Massì, via ai cellulari jukebox

Ci sperano gli operatori che già bisbocciano sui guadagni delle suonerie. Tre infila nel telefonino l'anteprima del singolo di Morgan. Ma a far scuola in chiave filoSIAE sono Le Vibrazioni

Roma - E' disponibile dal 28 aprile per i clienti Tre, "Un giudice" il nuovo singolo dell'ex cantante dei Blue Vertigo, Morgan. Prima dell'arrivo del brano in radio e nei negozi previsto per il 6 maggio, infatti, un accordo con Tre consente all'operatore di dare il pezzo in anteprima in pasto ai propri clienti.

Si tratta del primo frutto dell'intesa raggiunta da Sony e H3G per la distribuzione di musica e contenuti musicali marchiati Sony da parte dell'operatore telefonico, che in questo modo cerca di rafforzare il proprio ruolo in questo mercato. I dati parlano infatti di un volume di 4,4 milioni di download musicali fatti via cellulari Tre nel corso del 2004, in Italia.

Sono cifre enormi, pari a circa quattro volte le vendite di musica sul Web. Tuttavia non si sa quanti di quei 4,4 milioni di download siano stati pagati (a 2,5 euro l'uno, che è la tariffa standard a canzone) e quanti gratuiti, sfruttando le occasionali promozioni lanciate da Tre nel corso del 2004. In ogni caso, appare un mercato ghiotto, in cui finora c'è solo Vodafone, in Italia, a competere con Tre; arriverà presto anche Tim, come ha dichiarato ad aprile nel corso della presentazione dei piani industriali.
Per le case discografiche il cellulare è un mercato da conquistare che non offre contro-indicazioni, a partire dal fatto che, pur ampliandosi il bacino d'utenza, viene comunque garantita la protezione dei contenuti con rigide tecnologie DRM (Digital Rights Management). Non sorprende dunque l'arrivo delle major e delle loro anteprime, aziende che fino a qualche tempo fa vedevano con sospetto l'immaterialità della diffusione digitale. Adesso la svolta, tanto che anche il portale Rosso Alice può vantare, da fine aprile, anteprime succose come l'ultimo di Stevie Wonder, "So That Fuss". La crisi del disco spinge le major ad aprire le braccia ai nuovi media.

A fronte di queste manovre, con cui i signori del copyright cercano di cambiar tutto perché nulla cambi, si segnala la singolare iniziativa del gruppo Le Vibrazioni che ha deciso di regalare le suoneria per cellulare tratte dal loro ultimo album; la motivazione di tale scelta sarebbe dovuta al fatto che gli autori, a detta loro, non traggono benefici economici dal ricco mercato delle suonerie perché a beneficiare dei guadagni sono solo le compagnie telefoniche e i grandi player specializzati. Secondo il gruppo, dovrebbe essere la SIAE a tutelare gli autori facendo in modo che anche sulle suonerie monofoniche e polifoniche venga applicato il diritto d'autore. Dunque, invitano i componenti del gruppo, siccome "ci abbiamo messo dieci minuti a farla, prendetela, fatela girare, buttatela e riscaricatela... tanto è gratis".
TAG: mercato
18 Commenti alla Notizia Massì, via ai cellulari jukebox
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)