Gates: la sicurezza ce l'ho in testa

In un messaggio destinato ai propri dipendenti, ma divenuto di pubblico dominio, Gates sembra voler dare una svolta alla filosofia di sviluppo di Microsoft. Priorità assolute, dice, sicurezza e privacy

Gates: la sicurezza ce l'ho in testaRedmond (USA) - "Quando dobbiamo scegliere fra aggiungere funzionalità e risolvere problemi di sicurezza, dobbiamo scegliere la sicurezza". E' con queste parole, contenute in una e-mail inviata il 15 gennaio a tutti i dipendenti di Microsoft e "casualmente" finita nelle mani di Associated Press, che Bill Gates intende dare inizio ad una nuova iniziativa: quella del "Trustworthy Computing" (computing fidato, sicuro).

Nella sua lettera Gates afferma che oggi non esiste nessuna piattaforma "trustworthy", ossia "disponibile, affidabile e sicura come l'elettricità, l'acqua e la telefonia", come a dire: "I nostri avversari non sono meglio di noi". Sottolineando ancora una volta la fragilità dei computer, Gates esorta i suoi affinché sviluppino "prodotti che evidenzino le loro capacità di sicurezza non appena installati" e facciano della filosofia "Trustworthy Computing" il primo obiettivo nello sviluppo e ottimizzazione della piattaforma.NET.

Raccomandazioni con cui Gates sembra voler dare una svolta nella filosofia di sviluppo di Microsoft, più volte accusata di focalizzarsi troppo sulle funzionalità e troppo poco sulla sicurezza e la privacy.
"Gli utenti dovrebbero poter controllare in che modo i loro dati vengono usati", scrive il "redento" Gates. "Dovrebbe essere facile per gli utenti specificare l'uso più appropriato delle proprie informazioni, incluso il controllo delle e-mail che spediscono".

Ma a chi voleva davvero rivolgersi Gates nella sua e-mail? Secondo diversi commentatori sarebbe fin troppo evidente l'intenzione del boss di Microsoft di trasformare quello che formalmente avrebbe dovuto essere un messaggio confidenziale, rivolto al proprio staff, in un comunicato pubblico. Un'abile mossa di public relation? E' quello che pensano diversi analisti, i quali sostengono come Microsoft, in questo momento, abbia un gran bisogno di riabilitare la propria immagine nel settore della sicurezza.

Proprio di recente, e nonostante il varo, lo scorso autunno, dello Strategic Technology Protection Program, Microsoft ha dovuto affrontare una grave e imbarazzante falla in Windows XP, un'altra seria vulnerabilità in Internet Explorer e, proprio pochi giorni fa, un guasto tecnico ad uno dei suoi server principali che ha causato il parziale blocco, durato cinque giorni, degli aggiornamenti automatici per gli utenti di Windows XP.

Ma Gates promette: tutto questo presto cambierà. Ecco come.
TAG: microsoft
384 Commenti alla Notizia Gates: la sicurezza ce l'ho in testa
Ordina
  • -------------------------------------------------------------------------------------------------
    Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato
  • se avesse la minkia in testa farebbe (magari) sistemi
    cazzuti...non ste pappaflosce!
    non+autenticato
  • Sempre più disinformati (forse interessati, quando non ingenui) continuano a negare la realtà del monopolio microsoft.

    Questi disinformatori disinformati continuano a parlare dei loro casi personali di limitata libertà di installarsi quel che vogliono sul loro PC, dimenticandosi che l'intero mercato si valuta su TUTTI i PC immessi sul mercato.

    L'analisi di questo mercato è stata effettuata durante il processo contro microsoft, ed è stata dibattuta con l'intero esercito di avvocati, compresi quelli di microsoft.
    Questa analisi ha portato alla seguente conclusione: microsoft gode di una posizione di monopolio ("Microsoft enjoys monopoly power")

    http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htm

    <<MICROSOFT'S POWER IN THE RELEVANT MARKET

    33. Microsoft enjoys so much power in the market for Intel-compatible PC operating systems that if it wished to exercise this power solely in terms of price, it could charge a price for Windows substantially above that which could be charged in a competitive market. Moreover, it could do so for a significant period of time without losing an unacceptable amount of business to competitors. In other words, Microsoft enjoys monopoly power in the relevant market.

