In Italia poche donne navigatrici?

Lo sostiene eSearch, secondo cui la seconda regione dove è più diffuso l'accesso è la Basilicata mentre il Piemonte è 13esimo. Il 75 per cento dei navigatori sarebbe composto da uomini, per lo più sotto i 34 anni

Roma - Le donne che navigano in Rete in Italia sono il 25 per cento del totale degli utenti Internet italiani. Ad affermare quella che appare una rilevazione in controtendenza con il "livellamento" tra i due sessi di cui altri osservatori parlano da tempo è eSearch.

La società di ricerca sostiene anche che la maggioranza dei navigatori italiani sia under34. In particolare il 3,4 per cento fino a 19 anni, il 24 per cento fino ai 24 anni e il 44 per cento fino ai 34 anni. Sopra i 65 anni si troverebbe, invece, solo l'1,1 per cento dei navigatori.

Altri dati sorprendenti sono quelli relativi alla percentuale di penetrazione dell'accesso ad Internet sul totale della popolazione delle singole regioni italiane. Una "classifica" che vede in testa il Lazio seguito a ruota da Basilicata, Liguria e Lombardia. Solo 13esimo il Piemonte mentre altre regioni del sud, "in sequenza" Sicilia, Molise e Calabria, avrebbero il tasso di diffusione minore.
Stando a quanto si apprende sul sito, i risultati sono rilevati su un campione di 2.535 navigatori italiani: "eSearch ha selezionato, dopo mesi di studio sulle modalità di interazione in internet, il proprio Panel in modo tale da rappresentare l'universo dei navigatori web, con particolare attenzione agli under 25, cioè la vera internet generation".
TAG: italia
5 Commenti alla Notizia In Italia poche donne navigatrici?
Ordina
  • Ecco qua un estratto :

    eSearch ha una filosofia 100% web oriented: in internet si agisce e si pensa in modo meno condizionato di quanto avvenga nella realtà materiale.

    eSearch ha fatto suoi gli ideali di internet: libertà di pensiero e di espressione, assenza di limiti spazio-temporali e relazionali.

    eSearch per questo può offrire qualcosa di diverso rispetto agli altri istituti di ricerca che utilizzano il web per proporre servizi realizzati con i sistemi tradizionali, e quindi caratterizzati dai limiti dell'interazione nella realtà materiale.

    eSearch ha sede nel web: il rapporto con i fornitori, i clienti, i dipendenti e con il panel avviene attraverso un complesso di siti internet, per lo più criptati. In questo momento state visitando il sito istituzionale di eSearch.

    eSearch è la prima società indipendente al mondo di ricerche di mercato qualitative interamente web-based.

    eSearch, grazie alle metodologie adottate ed al software appositamente concepito, sviluppato per incorporare e gestire concetti complessi, è in grado di realizzare studi su prodotti e settori merceologici ad elevato contenuto qualitativo e su campioni di ampia scala.

    eSearch si avvale di rivoluzionarie modalità di raccolta delle informazioni basate sulle forme interattive tipiche del web e della società virtuale,che permettono di eliminare ogni forma di distorsione che caratterizza le usuali ricerche di mercato e di recepire dati non contaminanti da disturbi estranei all'oggetto di studio.
    non+autenticato
  • Nascono come funghi sedicenti istituti di ricerca. Con dubbie metodologie raccolgono dati spazzatura, commentarli è inutile perdita di tempo
    non+autenticato
  • 1532 accessi ottenuti ad ora,
    sito a dir poco scarso...
    il resto giudicatelo Voi.

    Mi meraviglio come Punto Informatico si sia ribassato a tanto...
    non+autenticato
  • Non ci dicono che cosa intendano per "navigatore": una persona che si collega 1 volta ogni due mesi e' ben diversa da quella che si collega ogni giorno...

    Sono tutte e due navigatori dello stesso "valore"?
    non+autenticato
  • Esatto: non dicono nulla sulla tipologia del "navigatore" I-NET può essere usato in mille maniere diverse ( solo e-mail, chat, indagini di mercato, newsgroups, motori di ricerca, dowload di utility o patch o drivers)
    e con tempi diversi: da 3 accessi al giorno fino ad un accesso ogni 2 mesi!
    e poi su quale base hanno fatto la statistica?
    i risultati sono rilevati su un campione di 2.535 navigatori italiani!!
    mica ci dicono però quanti sono in totale i navigatori italiani! io credo siano arrivati a circa 2.000.000 tra saltuari e meno...


    non+autenticato