Libero FTP, importanti precisazioni

L'azienda scrive a Punto Informatico in merito all'articolo pubblicato nei giorni scorsi sulle funzionalità di download a disposizione degli utenti. Che si assumono la responsabilità di quello che intendono scaricare

Libero FTP, importanti precisazioniRoma - I responsabili di Libero, il celebre servizio di accesso ad internet, hanno scritto a Punto Informatico nelle scorse ore in merito all'articolo Libero, file sharing sotto controllo per fare alcune importanti puntualizzazioni, di sicuro interesse per gli utenti.

"Libero FTP - si legge nell'email inviata in redazione - è un servizio a marchio Infostrada di Wind Telecomunicazioni ed è un sistema di file transfer e non di file sharing".

L'offerta di Libero FTP è stata inoltre pensata per rendere più spediti i download da siti molto trafficati o lontani, agevolando i clienti con connessioni dial-up e ottimizzando l'uso delle risorse di banda. "Il file sharing - precisa la lettera - a livello di server ha il solo scopo di evitare download multipli di uno stesso contenuto".
Come scritto nell'articolo, l'accesso a Libero FTP è riservato agli utenti registrati al servizio di accesso gratuito a Internet Libero, che si identificano mediante username/password e Wind conferma che ogni operazione è registrata: l'autore di illeciti può essere identificato.

Va chiarito però che gli utenti hanno una precisa condizione d'uso illustrata da Libero: "Le informazioni di cui viene richiesto il download attraverso il servizio verranno messe a disposizione di tutti gli abbonati di Libero. Il cliente s'impegna a non richiedere lo scaricamento di informazioni che comportino la violazione del diritto d'autore, o altri diritti di proprietà intellettuale e industriale o che possano presentare forme o contenuti di carattere pornografico, osceno, blasfemo o diffamatorio. Il Cliente si impegna altresì a non richiedere lo scaricamento di programmi che possano in qualsiasi modo recare danno al sistema degli utenti che usufruiscono del servizio FTP".

Libero FTP è un servizio automatico non sottoposto a filtri da parte di Wind e le informazioni sui file sono immesse direttamente dai clienti dell'azienda, quindi "Infostrada non si assume alcuna responsabilità in ordine al contenuto dell'elenco di seguito pubblicato".

L'azienda ha infine precisato che "i software normalmente disponibili su Internet sono trialware, shareware o freeware, comunque regolati da specifiche licenze d'uso. Gli utenti non possono fare upload, come in un normale sistema di file sharing, e sono sempre responsabili delle proprie attività in Rete".
TAG: italia
30 Commenti alla Notizia Libero FTP, importanti precisazioni
Ordina

  • 1) loro sono tutelati
    2) se tu fai cazzate, ti possono beccare

    tutto qui
    non+autenticato
  • Il batch FTP esiste da quando esiste internet!!!
    E` un modo per risparmiare banda e niente piu`!

    Se sulla rete c'e` materiale illegale non prendetevela con Libero, ma con chi li mette in
    rete. Perche il batch FTP non fa altro che copiare
    un file da una locazione a un altra gia` visibile
    in internet.

    Il vero spirito di internet e` piena liberta`, e
    nessuno vi obbliga a scaricare file che non volete
    vedere o sentire!!

    E` proprio vero che i censori e i bigotti hanno sempre la moglie incinta.... ah!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Papa Giovanni
    > Il batch FTP esiste da quando esiste
    > internet!!!
    > E` un modo per risparmiare banda e niente
    > piu`!
    >
    > Se sulla rete c'e` materiale illegale non
    > prendetevela con Libero, ma con chi li mette
    > in
    > rete. Perche il batch FTP non fa altro che
    > copiare
    > un file da una locazione a un altra gia`
    > visibile
    > in internet.
    solo una cosa ... ai tempi del crackdown di fidonet usci' una legge che diceva che sei responsabile di cio' che viene immesso nel tuo hard disk.
    Questo ha bloccato una marea di attivita' che potevano nascere per rendere internet + libera .
    Libero DEVE controllare che i programmi scaricati
    non violino leggi di copyright o altro ... altrimenti e' complice, e puo' essere denunciato.
    cito:
    Legge 18 agosto 2000, n. 248
    Art. 13