    34. Viewed together, three main facts indicate that Microsoft enjoys monopoly power. First, Microsoft's share of the market for Intel-compatible PC operating systems is extremely large and stable. Second, Microsoft's dominant market share is protected by a high barrier to entry. Third, and largely as a result of that barrier, Microsoft's customers lack a commercially viable alternative to Windows. >>

    quindi la libertà di scelta è praticamente nulla, secondo questa sentenza (confermata in Appello e in Corte Suprema)

    I "negazionisti" possono strepitare quanto vogliono, parlando del loro "piccolo orto" in cui sono sempre stati "liberi" di mettere win95,win98,winME,win2000,winXP sul loro PC.

    L'intero mercato non può essere visto con gli occhi di questi piccoli "ortolani".

    L'intero mercato, ORA si valuta a partire dalla posizione di monopolio di microsoft, che ora è stabilita LEGALMENTE.




    non+autenticato
  • > L'intero mercato non può essere visto con
    > gli occhi di questi piccoli "ortolani".

    > L'intero mercato, ORA si valuta a partire
    > dalla posizione di monopolio di microsoft,
    > che ora è stabilita LEGALMENTE.

    Ortolano sarai tu.
    Il giudice che ha emesso quella sentenza si è ritirato dopo averla emessa, ritirati anche tu, ortolano...

    E poi si sa quanto sono bravi in USA con la giustizia... e non voglio enumerare quello che sanno anche i sassi.

    La realtà è che chiunque può comprarsi un PC SENZA OS e mettergli quello che vuole.
    Se Linux vuole aumentare il suo 3% dovrebbe cominciare a diventare più semplice, poichè la filosofia che può essere usato solo dai nerd che passano il tempo a leggere manuali non lo porterà da nessuna parte.
    non+autenticato


  • - Scritto da: non ignorante
    > > L'intero mercato non può essere visto con
    > > gli occhi di questi piccoli "ortolani".
    >    
    > > L'intero mercato, ORA si valuta a partire
    > > dalla posizione di monopolio di microsoft,
    > > che ora è stabilita LEGALMENTE.
    >

    > Il giudice che ha emesso quella sentenza si
    > è ritirato dopo averla emessa,

    Ma quella sentenza è stata EMESSA, ed è stata confermata in sede di Appello (vuoi che anche i giudici di Appello si dimettano?) e in sede di Corte Suprema (e magari vuoi che si dimettano anche quelli)

    La sentenza ha 3 (tre) gradi di giudizio.

    E mi devi dimostrare che quelle dimissioni sono dovute a qualche conseguenza incorsa nel processo

    > E poi si sa quanto sono bravi in USA con la
    > giustizia... e non voglio enumerare quello
    > che sanno anche i sassi.

    nondimeno è con questa sentenza che si fa i conti.
    D'altronde, se questa sentenza non sta bene a te, sta bene a MOLTI altri (ad esempio alle aziende che sono sate danneggiate dal monopolio di microsoft)

    > La realtà è che chiunque può comprarsi un PC
    > SENZA OS e mettergli quello che vuole.

    ma il mercato si fa con i numeri, non con gli IPOTETICI "chiunque". Quei numeri sono stati GIUDICATI. Le barriere del mercato sono state MISURATE. E una sentenza in merito è stata emessa.

    Le tue opinioni rimangono quelle di un piccolo coltivatore diretto che vede solo il suo orto e gli sembra che tutto il mondo si coltivi come piace a lui





    non+autenticato
  • > Ma quella sentenza è stata EMESSA, ed è
    > stata confermata in sede di Appello (vuoi
    > che anche i giudici di Appello si
    > dimettano?) e in sede di Corte Suprema (e
    > magari vuoi che si dimettano anche quelli)

    Mmmhh, ma sei sicuro che l'abbiano condannata in tutti e 3 i gradi ? Io ho letto che invece aveva vinto nei gradi successivi... proprio su Punto Informatico. Mi posti l'articolo di PI dove si dice che la MS ha perso nei gradi successivi ?
    Thank you

    > > E poi si sa quanto sono bravi in USA con
    > la
    > > giustizia... e non voglio enumerare quello
    > > che sanno anche i sassi.

