Apache: Java open ve lo diamo noi

Apache Software Foundation lancerÓ un progetto open source per implementare la piattaforma J2EE di Sun in chiave aperta. All'iniziativa potrebbe collaborare la stessa Sun

Roma - Gli sviluppatori che anelano da tempo a un Java open source potrebbero finalmente trovare una risposta in Harmony, progetto con cui Apache Software Foundation (ASF) conta di implementare una versione open source della piattaforma Java 2 Standard Edition (J2SE) di Sun.

Harmony, che si prefigura come un'impresa assai ambiziosa, si baserÓ sulle specifiche di J2SE 5.0 e sarÓ accompagnato dall'ormai collaudata licenza open source di Apache. Il software comprenderÓ una macchina virtuale, che servirÓ per far girare i programmi Java sui PC ed altri dispositivi, una libreria di classi per gli sviluppatori e una suite per il test delle applicazioni.

La ASF non Ŕ peraltro nuova ad imprese di questo tipo visto che sta giÓ lavorando ad un software open source, noto come Geronimo, che implementerÓ in pieno la specifica Java 2 Enterprise Edition (J2EE).
Sebbene Sun conservi saldamente nelle proprie mani le proprietÓ intellettuali del linguaggio Java, e abbia sempre scartato l'ipotesi di renderlo open source, alcune recenti modifiche alle regole che governano il Java Community Process legittimano la creazione di "implementazioni open source, indipendenti e compatibili, della specifica J2SE". Per scongiurare la frammentazione di Java in tante piattaforme incompatibili, Sun impone per˛ che ogni implementazione passi attraverso il suo processo di certificazione. Cosý sarÓ anche per Harmony, che grazie alla natura non profit della ASF potrÓ accedere gratuitamente alla suite di test di Sun e ai relativi servizi di supporto.

Pur con qualche riserva, Sun ha giÓ dato la propria benedizione al progettone.

"Personalmente non sono del tutto sicuro che il mondo abbia davvero bisogno di una seconda implementazione di J2SE ma nello stesso tempo sono lieto di vedere che i nostri sforzi nel risolvere i problemi legati alle regole e alle licenze di Java stiano tornando utili", ha scritto nel proprio blog Graham Hamilton, CTO del gruppo Java Software di Sun. "Terremo certamente d'occhio questo progetto, a cui probabilmente parteciperemo in qualche modo".

Allo sviluppo di Harmony, il cui progetto attende ancora il via ufficiale, dovrebbe partecipare un'ampia rappresentanza della comunitÓ open source, tra cui gli stessi team che hanno dato vita ai software Java-based Kaffe and Classpath. La Foundation si Ŕ detta decisa a verificare costantemente la provenienza del codice che entrerÓ a far parte di Harmony, questo per prevenire eventuali beghe legali con Sun o altre societÓ.

Le ambizioni di Harmony sono pi¨ o meno le stesse che hanno caratterizzato Mono, il noto progetto in seno al quale Ŕ stata sviluppata una prima implementazione open source della piattaforma MS.NET di Microsoft. ╚ curioso pensare come su Linux lo scontro tra le due piattaforme rivali possa avvenire, in futuro, proprio attraverso le rispettive implementazioni open source.

Maggiori informazioni sul progetto Harmony si possono reperire in questa FAQ.
42 Commenti alla Notizia Apache: Java open ve lo diamo noi
Ordina
  • la licenza di java per le università ... che c'entra col sw libero ?
    non+autenticato
  • guardate che J2EE e' diverso dal jdk ....
    Un server J2EE e' un application server basato su EJB. Come ad esempio WebSphere di IBM, e server per gestire la logica di applicazioni web e connetterle con un DB.
    C'e' gia' un progetto opensource che implementa un application server j2ee e si chiama JBOSS, sembra che ASF voglia iniziare il suo progetto.
    non+autenticato
  • python è l'unico vero linguaggio serio
    il resto è tutta merda.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > python è l'unico vero linguaggio serio
    > il resto è tutta merda.

    Bravo....