        1. L?articolo 171-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, è sostituito dal seguente:

        «Art. 171-bis. - 1. Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società italiana degli autori ed editori (SIAE), è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da lire cinque milioni a lire trenta milioni. La stessa pena si applica se il fatto concerne qualsiasi mezzo inteso unicamente a consentire o facilitare la rimozione arbitraria o l?elusione funzionale di dispositivi applicati a protezione di un programma per elaboratori. La pena non è inferiore nel minimo a due anni di reclusione e la multa a lire trenta milioni se il fatto è di rilevante gravità.





    non+autenticato


  • - Scritto da: samu

    > solo una cosa ... ai tempi del crackdown di
    > fidonet usci' una legge che diceva che sei
    > responsabile di cio' che viene immesso nel
    > tuo hard disk.

    Va bene.

    > Questo ha bloccato una marea di attivita'
    > che potevano nascere per rendere internet +
    > libera .

    Ci posso credere.

    > cito:
    > Legge 18 agosto 2000, n. 248
    > Art. 13
    >
    >     1. L?articolo 171-bis della legge 22
    > aprile 1941, n. 633, è sostituito dal
    > seguente:
    >
    >     «Art. 171-bis. - 1. Chiunque
    > abusivamente duplica, per trarne profitto,
                             ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

    Ecco credo sia questo il punto. Libero non trae alcun profitto da tutto questo. E' un servizio offerto GRATUITAMENTE ai propri utenti, i quali sono registrati ad un account GRATUITO. Mi dici dov'e' il guadagno?

    > programmi per elaboratore o ai medesimi fini
    > importa, distribuisce, vende, detiene a
    > scopo commerciale o imprenditoriale o
                           ^^^^^^^^^^^^^^^

    Definire "scopo imprenditoriale", please.

    Io trovo il servizio LiberoFTP comodo e semplice da usare, e sono d'accordo con loro che dicono che la responsabilita' di cio' che "carico" sul loro server e' solo mia. Inoltre, come detto prima da Papa Giovanni, semplicemente se non si vuole un file sul proprio HD, NON LO SI SCARICA! Semplice, no?
    non+autenticato
  • "Il vero spirito di internet e` piena liberta`, e
    nessuno vi obbliga a scaricare file che non volete
    vedere o sentire!!"

    Sono commosso, davvero. Peccato che poi cancellino i siti degli utenti che hanno messo in piedi una paginetta con qualche Mp3 personale (fatto da loro) solo perchè ha estensione PUNTOEMMEPITRE. Ah, la libertà.
    non+autenticato
  • beh,
    una tiratina di orecchie al costosissimo (ne sono certo) studio legale che segue Wind bisognera' pur dargliela.
    Un disclaimer come quello inserito per LiberoFTP indica che lo studio legale non ha neppure verificato le ultime sentenze dei tribunali relative a circostanze simili: il provider e' responsabile dei propri server e di quanto viene inserito su questi, anche se viene fatto dagli utenti, e qualunque dichiarazione di non-responsabilita' inserita nel disclaimer non viene presa in considerazione.
    Anzi, aggrava pure la situazione, perche' cosi' il provider sta di fatto dichiarando di essere a conoscenza dell'uso illegale del proprio servizio e sta tentando, maldestramente, di mettersi in salvo con un disclaimer irregolare.
    non+autenticato
  • Infatti, leggetevi la direttiva sul commercio elettronico. O forse a Wind sono euroscettici...

    - Scritto da: modean
    > beh,
    > una tiratina di orecchie al costosissimo (ne
    > sono certo) studio legale che segue Wind
    > bisognera' pur dargliela.
    > Un disclaimer come quello inserito per
    > LiberoFTP indica che lo studio legale non ha
    > neppure verificato le ultime sentenze dei
    > tribunali relative a circostanze simili: il
    > provider e' responsabile dei propri server e
    > di quanto viene inserito su questi, anche se
    > viene fatto dagli utenti, e qualunque
    > dichiarazione di non-responsabilita'
    > inserita nel disclaimer non viene presa in
    > considerazione.
    > Anzi, aggrava pure la situazione, perche'
    > cosi' il provider sta di fatto dichiarando
    > di essere a conoscenza dell'uso illegale del
    > proprio servizio e sta tentando,
    > maldestramente, di mettersi in salvo con un
    > disclaimer irregolare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: modean