    > nondimeno è con questa sentenza che si fa i
    > conti.
    > D'altronde, se questa sentenza non sta bene
    > a te, sta bene a MOLTI altri (ad esempio
    > alle aziende che sono sate danneggiate dal
    > monopolio di microsoft)

    Quelle aziende dovrebbe cercare di fare di meglio piuttosto che cercare rimborsi per la loro incapacità.
        
    > > La realtà è che chiunque può comprarsi un
    > PC
    > > SENZA OS e mettergli quello che vuole.

    > ma il mercato si fa con i numeri, non con
    > gli IPOTETICI "chiunque". Quei numeri sono
    > stati GIUDICATI. Le barriere del mercato
    > sono state MISURATE. E una sentenza in
    > merito è stata emessa.

    Il fatto che invece si possa comprare di fatto ovunque un PC senza OS la dice lunga sulla sentenza e su tutte le corbellerie che hai detto.

    > Le tue opinioni rimangono quelle di un
    > piccolo coltivatore diretto che vede solo il
    > suo orto e gli sembra che tutto il mondo si
    > coltivi come piace a lui

    Chissà perchè siamo nel 95% nel mondo a pensarla così... non è che i coltivatori diretti col loro piccolo orticino siete voi con il vostro 3% di Linux ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: non ignorante
    > > Ma quella sentenza è stata EMESSA, ed è
    > > stata confermata in sede di Appello (vuoi
    > > che anche i giudici di Appello si
    > > dimettano?) e in sede di Corte Suprema (e
    > > magari vuoi che si dimettano anche quelli)
    >
    > Mmmhh, ma sei sicuro che l'abbiano
    > condannata in tutti e 3 i gradi ? Io ho
    > letto che invece aveva vinto nei gradi
    > successivi... proprio su Punto Informatico.
    > Mi posti l'articolo di PI dove si dice che
    > la MS ha perso nei gradi successivi ?
    > Thank you

    ecco le informazioni che volevi, e che da "non ignorante" avresti dovuto conoscere.

    questo è il sito sul processo

    http://www.usdoj.gov/atr/cases/ms_index.htm

    Anzitutto c'è il testo del "Finding Of Facts",

    http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htm
    http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudge.pdf

    che verifica la condizione di monopolio di microsoft, e ne riscontra il reato di violazione della legge Sherman (Sherman Act, article 2), ovvero "abuso di posizione dominante", nel caso specifico delle manovre perpetrate da microsoft contro Netscape.
    Successivamente, qui

    msft.cadc.uscourts.gov/cadc/00-5212a.pdf

    c'è il testo della corte d'appello, che CONFERMA il "Finding Of Facts", anche se rigetta i correttivi proposti da giudice che ha redatto il Finding Of Facts

    msft.cadc.uscourts.gov/cadc/00-5212a.pdf

    Questo è il testo della sentenza della Corte d'Appello.

    Leggendo troverete che l'unica cosa che non è stata accettata della precedente sentenza, è la "cura" proposta, e cioè lo smembramento. La cura è stata rinviata al successivo dibattimento, ma la "malattia" è stata riconosciuta per tale: microsoft attende la PENA o CORRETTIVO.

    Se si _legge_ ci si troverà:

    "Il giudizio di primo grado è in parte accolto, in parte annullato, in parte rimesso a nuovo giudice".

    La parte confermata risulta la spina nel fianco della microsoft, e afferma che la microsoft viola l'articolo 2 dello Sherman Act (una legge antitrust USA), ovvero microsoft si trova in situazione di monopolio per quanto riguarda il mercato del software per personal computer.

    Quanto alla parte annullata, e rimessa alla decisione di una nuova corte distrettuale, si tratta di quella che riguarda i RIMEDI per ripristinare le condizioni di libera concorrenza negate dalle manovre del monopolio esistente sul mercato (microsoft).

    Quindi la Corte d'Appello ha confermato il punto cruciale che veniva negato da microsoft:

    microsoft agisce come un monopolio, e da tale deve essere trattato in sede giuridico-economica.

    Tanto è vero che poi gli avvocati della microsoft hanno provato a far ridecidere TUTTO in sede di corte suprema USA, ma il tentativo gli è andato buco,

    http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=37565

    infatti la Corte Suprema federale degli Stati Uniti ha respinto la richiesta di microsoft di rilevare il procedimento giudiziario.
    La corte suprema si è semplicemente rifiutata di rivedere la sentenza della Corte d'Appello, confermandone la validità GIURIDICA.

