Lazarus-NX parte da Roma

Il 2 maggio

Roma - Il celebre progetto per il recupero di di pc obsoleti, creazione di reti didattiche e laboratori informatici ad alte prestazioni e costi contenuti nella sua ultima incarnazione, Lazarus-NX, sarà presentato a Roma nei prossimi giorni, dove è previsto il lancio ufficiale.

"C'è una crescente sensibilità verso il reimpiego dell'hardware obsoleto, del suo riutilizzo con finalità sociali, accademiche ma anche di business - si legge in una nota - Immaginiamo una scuola (ma potrebbe essere una qualsiasi organizzazione statale o privata) che abbia un parco computer obsoleto. Con Lazarus-NX queste macchine possono essere riutilizzate su piattaforma Open Source, svincolando l'organizzazione anche dalle spese di licenza tipiche del software proprietario".

Il lancio avverrà all'ITIS Einstein di Roma, "un istituto - continua la nota - all'avanguardia in Italia che, tra l'altro, fa parte del Consorzio Gioventù Digitale, dell'Enis (European Network of Innovative Schools) e ha creato la Dida Net, una comunità che riunisce una decina di scuole interessate a sperimentare nella pratica le nuove tecnologie didattiche. Presso l'Istituto iè stata preparata in due laboratori un'infrastruttura Lazarus-NX, per consentire agli utenti di sperimentare liberamente e toccare con mano l'efficienza di questo paradigma".
Tutte le info sull'evento e il progetto sono qui
TAG: italia
6 Commenti alla Notizia Lazarus-NX parte da Roma
Ordina

  • premetto che condivido l'idea del riutilizzo e che l'open source va diffuso partendo dalle scuole,

    ma secondo me' e' sbaglaito partire dal presupposto che per le scuole non ci debbano mai essere i soldi, e ci si deve arrangiare con quel che si ha.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'idea non è male ! Sorride

    l'idea e' buonissima, finche' non e' rotto un pc non vedo perche non si possa utilizzare...

    con l'uso di software leggero e' possibile ottenere grandi risultati con minima spesa...

    Ad esempio ci sono aziende intere che hanno come firewall dei vecchi 486...
    costo totale 20 euro per 2 schede di rete nuove, una installazione di un minilinux e 1 ora di lavoro... con una affidabilita' molto alta...

    inoltre facilmente rimpiazzabile, in caso di rottura, basta sostituire il 486 con un qualunque altro sistema analogo...
  • a dici economico e se si guasta la riparazione chi la paga? Le macchine vecchie sono statisticamente più soggette a gusti visto la datazione di fabbricazione.
    Un pc con linux dici e poi se i bambini delle scuole fanno casino gli insegnati stanno a chiamare al telefono ogni 5 minuti, metti invece con win almeno qualcuno sa fare qualcosa.
    non+autenticato
  • qui si parla di riutilizzare hardware vecchio inutilizzabile con window moderni.....sono 2 argomenti diversi, le versioni di window recenti su cui qualcuno saprebbe fare qualcosa , non girerebbero proprio su queste macchine , cosi invece le riutilizzi..e se si guastano.....e' un altra storia... ma poi si vede...
    non+autenticato
  • Ma se non si inizia mai, anche rompendo le cose non si imparerà mai. Ecco xche' e' giusto nelle scuole usare pc usati, proprio per imparare.
    Io cambierei molti insegnanti sopratutto quelli che non si vogliono adeguare alle nuove tecnologie e li manderei a fare i bidelli.
    Un insegnante che non abbia piu' voglia di imparare che insegnante e'??? cosa puo' insegnare?
    I bambini apprendono come spugne e se gli si insegna il software libero impareranno quello e nelle aziende, quando finalmente andranno a lavorare, saranno in grado di usare Linux.
    non+autenticato