che per chi la riceve. Inoltre 4888 PayForMe è attivo solo se entrambi i telefonini coinvolti si trovano in Italia.
12 Commenti alla Notizia Con TIM si chiama a carico del destinatario
Ordina