    Ecco l'articolo di punto informatico che chiedevi

    <<10/10/01 - News - Washington (USA) - La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso di non accogliere la richiesta con la quale Microsoft chiedeva al massimo tribunale americano di occuparsi del procedimento antitrust che la vede coinvolta.
    La decisione della Corte, sebbene attesa dalla maggior parte degli esperti e degli osservatori, nega di fatto a Microsoft la possibilità di mettere in discussione la sentenza secondo la quale l'azienda ha violato le regole della concorrenza con i suoi spregiudicati comportamenti sul mercato del software e dei sistemi operativi in particolare.
    La Corte non ha addotto alcuna esplicita motivazione nel respingere la richiesta di Microsoft, dando quindi "carta bianca" alla Corte d'Appello che sta lavorando sul caso e che a giugno ha da un lato confermato la sentenza di primo grado sul comportamento dell'azienda e dall'altra ha sconfessato una parte consistente del lavoro del giudice di primo grado, Thomas Penfield Jackson, che è stato rimosso dal caso. Tra le decisioni più rilevanti prese dalla Corte d'Appello anche quella con cui si è ritenuto che lo smembramento di Microsoft in più aziende non sia risolutorio e dunque non vada perseguito. Rimangono quindi sul tappeto le accuse più pesanti contro Microsoft.
    A decidere il futuro dell'azienda, però, potrebbe non essere direttamente la Corte d'Appello, qualora entro il prossimo 2 novembre Microsoft trovasse un accordo con il ministero della Giustizia americano e i 18 stati che rappresentano l'accusa nel procedimento. Proprio il presidente della Corte d'Appello, Colleen Kollar-Kotelly, aveva ordinato alle due parti di sedersi intorno ad un tavolo per un ultimo tentativo di accordo, sul successo del quale però gli analisti sono perlopiù scettici.
    Qualora questo forzato giro di incontri si concludesse con un nulla di fatto, il prossimo marzo il giudice darà vita alle udienze conclusive per stabilire quali devono essere i limiti all'attività di Microsoft e come va punito il comportamento fin qui tenuto dall'azienda. Il giudice ha tenuto a sottolineare a Microsoft, che aveva chiesto di ridurre l'ampiezza delle possibili sanzioni, di avere "ampie possibilità di azione", nel caso si dovesse trovare a decidere in aula il futuro dell'azienda.
    La decisione della Corte Suprema di fatto velocizza i tempi del procedimento antitrust, così come chiesto più volte proprio dal Dipartimento di Giustizia che già a settembre aveva rinunciato alla richiesta di smembramento di Microsoft per rendere più rapidi i successivi passi del processo. Anche per questo ieri un portavoce del Dipartimento ha confermato la propria soddisfazione per il rifiuto della Corte Suprema.
    Dal suo canto, Microsoft ha fatto buon viso a cattivo gioco, dichiarando che "aderirà alle richieste della Corte di continuare a lavorare con il Governo per trovare una soluzione al caso"
    >>


    > > > E poi si sa quanto sono bravi in USA
    > con
    > > la
    > > > giustizia... e non voglio enumerare
    > quello
    > > > che sanno anche i sassi.
    >    
    > > nondimeno è con questa sentenza che si fa
    > i
    > > conti.
    > > D'altronde, se questa sentenza non sta
    > bene
    > > a te, sta bene a MOLTI altri (ad esempio
    > > alle aziende che sono sate danneggiate dal
    > > monopolio di microsoft)
    >
    > Quelle aziende dovrebbe cercare di fare di
    > meglio piuttosto che cercare rimborsi per la
    > loro incapacità.

    data la sentenza di colpevolezza ottenuta, la microsoft è semplicemente REA di aver approfittato della sua posizione di vantaggio.

    Quelle aziende hanno tutto il diritto di ottenere i risarcimenti del caso, visto che microsoft è stata riconosciuta colpevole.

