Dossier Portali Italiani/0.1

a cura di Marco D'Aromando. Come sono costruiti i maggiori portali frequentati dall'utenza Internet italiana? In questa prima puntata di un percorso di analisi è il momento di MSN, il portalone Microsoft

Dossier Portali Italiani/0.1Web - Inizia questa settimana uno speciale sui maggiori portali italiani. Ogni settimana Stand By traccierà il profilo di due fra le porte di accesso a Internet più utilizzate analizzandone pregi e difetti e proponendo schede sintetiche che li descrivono. Il dossier trae spunto dal lavoro di ricerca di Marco D'Aromando per la sua tesi di laurea in Strategie d'Impresa. Da tale ricerca è nato anche un sito web sui portali orizzontali consultabile qui.

MICROSOFT NETWORK (VEDI TABELLA DI SINTESI
MSN Italia è la versione italiana del portale di Microsoft, certamente l'azienda più importante del mondo nel settore informatico. Rispetto ai propri concorrenti, il portale sfrutta gli innegabili legami tra software e Internet, con vantaggi talvolta assai rilevanti. Ad esempio i numerosi utilizzatori di Internet Explorer si ritrovano come pagina iniziale del browser proprio il "portalone" di Microsoft. Certo è possibile cambiare tale impostazione ma si tratta comunque di un vantaggio non ininfluente per MSN.

Nella struttura di MSN è evidente il tentativo di racchiudere in un unico sito le diverse anime che formano la strategia Internet dell'azienda di Redmond. Vi si ritrova il motore di ricerca MSN Search, il messenger, la posta elettronica con Hotmail, ed altri servizi interessanti. Le varie versioni del portale (presente in 31 paesi del mondo) oltre a proporre i servizi Microsoft utilizzati in tutto il pianeta, offrono contenuti indirizzati a catturare l'attenzione degli utenti di un determinato paese. Anche la versione italiana non fa eccezione e può contare su un numero impressionante di partner, ognuno dei quali fornisce di contenuti una o più sezioni.
L'organizzazione del portale è abbastanza razionale, con barre di spostamento sia verticali che orizzontali, pensate per favorire la navigazione agli utenti. Settimanalmente il portale si arricchisce di iniziative e sezioni nuove. Hanno per esempio fatto notizia eventi come il recente concerto di Madonna "trasmesso" su MSN (al centro di molte polemiche per la scarsa fruibilità dello streaming) o le chat con Jennifer Lopez e Cher; tutti eventi internazionali utilizzabili in ognuna delle varie versioni del portale Microsoft.

Sintetizzando: ampia gamma di contenuti, fitta presenza di partner di grande richiamo, servizi efficienti tradizione del marchio Microsoft, un'organizzazione razionale del sito, con sezioni poco numerose ma molto articolate al proprio interno. Nonostante questo il portale non è tra i più cliccati d'Italia. Allora dov'è l'errore? Non c'è un vero e proprio errore, semmai c'è un strategia ben precisa da parte del management: quella di offrire tutto il possibile, lasciando all'utente ampia possibilità di scelta. Ciò è dimostrato anche dalla possibilità di personalizzazione del sito, sia per quanto attiene a colori e grafica, sia per quanto riguarda i contenuti.

E se l'utente fosse spaventato da tutto questo ben di Dio? Forse in Italia potrebbe essere accaduto proprio questo anche in relazione alla relativa inesperienza di molti navigatori approdati su Internet solo di recente.

Microsoft dispone di risorse molto forti nel campo della tecnologia web e dei contenuti informatici, tuttavia questa eccellenza si intravede a fatica, sovrastata com'è dai contenuti editoriali, di intrattenimento, dalle offerte di shopping on line, etc. Tra i portali orizzontali, MSN è certamente quello più orizzontale di tutti, e forse potrebbe giovargli una cura dimagrante che non elimini i contenuti ma li organizzi in siti diversi dedicati a specifici argomenti.

Il futuro del portale appare comunque denso di sviluppi. Non molto tempo fa i vertici di Microsoft Italia hanno accennato a possibili partnership con operatori nel campo televisivo. Questo tipo di accordi consentirebbe a MSN di intensificare la distribuzione di immagini via Internet, settore nel quale si stanno muovendo ancora i primi timidi passi. Certamente l'azienda fondata da Bill Gates sul piano tecnologico ha tutte le carte in regola per giocare un ruolo da primattore anche nella fornitura di contenuti audio video per la banda larga.

Marco D'Aromando
TAG: italia
2 Commenti alla Notizia Dossier Portali Italiani/0.1
Ordina