USA: smantellata supergang di spammer

Gli investigatori, in collaborazione con Microsoft, identificano una delle più grandi organizzazioni di spammer. Inviavano centinaia di milioni di email, vendendo software contraffatto e medicinali fasulli

Boston - I pubblici ministeri dello stato americano del Massachussets gridano vittoria e smascherano una gang di spammer accusata di aver inviato miliardi di messaggi truffaldini. Il giudice Tom Reilly è chiaro e non usa mezzi termini per giudicare questi criminali: "La loro attività non era solamente noiosa ma metteva seriamente a rischio l'economia e la sicurezza dei cittadini".

Il gruppo, composto da sette persone di varia nazionalità, utilizzava server sparsi per tutto il mondo. Operando tramite server situati nel Principato di Monaco e nella lontana Australia, l'organizzazione di spammatori bersagliava quotidianamente milioni di utenti con annunci ingannevoli.

Adesso su di loro pendono gravi accuse: avrebbero utilizzato il canale dello spam per vendere software pirata e medicinali di ogni tipo. Proponendo a prezzi ridicoli Viagra e copie di Windows XP, la banda aveva creato un insolito "supermercato" dell'illegale.
Un fatto che, immancabilmente, ha attirato la stessa Microsoft, peraltro da lungo tempo attiva sul fronte antispam anche in Italia. Aaron Kornblum, legale dell'azienda, ha collaborato con il suo team all'identificazione dei pirati. "Abbiamo dato una mano alle indagini, perchè questo non era semplice spam: il livello d'attività di questi criminali era incredibile. Era senza dubbio una delle più grandi organizzazioni nel mondo". Alcuni membri provengono dalla Russia ma le attività venivano gestite nei pressi di Boston.

"La cooperazione tra imprese e governo", ha concluso in un comunicato stampa il legale Microsoft, "è importantissimo per combattere spam e pirateria. Nessuna azienda può farcela da sola". Kornblum ha anche acquistato una copia piratata di Windows tramite una delle tante offerte inviate dagli spammatori. In definitiva la gang non se la caverà soltanto con le salatissime multe previste dalla legislazione americana anti-spam: dovrà rispondere di varie accuse che vanno dalla vendita abusiva di medicinali fino alla pirateria informatica.

Tommaso Lombardi
TAG: microsoft
15 Commenti alla Notizia USA: smantellata supergang di spammer
Ordina
  • Dunque, se è vero, come mai continuo a ricevere notizie "economiche" da questi signori?
    Forse qualche emule? Oppure hanno trovato il modo di fare spam con timer ritardato?
    Non è che vi siano scappati alcuni "pesciolini"?
    ufo1
    183
  • infatti hanno smantellato una grossa organizzazione (e ce ne sono in giro molte altre), mica hanno smantellato tutte le micro organizzazioni.

    io é da anni che uso l'email e internet, e di spam ne ricevo ben poco. perché? piccole misucre di sicurezza, che sono risultate fin'ora efficaci:

    - dare l'indirizzo e-mail solo a persone fidate
    - non pubblicare l'indirizzo e-mail su siti web
    - non usare mai lo stesso indirizzo e-mail. ad es. per iscriversi a forum, siti di commercio elettronico, newsletter ecc. usare diversi account. yahoo fornisce a tale scopo una funzione chiamata "address guard": vedi opzioni di yahoo.
    - sensibilizzare i propri amici, ovvero spiegare loro di non spedire catene (contenenti magari filmati divertenti o altre stupidaggini) lasciando gl'indirizzi in "chiaro", bensì di inserirli nel campo "bcc:" al fine di proteggere la privacy dei destinatari

    --dadude
    non+autenticato
  • Sette persone, secondo loro, sarebbero una delle piu' grando organizzazioni del mondo...
    Possibile che anche quando fanno qualcosa di buono devono per forza metterci dentro un po di fanfare e tamburi?

    OK hanno preso degli spammer che - se sono colpevoli - vanno trattati in modo durissimo. Ma invece di scambiarsi pacche sulle spalle potrebbero andare a caccia del prossimo, e poi del prossimo ancora... perche' altrimenti - fermo restando che "uno" e' meglio di niente - questo processo e' destinato a essere una semplice vetrina che non risolve, sul serio, il problema.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sette persone, secondo loro, sarebbero una delle
    > piu' grando organizzazioni del mondo...
    > Possibile che anche quando fanno qualcosa di
    > buono devono per forza metterci dentro un po di
    > fanfare e tamburi?
    >

    la più grossa forse no, ma tra le più grosse potrebbe anche essrere di si. Pensa che non ci saranno organizzazioni da decine e decine di dipendenti perché è qualcosa di illegale e chi collabora deve essere completamente al sicuro dei propri "colleghi", ma soprattutto rimane il fatto che automatizzando i processi informatici basta una sola persona per creare una enorme centrale di spam (parlo di milioni di messaggi al giorno, era apparso l'articolo anche su PI qualche tempo fa).
  • c'entrasse qualcosa il fatto che uso linux, e dato che non riuscivano a infiltrarsi nel mio HD e trovare prove di microsofteria mi mandavano proposte per MSOffice a prezzi stracciati (tipregotipregotiprego te lo passo sottobanco ma non usare più openoffice...)
    non+autenticato
  • HahahahahhaaA bocca aperta
    non+autenticato
  • esatto

  • - Scritto da: Anonimo
    > c'entrasse qualcosa il fatto che uso linux, e
    > dato che non riuscivano a infiltrarsi nel mio HD
    > e trovare prove di microsofteria mi mandavano
    > proposte per MSOffice a prezzi stracciati
    > (tipregotipregotiprego te lo passo sottobanco ma
    > non usare più openoffice...)

    Bravo, ora fila a dormire....rausssssssssssA bocca aperta
    non+autenticato

  • > Bravo, ora fila a dormire....rausssssssssssA bocca aperta

    i soliti anonimi dementi..
    sh4d
    455
  • Quelli che sicuramente intasavano le mie caselle di libero !
    non+autenticato
  • Bravo!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Bravo!!!

    anche a me...volevano vendermi un sacco di viagra...
    sigh
  • Io continuo a ricevere questo spam, ma solo su Libero. Sto pensandi di cambiare indirizzo e provider.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Io continuo a ricevere questo spam, ma solo su
    > Libero. Sto pensandi di cambiare indirizzo e
    > provider.

    segui questo consiglio:

    1) usa un account gmail (ora é disponibile anche in italiano) come account principale da usare per comunicare con parenti ed amici

    2) usa un account yahoo (yahoo.it o .com, come vuoi) e creati qualche alias mediante la funzione "address guard", da usare per registrarti a nwsletter, siti di commercio elettronico e altre fonti che potrebbero vendere o usare il tuo e-mail a scopi commerciali...

    --dadude
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Io continuo a ricevere questo spam, ma solo su
    > > Libero. Sto pensandi di cambiare indirizzo e
    > > provider.
    >
    > segui questo consiglio:
    >
    > 1) usa un account gmail (ora é disponibile anche
    > in italiano) come account principale da usare per
    > comunicare con parenti ed amici
    >
    > 2) usa un account yahoo (yahoo.it o .com, come
    > vuoi) e creati qualche alias mediante la funzione
    > "address guard", da usare per registrarti a
    > nwsletter, siti di commercio elettronico e altre
    > fonti che potrebbero vendere o usare il tuo
    > e-mail a scopi commerciali...
    >
    > --dadude
    E se su un account cominciano a fioccarti miliardi di email spazzatura non usare quell'account per 4 mesi : te lo disattivano e poi lo riattivi ! Geek
    non+autenticato