    > > > La realtà è che chiunque può comprarsi
    > un
    > > PC
    > > > SENZA OS e mettergli quello che vuole.
    >
    > > ma il mercato si fa con i numeri, non con
    > > gli IPOTETICI "chiu
    non+autenticato
  • Se Linux è usato solo dal 3% delle persone, *pur essendo gratuito*, la colpa non è nè di Microsoft, nè dei produttori di hardware, nè degli utenti che non vogliono stare lì a studiare tonnellate di manuali per farlo funzionare. La colpa è solo ed esclusivamente sua (so che sembrerà un'eresia agli adepti...), perchè non è affatto semplice da usare, tutto qui, anzi è davvero ostico !

    Se fosse veramente user-frendly, allora si diffonderebbe davvero a macchia d'olio e conquisterebbe più mercato di Microsoft, allora i produttori di hardware sarebbero motivatissimi a scrivere drivers per Linux e fare PC di marca con Linux preistallato.

    Internet Explorer prima aveva il 3% e con la qualità, la gratuità e la facilità ha superato Netscape, che aveva l'80% e costava quanto il Windows (200.000 lire, uno scandalo, ma nessuno inorridisce come mai ???). Nessuno era obbligato a usare uno o l'altro, Netscape ha perso perchè spendere 200.000 lire per avere funzioni peggiori rispetto a quelle di IE era da pazzi.

    Linux ha il vantaggio della gratuità, ma è troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso nella sua filosofia, resterà con il suo 3% !
    Peggio per lui.
    non+autenticato
  • > Se Linux è usato solo dal 3% delle persone,
    > *pur essendo gratuito*, la colpa non è nè di
    > Microsoft, nè dei produttori di hardware, nè
    > degli utenti che non vogliono stare lì a
    > studiare tonnellate di manuali per farlo
    > funzionare.
    invece e colpa degli utonti...

    > Internet Explorer prima aveva il 3% e con la
    > qualità,
    hahahhahahahaha
    come dicevo prima l'importante e crederci...
    ma perche perdo tempo a risponderti ??? vabbe ormai finiamo sto post poi smetto...

    > Linux ha il vantaggio della gratuità, ma è
    > troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso
    > nella sua filosofia, resterà con il suo 3% !
    > Peggio per lui.
    meglio per lui...
    meglio 3% di utenti che 97% di utOnti...
    non+autenticato
  • > > Se Linux è usato solo dal 3% delle
    > persone,
    > > *pur essendo gratuito*, la colpa non è nè
    > di
    > > Microsoft, nè dei produttori di hardware,
    > nè
    > > degli utenti che non vogliono stare lì a
    > > studiare tonnellate di manuali per farlo
    > > funzionare.
    > invece e colpa degli utonti...

    Allora dici che il 97% delle persone nel mondo è idiota e tu fai parte della ristrettissima cerchia delle persone "normali" ?
    La normalità sta infatti nel 3%, non nel 97%...
    Certo, come no...

    > > Internet Explorer prima aveva il 3% e con
    > la
    > > qualità,
    > hahahhahahahaha
    > come dicevo prima l'importante e crederci...
    > ma perche perdo tempo a risponderti ???
    > vabbe ormai finiamo sto post poi smetto...

    La cattiva qualità di Netscape è stata messa in evidenza persino da tutti i più accaniti fan nell'ultima versione, la 6.

    > > Linux ha il vantaggio della gratuità, ma è
    > > troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso
    > > nella sua filosofia, resterà con il suo
    > 3% !
    > > Peggio per lui.
    > meglio per lui...
    > meglio 3% di utenti che 97% di utOnti...

    Bene, allora siamo tutti contenti. Occhiolino
    non+autenticato
  • > > invece e colpa degli utonti...
    >
    > Allora dici che il 97% delle persone nel
    > mondo è idiota e tu fai parte della
    > ristrettissima cerchia delle persone
    > "normali" ?
    per me si...
    ;-0)

    > La normalità sta infatti nel 3%, non nel
    > 97%...
    > Certo, come no...
    essatttooo sei un genio...

    > La cattiva qualità di Netscape è stata messa
    > in evidenza persino da tutti i più accaniti
    > fan nell'ultima versione, la 6.
    lascia stare l'informatica e torna sui campi...l'agicoltura da certe soddisfazioni...
    ;-0)

    non+autenticato


  • - Scritto da: Non ignorante
    > Se Linux è usato solo dal 3% delle persone,
    > *pur essendo gratuito*, la colpa non è nè di
    > Microsoft, nè dei produttori di hardware, nè
    > degli utenti che non vogliono stare lì a
    > studiare tonnellate di manuali per farlo
    > funzionare. La colpa è solo ed
    > esclusivamente sua (so che sembrerà
    > un'eresia agli adepti...), perchè non è
    > affatto semplice da usare, tutto qui, anzi è
    > davvero ostico !

