Prima conferenza italiana OpenOffice.org

Tra una settimana

Milano - Si terrà nel capoluogo lombardo venerdì 20 maggio una conferenza di OpenOffice.org dedicata all'incontro e all'approfondimento del gruppo di volontari del
PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org, che gestisce le attività relative alla suite libera per ufficio OpenOffice.org in Italia.

L'incontro si divide in due parti: la mattina, dalle 9,30, tutti gli interessati potranno assistere a numerosi interventi relativi alla natura e alle specifiche di OpenOffice, nel pomeriggio, invece, dalle 14,30 in poi, è previsto un incontro dedicato esclusivamente ai membri della comunità di OpenOffice.org.

L'appuntamento è presso Sun Microsytems (viale Fulvio Testi 327, Milano) e poiché - si legge in una nota - "i posti disponibili sono numericamente limitati, e l'accesso alla sede Sun prevede una procedura di sicurezza" è indispensabile pre-registrarsi utilizzando il modulo online che si trova qui
10 Commenti alla Notizia Prima conferenza italiana OpenOffice.org
Ordina
  • Ciao a tutti, forse sono un po' OT ma comunque volevo dire che sono un felice utilizzatore di OpenOffice.org da un paio di anni, lo uso nel mio ufficio come suite di office su due computer, fin quando ci devo fare le cose per me tutto bene e sono soddisfatto, ma molto spesso mi vengono inviati dei documenti da utenti MS Office che non sono leggibili da OOo, sono tutti spaginati, pezzi di qua e di la', pagine saltate, righe e tabelle completamente sconquassate, pezzi di testo mancanti..... tanto che ho dovuto installare da tempo il famoso MS Word Viever, che almeno apre e stampa i documenti MSO correttamente, in realta' non c'e' una vera compatibilita' fra i due, allora io mi chiedo ma OOo puo' essere davvero un'alternativa valida considerando che lo standard mondiale e' MSO? Voglio dire, per me e' ok perche' ne faccio un uso marginale, ma chi si trova a scambiare, ricevere, inviare continuamente documenti, fogli elettronici, ecc, secondo me sara' obbligato ancora a comprare MSO e mettere da parte OOo nonostante tutta la buona volonta'. C'e' un modo per rendere le due suite perfettamente compatibili? Almeno nel leggere/scrivere file in formati condivisi, oppure e' un sogno che non vedra' mai la luce?

    A.M.
    non+autenticato
  • il problema in realtà è questo : i formati con cui ms office scrive i suoi documenti sono pubblici, ma non possono essere usati in ambito commerciale.non è una questione tecnica, ma puramente di licenze. per microsoft non è possibile permettere a sun ( che finanzia lo sviluppo di openoffice e ne vende la versione comemrciale , staroffice) . office infatti origina il 30 % dei guadagni microsoft , ed è un'osso che vale miliardi di euro e che non si lascia fuggire via così.

    ovviamente la compatibilità con programmi come openoffice o abiword sarebbe davvero tropo rischiosa : al 99 % degli utenti le potenzialità di openoffice bastano e avanzano,.
    non+autenticato
  • Falso: i formati di office NON sono pubblici. I programmi che li interpretano lo fanno grazie ad ANNI di impegno nel reverse engeneering.

    Gli unici formati pubblicati da microsoft sono quelli basati su XML, che però non usa NESSUNO, visto che richiedono le versioni Enterprise di Office System. Che è costosissimo e non li usa comunque come default.

    ...e su questi formati XML in teoria pubblicati la MS fa pendere la spada di damocle di licenze capestro, quindi mal visti in ogni caso.
    non+autenticato
  • domanda banale: è una mia impressione o openoffice (uso la 2 beta 1.9.100, con lingua italiana presa da un'altra, ma funziona) ha migliorato molto proprio nell'importazione di documenti office? a me ad esempio apre dei power point che nelle versioni precedenti non leggeva; non importa ancora i link per il sonoro, ma le animazioni sì; insomma: provate le ultime versioni, mi pare siano meglio assai!!
    giovanni
    non+autenticato
  • MA CHE CAZZATE SONO?
    Cominciano Bene questo dell' ooo iTALIA!
    non+autenticato
  • Visto che si tiene nei locali di una azienda è abbastanza ovvio che si chieda di autenticarsi, non so che lavoro fai tu ma quando vado da aziende cleinti che non sono il salumiere sotto casa di solito ti chiedono un documento e ti registrano
    Cla!
    cla
    397

  • - Scritto da: Anonimo
    > MA CHE CAZZATE SONO?
    > Cominciano Bene questo dell' ooo iTALIA!


    clap clap
  • - Scritto da: Anonimo
    > MA CHE CAZZATE SONO?
    > Cominciano Bene questo dell' ooo iTALIA!

    Ma stai muto che non sei buono neanche a scrivere in italiano....
  • Qualsiasi azienda ti richiede il documento e ti registra. Se poi è americana lo fa pure più degli altri.

    Where were you living?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > MA CHE CAZZATE SONO?
    > Cominciano Bene questo dell' ooo iTALIA!

    Perchè, tu pensi di poter entrare nell'edificio sede di una QUALUNQUE grande azienda senza lasciare la carta d'identità alle guardie in reception e senza un badge da visitatore?

    Torna a scuola, vah... Troll occhiolinoTroll di tutti i coloriTroll occhiolino
    non+autenticato