La NASA sbarca su SourceForge

Lo fa con un progetto open source in cui ha riversato il codice di un tool che promette di semplificare e velocizzare il debugging dei programmi Java. Il software è il frutto di un lavoro di sviluppo iniziato sei anni fa

Fremont (USA) - Dopo l'arrivo di Microsoft, su SourceForge.net mancava ormai giusto la NASA. Per la prima volta, la celebre agenzia spaziale americana si è infatti avvalsa del servizio gratuito di hosting di SourceForge per pubblicare il codice sorgente di un proprio software.

Il nuovo programma open source si chiama Java Pathfinder ed è stato sviluppato in seno al NASA Ames Research Center per trovare i bug all'interno del codice Java. I suoi autori sostengono che il tool è in grado di esplorare tutti i percorsi di esecuzione di un programma alla ricerca di vari tipi di errore, inclusi quelli che gli addetti ai lavori chiamano deadlock e unhandled exception.

"Il programma fa parte di un importante progetto per lo sviluppo di tool e metodi che consentano di identificare ed eliminare gli errori del codice all'interno dei sempre più complessi sistemi software mission-critical della NASA", ha spiegato David Korsmeyer, a capo della NASA Ames Intelligent Systems Division.
Gli scienziati affermano di aver già utilizzato Java Pathfinder per passare al setaccio il codice del software che controlla il K9 Rover, un robot esploratore a sei ruote, e del Livingstone 2, un sistema di diagnostica utilizzato sul veicolo spaziale EO-1.

Java Pathfinder, il cui sviluppo è cominciato nel 1999, è scritto interamente in Java e può essere utilizzato per il debugging di qualsiasi programma in bytecode Java, soprattutto se multithreaded.

Con il varo di un progetto open source basato sul codice del proprio programma scova-bug, la NASA spera di dar vita ad una comunità di sviluppatori in grado di contribuire al miglioramento di Java Pathfinder.

"La NASA ha un bel po' di software, e non è sempre facile curarne al meglio lo sviluppo", ha affermato John Penix, programmatore presso il centro di ricerche di Ames. "Con questo progetto open source intendiamo trarre vantaggio da tutti i contributi esterni incorporandoli nei nostri tool".

Java Pathfinder è accompagnato dalla licenza open source NASA Open Source Agreement, che permette l'uso, la distribuzione, la riproduzione e la modifica del codice.
32 Commenti alla Notizia La NASA sbarca su SourceForge
Ordina
  • I.E 6.0 s'installa anche sotto linux e funziona che è una meraviglia (lo utilizzo per testare le pagine web che creo con la mia linux box) ed il suo uso è gratuito.
    Non necessita nemmeno cross-over office per l'installazione.

    Sul link c'è un tutorial esaustivo sull'installazione di I.E. 6 in linux utilizzando wine.

    http://caia.swin.edu.au/reports/041129A/#install_i...

    Internet Explorer è un software a s'è stante il problema è che windows ne utilizza diverse componenti per servizi quali l'update.....A proposito piccolo giochillo ...provate a disinstallare completamente (e dico completamente) Internet Explorer da windows XP.....
                                                       Byetez,,,,


    non+autenticato
  • NASA in America, Washington D.C. -> comunisti -> Open Source
    non+autenticato
  • Cioè, è uno strumento di verifica formale, di quelli che tutti snobbano perchè "tanto nessuno si metterà mai a fare verifica formale"... E invece guarda un po' qualcuno comincia a farloSorride Sono molto contento!
    non+autenticato
  • "[...]Con il varo di un progetto open source basato sul codice del proprio programma scova-bug, la NASA spera di dar vita ad una comunità di sviluppatori in grado di contribuire al miglioramento di Java Pathfinder[...]"

    Ma porco... linari di una malora cagna...! Con tutti i miliardi che ricevono quelli della nasa, ogni anno potrebbero pure permettersi qualche programmatore in più... oltre che una villa pro capite alle Hawaii

    e i muli sgobbano... e gratis pure...

    che vergogna l'open source Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "[...]Con il varo di un progetto open source
    > basato sul codice del proprio programma
    > scova-bug, la NASA spera di dar vita ad una
    > comunità di sviluppatori in grado di contribuire
    > al miglioramento di Java Pathfinder[...]"
    >
    > Ma porco... linari di una malora cagna...! Con
    > tutti i miliardi che ricevono quelli della nasa,
    > ogni anno potrebbero pure permettersi qualche
    > programmatore in più... oltre che una villa pro
    > capite alle Hawaii

    Forse lo ignori ma chi programma per lavoro magari non fa solo quello, e la parte di programmazione assume solo una frazione all'interno del processo di sviluppo di un prodotto per cui chiamare un programmatore esterno non sempre è la soluzione migliore(anche se in questo caso non mi riferisco specificatamente alla NASA), specie poi se si fa fatica ad inserirlo in un contesto già consolidato.
    Inoltre esiste gente che sa programmare o impara per fare ciò che gli serve per quel determinato lavoro pur non facendo solo quello nella vita.
    Oppure non consideri il fatto che chi programma lo fa anche per piacere, per interesse o per curiosità.
    Inoltre chi analizza un programma scritto da altri puo' sempre imparare qualche cosa oppure trovare parti di codice che a sua volta potra mettere nei propri codici.
    Che male c'e se ho la possibilità di usare o guardare un programma fatto da altri ?