    ....trolloneAnnoiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > python è l'unico vero linguaggio serio
    > > il resto è tutta merda.
    >
    > Bravo....
    >
    > ....trolloneAnnoiato

    python è decisamente uno dei migliori linguaggi
    di programmazione
    veloce dinamico true OO framework esteso
    e molto altro. yeahA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > python è l'unico vero linguaggio serio
    > > > il resto è tutta merda.
    > >
    > > Bravo....
    > >
    > > ....trolloneAnnoiato
    >
    > python è decisamente uno dei migliori linguaggi
    > di programmazione
    > veloce dinamico true OO framework esteso
    > e molto altro. yeahA bocca aperta

    http://www.eiffel.com/
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.eiffel.com/

    eiffell ?
    per fare un cazzo di "hello world" ci vogliono
    10 righe.
    avanti il prossimo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > eiffell ?
    > per fare un cazzo di "hello world" ci vogliono
    > 10 righe.
    > avanti il prossimo

    Magari dovresti dire anche che le righe in questione sono lunghe in media 6,4 caratteri, comprendendo anche gli spazi e la stringa
    non+autenticato
  • Sì però costa come un'automobile. E poi si parlava di open source...
    non+autenticato
  • >
    > http://www.eiffel.com/

    Ti quoto in pieno .. per gli altri che dire ..
    .... son giovani .. ahahahahahahaahah


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > python è decisamente uno dei migliori linguaggi
    > di programmazione
    > veloce dinamico true OO framework esteso
    > e molto altro. yeahA bocca aperta

    non è true OO, ed è un linguaggio come tanti altri.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > python è l'unico vero linguaggio serio
    > > > il resto è tutta merda.
    > >
    > > Bravo....
    > >
    > > ....trolloneAnnoiato
    >
    > python è decisamente uno dei migliori linguaggi
    > di programmazione
    > veloce dinamico true OO framework esteso

    Interpretato e lento, molto più lento di java.

    > e molto altro. yeahA bocca aperta

    Ad esempio una marea di librerie la cui compatibilità è funzione dell'OS su cui gira...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > python è decisamente uno dei migliori linguaggi
    > di programmazione
    > veloce dinamico true OO framework esteso
    > e molto altro. yeahA bocca aperta

    Si vabbe' e' elegante, pulito.
    Ma la sintassi rigida e l'indentazione obbligatoria...
    Non si puo' costringere anche nel modo di scrivere.

    Ci sono compilatori per Python?
    non+autenticato
  • perdita di tempo e di risorse che potrebbero essere impiegate in modo piu' intelligente...
    bah...
    non+autenticato
  • Sono d'accordo, sarà un'impresa titanica e avrà un mare di bug per anni. Ci hanno già provato in passato, qualcosa funzionava, qualcosa no. Ce ne vorrà di tempo per raggiungere il livello qualitativo della VM ufficiale! (che pure i suoi bei problemini li ha...)

    Non dimentichiamo che i JDK/JRE di Sun sono gratuiti, e questo per molti è sufficiente. Mono ha molto più senso, perché porta .NET su altre piattaforme, ma per Java questo discorso non vale. Se offriranno un JDK open source che vale il 98% di quello "ufficiale", io continuerò a usare quello. Sarà solo un'altra VM da testare per compatibilità...
    non+autenticato
  • esatto mi hai letto nel pensieroSorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono d'accordo, sarà un'impresa titanica e avrà
    > un mare di bug per anni. Ci hanno già provato in
    > passato, qualcosa funzionava, qualcosa no.

    Questo purtroppo e' vero...

    > Non dimentichiamo che i JDK/JRE di Sun sono
    > gratuiti, e questo per molti è sufficiente.

    Si, un sacco di gente non vede al di la' del naso... 'bitkeeper' ti dice nulla?

    > Mono
    > ha molto più senso, perché porta .NET su altre
    > piattaforme,

    Insieme ad un caterva di probabili problemi legali... proprio Mono si sarebbe dovuto evitare: lavorare gratis per M$ non mi pare un grande idea...

    > ma per Java questo discorso non
    > vale. Se offriranno un JDK open source che vale
    > il 98% di quello "ufficiale", io continuerò a
    > usare quello. Sarà solo un'altra VM da testare
    > per compatibilità...

    Il dettaglio e' che il sorgente sara' disponibile: puoi tracciare il problema fino alla riga di codice corrispondente, cosa che con la VM ufficiale non ti e' concesso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il dettaglio e' che il sorgente sara'
    > disponibile: puoi tracciare il problema fino alla
    > riga di codice corrispondente, cosa che con la VM
    > ufficiale non ti e' concesso...

    Infatti. E proprio per questo motivo col tempo (fra molti anni, certo...) non mi sembra così irrealistico pensare che Harmony possa diventare più affidabile della versione closed source.

    Certo la piattaforma della Sun ha parecchi tools che forse Harmony non riprodurrà. Ma sono tutti utili? Chi li conosce tutti alzi la mano, chi ne usa molti alzi entrambe le mani. Con Harmony il discorso sarà molto diverso: essendo Open le aziende e i privati che hanno un bisogno PRATICO e REALE potranno aggiungere un tool che lo soddisfi.