    E come lo spieghi che io con 4 anni nel mondo dell'informatica (senza mai aver installato alcun sistema operativo prima) sono riuscito ad installare e mettere in funzione una distribuzione Linux Mandrake in un paio d'ore. E` diffffficile!

    > Internet Explorer prima aveva il 3% e con la
    > qualità, la gratuità e la facilità

    e la preinstallazione su tutti i PC della terra.

    > ha
    > superato Netscape, che aveva l'80% e costava
    > quanto il Windows (200.000 lire, uno
    > scandalo, ma nessuno inorridisce come mai
    > ???). Nessuno era obbligato a usare uno o
    > l'altro, Netscape ha perso perchè spendere
    > 200.000 lire per avere funzioni peggiori
    > rispetto a quelle di IE era da pazzi.

    Poi IE lo trovavi gia` installato...

    >
    > Linux ha il vantaggio della gratuità, ma è
    > troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso
    > nella sua filosofia, resterà con il suo 3% !

    Io spero vivamente che linux resti chiuso nella sua filosofia perche' mi piace veramente tanto. Che tra parentesi e` la filosofia di Unix.
    non+autenticato
  • > E come lo spieghi che io con 4 anni nel
    > mondo dell'informatica (senza mai aver
    > installato alcun sistema operativo prima)
    > sono riuscito ad installare e mettere in
    > funzione una distribuzione Linux Mandrake in
    > un paio d'ore. E` diffffficile!

    A mettere in funzione, che cosa vuol dire ? Che si è avviato con la grafica ? Immagino che poi per far funzionare scheda sonora, modem, ecc. tu abbia dovuto leggere i manuali.
    Non dirmi di no, perchè tanto non ci credo.
    Per istallare Windows non occorrono nemmeno 4 anni di pratica, ci riesce anche uno alle prime armi.

    > Poi IE lo trovavi gia` installato...

    Meglio, così si risparmiavano 200.000 lire e per giunta avevi un browser di migliore qualità.
    Non capisco chi poteva lamentarsi a parte quelli della Netscape.

    > > Linux ha il vantaggio della gratuità, ma
    > è

    > > troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso

    > > nella sua filosofia, resterà con il suo
    > 3% !

    > Io spero vivamente che linux resti chiuso
    > nella sua filosofia perche' mi piace
    > veramente tanto. Che tra parentesi e` la
    > filosofia di Unix.

    Bene, allora siamo tutti contenti...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Non ignorante
    >
    > A mettere in funzione, che cosa vuol dire ?

    Vuol dire ``tutte le periferiche riconosciute, tutti i programmi che mi servivano installati e la connessione a internet funzionante''.

    > Che si è avviato con la grafica ? Immagino
    > che poi per far funzionare scheda sonora,
    > modem, ecc. tu abbia dovuto leggere i
    > manuali.

    L'unico howto che ho letto per far funzionare qualcosa e` stato per la connessione ad internet che mi ero messo in testa di fare tramite script (quella tramite gnome-ppp funzionava gia` tranquillamente).

    > Non dirmi di no, perchè tanto non ci credo.

    Ok.

    > Per istallare Windows non occorrono nemmeno
    > 4 anni di pratica, ci riesce anche uno alle
    > prime armi.

    Ok... perche' uno alle prime armi dovrebbe installare windows?

    > Meglio, così si risparmiavano 200.000 lire e
    > per giunta avevi un browser di migliore
    > qualità.
    > Non capisco chi poteva lamentarsi a parte
    > quelli della Netscape.

    Infatti. E cosi` microsoft ha ucciso Netscape. Tutti contenti. Iuppi!!!
    non+autenticato
  • > > A mettere in funzione, che cosa vuol dire
    > ?

    > Vuol dire ``tutte le periferiche
    > riconosciute, tutti i programmi che mi
    > servivano installati e la connessione a
    > internet funzionante''.

