Sempre più VoIP in città

Ariatel cavalca l'onda del successo del Voip e offre agli utenti la possibilità di divorziare da Telecom Italia. Occhio alla banda minima

La Spezia - Continua la corsa degli operatori per accaparrarsi una fetta del nascente mercato VoIP; l'ultima mossa in questo senso è di Ariatel che offre servizi sia per i clienti business sia per i privati. Ariatel consente, come tutte le altre offerte in circolazione, il distacco dell'utenza da Telecom Italia oppure di avere una linea aggiuntiva VoIP.

Ariatel vende il VoIP come opzione di un'offerta ADSL a 4.096/256 Kbps, che costa 39 euro al mese.
Sono tre le tariffe alternative per il VoIP. "Ricaricabile" non prevede costi di attivazione ma il pagamento di un canone annuale di 50 euro che dà diritto ad un numero geografico da attivare sulla connessione ADSL di qualunque operatore; le ricariche, i cui tagli vanno dai 25 ai 100 euro, possono essere effettuate direttamente online e le chiamate nazionali vengono tariffate 1,15 centesimi di euro al minuto a qualsiasi ora e giorno con scatto alla risposta di 7,5 centesimi.

La tariffa Flat5 prevede invece un costo mensile di 15 euro ed offre il numero geografico e la possibilità di chiamare, indipendentemente dalla durata della telefonata, ad un costo fisso di 5 centesimi
La soluzione One Solution è invece pensata per chi decide di sostituire del tutto Telecom con Ariatel; con 50 euro al mese fornisce il collegamento ADSL e la possibilità di chiamare numeri fissi nazionali e locali a 5 centesimi di euro indipendentemente dalla durata della conversazione.

Sono invece a disposizione dei clienti business cinque diverse opzioni, in relazione alle diverse esigenze aziendali.
Tutte le chiamate verso cellulari vengono tariffate 21,8 centesimi di euro al minuto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle 13 mentre nelle restanti fasce orarie scatta la tariffa ridotta per cui ogni chiamata è tariffata 15 centesimi al minuto. Per tutte le chiamate verso cellulare, l'addebito alla risposta è di 12,5 centesimi.
Le tariffe delle telefonate internazionali cambiano in relazione al Paese chiamato ma per tutte è previsto il pagamento di uno scatto alla risposta di 15 centesimi.

Ariatel dunque, come molti altri operatori anche piccoli, cavalca l'onda del successo riscosso dalla tecnologia Voice-Over-Ip che, secondo una ricerca In-Stat, dovrebbe raggiungere la maturità completa entro il 2014: dunque entro 10 anni la maggior parte dei servizi di telefonia viaggeranno sul Web e a beneficiare di questa situazione saranno sia gli utenti che le aziende e le pubbliche amministrazioni.

Abbinare l'ADSL 4 Mbps a un VoIP è un'idea che è già venuta al provider Alcotek. L'idea, marketing, che si vuole trasmettere è forse che il VoIP funzionerebbe al meglio grazie all'alta banda di picco di queste ADSL. È però un ragionamento poco condivisibile, visto che sono ADSL dotate di solo 20 Kbps di banda garantita. E questo, più della banda di picco, è il valore importante per garantire la qualità di una telefonata VoIP. C'è bisogno infatti di un'ADSL che dia, stabilmente, almeno 30-40 Kbps simmetrici di banda disponibile per la chiamata.
A questo scopo, per il VoIP sono consigliabili ADSL con almeno 32 Kbps garantiti.
TAG: tim
8 Commenti alla Notizia Sempre più VoIP in città
Ordina