    > e i muli sgobbano... e gratis pure...

    Cosa centra il fatto che sia open source con il fatto che sia gratuito ??
    Ti ricordo che esistono anche programmi closed gratuiti e open a pagamento !
    Ad esempio internet explorer è gratis ma non mi scandalizzo...

    > che vergogna l'open source Triste

    io potrei dire che vergogna tutte quelle software house (tipicamente quelle che fanno software gestionale) che si fanno pagare uno sfracello per fare un form per l'inserimento dati nel database ed un report con crystral report...
    Non sono una vergogna quelli ?
    E non sono una vergogna quelli che si fanno pagare e ti danno un software che funziona ma non è ottimizzato perchè così ci guadagnano di più non dovendosi sbattere più di tanto.
    Almeno un'appassionato in un programma cerca sempre di fare il meglio possibile.
    E non è una vergogna pagare per dei programmi che non sono testati a sufficienza e vengono comunque messi in commercio ?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > e i muli sgobbano... e gratis pure...
    >
    > Cosa centra il fatto che sia open source con il
    > fatto che sia gratuito ??

    Verranno pagati dalla nasa? No. Quindi chi lavora (e non è deipendente nasa) a quel codice lo farà a gratis.
    Mi sa che sei partito a testa bassa non appena hai letto la parola gratis.


    >
    > > che vergogna l'open source Triste
    >
    > io potrei dire che vergogna tutte quelle software
    > house (tipicamente quelle che fanno software
    > gestionale) che si fanno pagare uno sfracello per
    > fare un form per l'inserimento dati nel database
    > ed un report con crystral report...
    > Non sono una vergogna quelli ?

    DIpende cosa intendi per sfracello. E' giusto che vengano pagati. E' giusto che non facciano la fame.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > > e i muli sgobbano... e gratis pure...
    > >
    > > Cosa centra il fatto che sia open source con il
    > > fatto che sia gratuito ??
    >
    > Verranno pagati dalla nasa? No. Quindi chi lavora
    > (e non è deipendente nasa) a quel codice lo farà
    > a gratis.
    Beh, x quello che ne so, anche se difficile, se le modifiche fossero così azzeccate la NASA potrebbe anche prendere in considerazione l'idea di assumere il programmatore, non sarebbe una brutta cosa....
    Inoltre anche io, la prima volta, prima di essere assunto ho fatto circa 2 settimane di prova e mi avevano pagato pochissimo... ma vebbeh se poi uno viene assunto non sta li a sindacalizzare !

    > Mi sa che sei partito a testa bassa non appena
    > hai letto la parola gratis.
    Beh, in effetti dopo la parola gratis non c'era più nulla da leggere, (solo i puntini... Sorride ) quindi sono partito con la risposta sulla base di quello che ho letto.
    > > > che vergogna l'open source Triste
    > >
    > > io potrei dire che vergogna tutte quelle
    > software
    > > house (tipicamente quelle che fanno software
    > > gestionale) che si fanno pagare uno sfracello
    > per
    > > fare un form per l'inserimento dati nel database
    > > ed un report con crystral report...
    > > Non sono una vergogna quelli ?
    >
    > DIpende cosa intendi per sfracello. E' giusto che
    > vengano pagati. E' giusto che non facciano la
    > fame.
    Infatti la 'vergogna' era riferita al fatto che si fanno pagare troppo e non al tipo di licenza adottata.
    Ed era legato ad un discorso di serietà professionale della categoria, trovo vergognoso farsi pagare 120?/ora per un programma che usa una tecnologia standard ed arcinota!
    L'unico modo per pagare meno era quello di fare un contratto di assistenza annuale (altra mazzata) ma che a noi non serviva a nulla.
    Avreri detto la stessa cosa anche se ci avessero fatto un programma open souce a quel prezzo.Non considero vergognoso il fatto che un programmatore decida di fare programmi open source.
    non+autenticato
  • > Cosa centra il fatto che sia open source con il
    > fatto che sia gratuito ??
    > Ti ricordo che esistono anche programmi closed
    > gratuiti e open a pagamento !
    > Ad esempio internet explorer è gratis ma non mi
    > scandalizzo...

    chi ti ha detto che e' gratis, in primo luogo i programmatori, hanno consumato qualche milione di euro nella creazione di questo coso, in secondo luogo i soldi li hanno presi dalle mie licenze, terzo se lo metto in una distro linux, beos, il giorno dopo bussa ms alla mia porta. E' un pezzo dell'os e come tale lo paghi 120 euro minimo.

    Sveglia che e' sera.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Cosa centra il fatto che sia open source con il
    > > fatto che sia gratuito ??
    > > Ti ricordo che esistono anche programmi closed
    > > gratuiti e open a pagamento !
    > > Ad esempio internet explorer è gratis ma non mi
    > > scandalizzo...
    >
    > chi ti ha detto che e' gratis, in primo luogo i

    1)vai sul sito di microsoft e scaricalo, magari la cosa ti stupirà, ma nessuno ti chiedera soldi x il download !

