Speciale/ I CD al Cactus son qui per rimanere

Universal non ferma i suoi piani di invasione del mercato con i CD protetti dalla copia e lancia un sito di supporto tecnico per rispondere ai dubbi degli utenti. Midbar, nel frattempo, macina nuove protezioni

Speciale/ I CD al Cactus son qui per rimanereRoma - Nonostante le proteste dei consumatori, le indagini governative in USA e le velate minacce di Philips, il colosso discografico Universal Music Group (UMG) non sembra minimamente intenzionato a cancellare o frenare i propri progetti in merito alla protezione dei CD con tecnologie anti-copia.

Proprio in questi giorni, facendo seguito all'introduzione sul mercato americano del suo primo CD protetto - la colonna sonora del film "The Fast and the Furious" - UMG ha addirittura lanciato un intero sito di assistenza, musichelponline.com, in cui ha pubblicato una FAQ, una pagina di supporto tecnico, una serie di regole in rispetto alle quali è possibile esercitare il diritto di recesso e alcune note legali sul player e le tecnologie di compressione incluse in alcuni CD.

Come si era sottolineato all'epoca dell'annuncio, il CD protetto di Universal ha sollevato molto interesse nel settore: questo perché da un lato si tratta del primo CD di questo tipo introdotto in USA da una etichetta di grosso calibro, e dall'altro perché adotta un formato "ibrido" inedito che accosta alle tracce audio protette (e non riproducibili su PC) i relativi brani compressi (riproducibili su PC Windows attraverso un player accluso).
Nella pagina delle FAQ è possibile apprendere che UMG "sta integrando la protezione dalla copia nei propri CD per tentare di proteggere i diritti dei nostri artisti e dei detentori dei copyright prevenendo la copia dei CD e la distribuzione illegale su Internet".

UMG sostiene di voler testare, durante l'anno, diverse tecnologie anti-copia su alcuni album che, garantisce il colosso, saranno chiaramente identificabili come CD protetti dalla copia.

Alla fatidica domanda "posso ottenere una copia di questo CD senza la protezione?" UMG risponde con un secco "no, tutte le copie di questo CD sono protette".
73 Commenti alla Notizia Speciale/ I CD al Cactus son qui per rimanere
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)