Il satellite che scruterà l'India

Debutto per la nuova piattaforma di Sriharikota dedicata al lancio di satelliti. A buon fine la messa in orbita di Cartosat-1 per la mappatura geografica e l'osservazione del suolo

New Delhi (India) - Grande festa per gli ingegneri del nuovissimo Centro Spaziale di Sriharikota, nel nord dell'India: il PSLV, vettore a propulsione di realizzazione indiana, è riuscito senza problemi a mettere in orbita ben due satelliti per le telecomunicazioni. Continua la scalata tecnologica dell'India, rivelazione asiatica in pieno boom. Il primo è Cartosat-1, per l'osservazione del suolo terrestre: sarà in grado di produrre foto ad altissima definizione, riuscendo ad inquadrare un'auto da ben 650km di altezza. L'altro è un piccolo satellite, HAMsat, per le comunicazioni radio amatoriali.

Cartosat-1 fa parte del progetto Indian Remote Sensing, varato dal governo di New Delhi per l'osservazione dei mutamenti climatici ed ambientali nel sudest asiatico. L'uso della telerilevazione potrà servire, dicono gli ingegneri di Sriharikota, per prevedere disastri ambientali e per favorire la pianificazione urbana.

Si tratta di un altro grande passo in avanti per l'industria high-tech locale: "La nazione è fiera dei nostri scienziati ed ingegneri, ai quali esprimo le mie congratulazioni", ha annunciato ufficialmente il Presidente Abdul Kalam. Il PSLV, Polar Satellite Launch Vehicle, è un vettore a propulsione di ultima generazione, che con i suoi 44 metri d'altezza potrà dare filo da torcere agli Ariane europei e ai Proton russi. Con questo collaudo della nuova rampa di Sriharikota, il grande paese asiatico entra nel business aerospaziale.
La nuova base è equipaggiata con tutte le apparecchiature e le infrastrutture necessarie per operare commercialmente nel settore dei satelliti. A partire dal 1988 l'India ha investito ingenti somme di denaro nei programmi spaziali, pianificando un cospicuo guadagno in termini scientifici ed economici. Ma le mire indiane sono ben più ambiziose: questa ultima versione del razzo PSLV verrà impiegata in una missione lunare progettata dall'Agenzia Spaziale Indiana per il 2007.

Tommaso Lombardi
TAG: mondo