    C'è poi un discorso economico: Harmony sarà gratuito.

    E infine c'è il discorso più importante, che forse la maggior parte di voi ignorano, ma che mi spingerebbe a "tifare" per Harmony anche se si rivelasse peggiore del Java ufficiale: la conoscienza deve essere libera e gli strumenti di lavoro devono essere modificabili e studiabili da chiunque.

    I paladini della proprietà intellettuale si ricordino che SE GLI ETRUSCHI AVESSERO BREVETTATO I PONTI NOI ATTRAVERSEREMMO I FIUMI A NUOTO. E' ridicolo? Eccerto che è ridicolo: la proprietà intellettuale è un'astrazione ridicola inventata da un sistema che non sa cosa sia il buon senso...
    hoff
    203

  • > > Mono
    > > ha molto più senso, perché porta .NET su altre
    > > piattaforme,
    >
    > Insieme ad un caterva di probabili problemi
    > legali... proprio Mono si sarebbe dovuto evitare:
    > lavorare gratis per M$ non mi pare un grande
    > idea...
    >

    invece lavorare gratis per Sun e' un ottima idea vero?
    mono in pochissimo tempo e' diventata una piattaforma stabile e performante
    java sono anni che esiste e ancora non c'e' ua jvm free degna di tale nome
    un motivo ci sara?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > invece lavorare gratis per Sun e' un ottima idea
    > vero?

    Chiarisco: temo che M$ utilizzera' le fantomatiche "proprieta' intellettuali" per rompere le uova nel paniere. Lavorare gratis nel senso che IMHO, prima o poi, verra' richiesta una licenza M$ per utilizzarlo.
    Mi pare (ma posso sbagliare) che un simile rischio non esista con Java.

    > mono in pochissimo tempo e' diventata una
    > piattaforma stabile e performante

    Sotto linux? Non direi... non ancora, almeno.

    > java sono anni che esiste e ancora non c'e' ua
    > jvm free degna di tale nome
    > un motivo ci sara?

    No, e' un puro caso...Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • > Il dettaglio e' che il sorgente sara'
    > disponibile: puoi tracciare il problema fino alla
    > riga di codice corrispondente, cosa che con la VM
    > ufficiale non ti e' concesso...

    MEEEP
    Il sorgente c'è, sennò come lo compilo su FreeBSD?

    C.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > MEEEP
    > Il sorgente c'è, sennò come lo compilo su FreeBSD?

    Pfff i linux kiddies stanno impestando anche FreeBSD, adesso?
    Se tu l'avessi mai compilato, avresti scoperto che stai parlando del JDK, e che devi scaricare sia sorgenti che BINARI dal sito della SUN.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Non dimentichiamo che i JDK/JRE di Sun sono
    > gratuiti, e questo per molti è sufficiente. Mono
    > ha molto più senso, perché porta .NET su altre
    > piattaforme, ma per Java questo discorso non
    > vale. Se offriranno un JDK open source che vale
    > il 98% di quello "ufficiale", io continuerò a
    > usare quello. Sarà solo un'altra VM da testare
    > per compatibilità...

    Si saranno pur gratuiti, ma lo vogliamo capire che se non sono liberi saremo sempre in balia di questi pazzi delle aziende di software?

    Una mattina si svegliano e dicono che l'opensource e' un cancro. Quella dopo invece fanno finta che lo appoggiano e si dicono favorevoli.
    Poi risvegliano e se M$ gli da qualche milioncino non ci mettono un attimo a rimangiarsi tutto cio' che avevano detto il giorno prima.

    Io non ci sto a legarmi mani e piedi a nessuna azienda.

    E i grandi gruppi come Engineering lo hanno capito e stanno abbandonando PowerBuilder ed altri ambienti per Java, ma ancora non e' siamo completamente liberi.

    Se per il C esistono tante implementazioni ed e' un linguaggio realmente libero, non si puo' dire altrettanto delle API. E non lo sono VB, Delphi e tanti altri.

    Se Java divenisse realmente libero con questa implementazione di Apache diventerebbe universalmente usabile e fruibile anche se alla Sun impazzissero (o si vendessero alla M$) come Mc Bride di SCO.

    non+autenticato
  • Hai ragione... inoltre vogliamo dimenticarci che Java dal punto di vista prestazionale e' un CESSO?? E' mai possibile che per un programmino del cavolo (specialmente sotto linux) abbia bisogno di mezzo Giga di RAM?? Ma stiamo scherzando?? Non oso immaginare le schifezze che hanno fatto.. un'implementazione open darebbe sicuramente una mossa...
    non+autenticato