    2)Prima che l'ADSL fosse così diffuso i CD delle varie riviste te lo tiravano dietro, e non ti facevano pagare nulla x quello, inoltre di dicevano che era freeware !

    3) leggiti la sua licenza.

    > programmatori, hanno consumato qualche milione di
    > euro nella creazione di questo coso, in secondo
    > luogo i soldi li hanno presi dalle mie licenze,
    Infatti tu hai pagato per il sistema operativo non per i programmi che ti hanno fornito come addaware.
    Forse non lo sai ma microsoft è stata anche citata e condannata x pratiche lesive della concorrenza x aver abbinato in maniera ristretta win & IE.
    questo perchè IE è un prodotto aggiunto nonostante microsoft si ostinava a negarlo.

    > terzo se lo metto in una distro linux, beos, il
    > giorno dopo bussa ms alla mia porta.

    Per la seconda volta ti dico di leggerti la licenza e vedrai che non si parla di pagamento da nessuna parte !

    E' un pezzo
    > dell'os e come tale lo paghi 120 euro minimo.
    >
    > Sveglia che e' sera.

    E già sera e tu non hai ancora letto la licenza...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > Cosa centra il fatto che sia open source con
    > il
    > > > fatto che sia gratuito ??
    > > > Ti ricordo che esistono anche programmi closed
    > > > gratuiti e open a pagamento !
    > > > Ad esempio internet explorer è gratis ma non
    > mi
    > > > scandalizzo...
    > >
    > > chi ti ha detto che e' gratis, in primo luogo i
    >
    > 1)vai sul sito di microsoft e scaricalo, magari
    > la cosa ti stupirà, ma nessuno ti chiedera soldi
    > x il download !
    >
    > 2)Prima che l'ADSL fosse così diffuso i CD delle
    > varie riviste te lo tiravano dietro, e non ti
    > facevano pagare nulla x quello, inoltre di
    > dicevano che era freeware !
    >
    > 3) leggiti la sua licenza.
    >
    qualche utente MAC che ha installato IE può dirci se ha dovuto comprarla ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma porco... linari di una malora cagna...!

    Solo un piccolo appunto: dove hai letto la parola "linux" nell'articolo??

    Per il moderatore: "linari di una malora cagna" e' alquanto offensivo. Censurare invece solo chi vi critica invece non mi sembra molto corretto.

    Distinti saluti
    non+autenticato
  • Che tristezza i dipendenti microsoft.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che tristezza i dipendenti microsoft.

    Ma quello non e' un dipendente Micro$oft, i dipendenti M$ parlano come delle brochure pubblicitarie, elogiando in modo markettaro i suoi prodotti.
    Quello ho il sospetto sia Prozac un noto troll che bazzica questi forum.
    Un programmatore medio-scadente, che produce piccoli software per win coi tool di win e conosce solo quel mondo.

    Accanito sostenitore di quel poco che sa e che gli permette di portare a casa mezza pagnotta...

    Continua a chiamare i programmatori persone che lavorano inutilmente e gratuitamente per gli altri, ma non si rende conto di quanto sia gratuito e proficuo il suo lavoro per difendere M$ che comunque non lo paga per questo...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "[...]Con il varo di un progetto open source
    > basato sul codice del proprio programma
    > scova-bug, la NASA spera di dar vita ad una
    > comunità di sviluppatori in grado di contribuire
    > al miglioramento di Java Pathfinder[...]"
    >
    > Ma porco... linari di una malora cagna...! Con
    > tutti i miliardi che ricevono quelli della nasa,
    > ogni anno potrebbero pure permettersi qualche
    > programmatore in più... oltre che una villa pro
    > capite alle Hawaii
    >
    > e i muli sgobbano... e gratis pure...
    >
    > che vergogna l'open source Triste

    I muli dell'open source? Ma per caso fumi?
    non+autenticato
  • C'è da piangere, altro che... "java" e "mission critical" nella stessa frase sono solo una battuta da studenti universitari. E' roba di importanza trascurabile, di certo non ci comandano direttamente l'hardware. Le cose serie, anche alla NASA, le scrivono in C++, Eiffel, Ada e tanto assembly.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Le cose serie,anche alla NASA, le scrivono in C++, Eiffel, >Ada e tanto assembly.

    tranne quando si dimenticano che metri e piedi NON sono la stessa cosa, e si perdono un Orbiter del valore di 125 milioni di $...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > tranne quando si dimenticano che metri e piedi
    > NON sono la stessa cosa, e si perdono un Orbiter
    > del valore di 125 milioni di $...

    Dettagli, per non dire dell'Ariane... chissà perché, le inchieste interne giungono sempre alla stessa conclusione: ci volevano più soldi, più tempo, più test formali.

    In effetti storicamente i casini sono cominciati da quando la guerra fredda è finita e i cordoni della borsa statale, prima smollati alla grande, hanno iniziato a chiudersi sempre più. Sarà un caso...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)