    > > Che si è avviato con la grafica ?
    > Immagino

    > > che poi per far funzionare scheda sonora,
    > > modem, ecc. tu abbia dovuto leggere i
    > > manuali.

    > L'unico howto che ho letto per far
    > funzionare qualcosa e` stato per la
    > connessione ad internet che mi ero messo in
    > testa di fare tramite script (quella tramite
    > gnome-ppp funzionava gia` tranquillamente).

    Sei un caso isolato.
    Tutte le persone che conosco che hanno provato Linux si sono messe le mani ai capelli già dall'istallazione e non ne hanno voluto più sapere dopo i primi malfunzionamenti...
    Per non parlare di quello che ha combinato a me...

    > > Per istallare Windows non occorrono
    > nemmeno 4 anni di pratica, ci riesce anche uno
    > alle prime armi.

    > Ok... perche' uno alle prime armi dovrebbe
    > installare windows?

    Proprio perchè è alle prime armi ! Windows è facilissimo, Linux è complicato. Non dirmi che Linux è più semplice di Windows perchè fai sbellicare tutti dalle risate !

    > > Meglio, così si risparmiavano 200.000
    > lire e
    > > per giunta avevi un browser di migliore
    > > qualità.
    > > Non capisco chi poteva lamentarsi a parte
    > > quelli della Netscape.


    > Infatti. E cosi` microsoft ha ucciso
    > Netscape. Tutti contenti. Iuppi!!!

    MS ha ucciso Netscape con la libera concorrenza e la qualità. Adesso tutti possono scegliere se navigare con IE e con Netscape e come mai scelgono tutti IE ? Netscape è stato criticatissimo perfino dai suoi fan, quando è uscita l'instabilissima versione 6 !
    E per giunta la Netscape vuole risarcimenti...
    Ma impari a fare i programmi !
    non+autenticato
  • > MS ha ucciso Netscape con la libera
    > concorrenza e la qualità.
    ma te ci credi davvero ???

    > Adesso tutti
    > possono scegliere se navigare con IE e con
    > Netscape e come mai scelgono tutti IE ?
    ipotesi: IGNORANCE ???

    > Netscape è stato criticatissimo perfino dai
    > suoi fan, quando è uscita l'instabilissima
    > versione 6 !
    ma chi ti ha detto questo...dove l'hai letto ???

    > E per giunta la Netscape vuole
    > risarcimenti...
    > Ma impari a fare i programmi !
    ma che m$ impari a fare i programmi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Non ignorante
    > Se Linux è usato solo dal 3% delle persone,
    > *pur essendo gratuito*, la colpa non è nè di
    > Microsoft, nè dei produttori di hardware, nè
    > degli utenti che non vogliono stare lì a
    > studiare tonnellate di manuali per farlo
    > funzionare. La colpa è solo ed
    > esclusivamente sua (so che sembrerà
    > un'eresia agli adepti...), perchè non è
    > affatto semplice da usare, tutto qui, anzi è
    > davvero ostico !

    Soprattutto se uno lo installa clickando a caso sulle icone....


    ......
    >
    > Linux ha il vantaggio della gratuità, ma è
    > troppo ostico e fin quando rimarrà chiuso
    > nella sua filosofia, resterà con il suo 3% !
    > Peggio per lui.

    Invece di continuare a trolleggiare, spiegami allora perchè BeOS ha fatto la fine che a fatto, visto che era semplicissimo da utilizzare, stabile, veloce, poco costoso (la versione home era gratis).

    non+autenticato
  • > Soprattutto se uno lo installa clickando a
    > caso sulle icone....

    Ma non hai letto come l'ho istallato ?
    Altro che cliccare a caso... in ogni caso in Windows anche cliccando a caso non rischi mai di rovinare partizioni su dischi disabilitati...
    Per quello ci vuole per forza l'istallazione automatica di Linux... che è un bijou !

    > Invece di continuare a trolleggiare,
    > spiegami allora perchè BeOS ha fatto la fine
    > che a fatto, visto che era semplicissimo da
    > utilizzare, stabile, veloce, poco costoso
    > (la versione home era gratis).

    Perchè i programmi per BeOS, nonchè i drivers, erano pochissimi e perchè non è stato adeguatamente promosso e pubblicizzato.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 50 discussioni)