    > Un disclaimer come quello inserito per
    > LiberoFTP indica che lo studio legale non ha
    > neppure verificato le ultime sentenze dei
    > tribunali relative a circostanze simili: il
    > provider e' responsabile dei propri server e
    > di quanto viene inserito su questi, anche se
    > viene fatto dagli utenti, e qualunque
    > dichiarazione di non-responsabilita'
    > inserita nel disclaimer non viene presa in
    > considerazione.

    Ma un contenuto "illegale" non è sempre così evidente da scoprire. Esistono siti che fanno scaricare full-album di MP3, conservando su diversi server sparsi qua e là dei tantissimi file con estensione rXX (dove XX è un numero progressivo). Dopo aver scaricato tutti questi files, si può ricostrire l'album. In questo caso, come li si scopre?

    Cmq, Internet si è sviluppata molto anche perché è vista come una fonte alternativa e gratuita di contenuti (audio, video, ecc). Se fosse tutto assolutamente regolare, dubito che ci sarebbe tante gente a navigare.

    Sulla responsabilità dei provider non mi trovo d'accordo. Ovviamente, se c'è una segnalazione, il provider deve controllare ed eventualmente segare qualche account, ma come si pretende che verifichi ogni singolo file?

    mARCOs.
    non+autenticato
  • > Sulla responsabilità dei provider non mi trovo
    > d'accordo. Ovviamente, se c'è una segnalazione,
    > il provider deve controllare ed eventualmente
    > segare qualche account, ma come si pretende che
    > verifichi ogni singolo file

    Beh, pare che invece se ne freghino del tutto, visto che i file sono li, la classifica è li e tutto il resto... "è li"Sorride

    Piuttosto io

    a) eliminerei la Top-10
    b) renderei PRIVATI i file che un utente scarica

    Se proprio vogliamo dire che Libero è nel giusto (e non lo è, visto che LORO PER PRIMI cancellano account di utenti senza SAPERE se un file Mp3 è LEGALE o meno...), almeno che MASCHERINO tutto e non si sappia nulla.

    Così invece non solo è chiaro e cristallino... ma la colpa è pure degli utenti (che si spera siano "responsabili").

    Cmq in sede legale, Libero cadrebbe come una mela marcia.
    non+autenticato
  • Ma come fanno a dire che ci sono solo shareware se ci sono file di Britney Spears, manuali di Autocad, games, dvd
    Ma ci hanno guardato dentro quelli di Libero ?
    non+autenticato
  • per molto meno a me hanno sequestrato il server, certo che a Wind !

    - Scritto da: arbiter
    > Ma come fanno a dire che ci sono solo
    > shareware se ci sono file di Britney Spears,
    > manuali di Autocad, games, dvd
    > Ma ci hanno guardato dentro quelli di Libero
    > ?
    non+autenticato
  • Forse volevano aiutare quei poveretti della polizia postale fornendogli una facile riserva di vittime.

    Comunque quel disclaimer e' ridicolo, adesso stai a vedere che se scarico pincopallino.jpg e ci trovo i tabulati telecom di tizio l'infrazione alla privacy l'ho fatta io.

    Tutto sommato come servizio e' da evitare.
    non+autenticato
  • Hai proprio ragione è un immondezzaio!
    non+autenticato
  • E di materiale pornografico - altra cosa che in bzse al disclainer sarebbe vietata. Certo che se non controllano mai, le regole non servono a nulla.
    non+autenticato
  • Voorei far noatre alla redazione di punto informatico che questo servizio esisteva già dai tempi che erano in vendita gli abbonamenti internet marcati IOL, poi con l'acquisizione da parte di IS il servizio è stato trasferito su libero.
    Le modalità di utilizzo erano le stesse di ORA
    non+autenticato
  • Si e non è l'unico...tutti i sistemi di Batch FTP o FTP on Demand come dir si voglia sono così...mica si può controllare ogni cosa che la gente scarica...e poi saranno 3/4 anni che è così non vedo dove stia la novità
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)