DTT, quattro proposte dai consumatori

Per risolvere i problemi legati al digitale terrestre arrivano alcune idee rivolte al Governo al primo Forum sul DTT voluto dalle associazioni del consumo

Roma - Si è svolto nei giorni scorsi il primo Forum sul digitale terrestre organizzato dal Movimento Difesa del Cittadino ed Adiconsum. Le due associazioni davanti ad una platea composta di politici ed esperti del settore hanno riformulato 4 proposte:

- rinvio dello switch off previsto per il 2006, termine entro il quale, secondo il Governo, le 20 milioni di famiglie italiane dovranno dotarsi - se vorranno ancora vedere la televisione - di un decoder, calcolando una spesa, (in media di due decoder per famiglia) intorno ai 100/150 euro per un costo totale di 2 miliardi di euro;

- sì al decoder unico, garanzia di pluralismo e libera scelta, no ad un decoder per ogni TV digitale (terrestre, satellite, cavo, doppino), Movimento Difesa del Cittadino e Adiconsum chiedono il rispetto della legge sul decoder unico che impone decoder predisposti alla ricezione di tutti i programmi radiotelevisivi digitali;
- nessun incentivo per il decoder digitale terrestre: non è giustificabile lo stanziamento di risorse per un bene voluttuario quando sono stati realizzati tagli ai servizi essenziali come la tutela della salute. L'unico incentivo accettabile è quello per un decoder unico che permette di ricevere segnali TV e radio e l'accesso ai servizi di pubblica utilità;

- Movimento Difesa del Cittadino ed Adiconsum chiedono inoltre una digitalizzazione globale per tv e radio. I servizi di pubblica utilità devono essere fruibili anche da cellulare, telefono, decoder satellitare etc. per questo gli apparti devono essere aperti per garantire la ricezione dei programmi a pagamento e gratuiti.

"Chiediamo - hanno dichiarato Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino e Paolo Landi, segretario generale di Adiconsum - che i consumatori possano decidere quale operatore scegliere, proponiamo un passaggio graduale dall'analogico al digitale cosicché le famiglie possano dotarsi di un decoder unico. Invitiamo inoltre i consumatori a valutare attentamente, in caso di acquisto di un nuovo apparecchio televisivo, la sua predisposizione alla ricezione digitale, perché in caso contrario stanno acquistando un apparecchio già vecchio."

In attesa di un incontro con le forze politiche, al Forum hanno preso la parola anche l'on. Carla Mazzuca (Repubblicani europei), secondo cui le proposte vanno nella giusta direzione. A suo dire "il mancato rinvio dello switch off porterebbe a ledere il diritto all'accesso all'informazione di tutti i cittadini, sancito nella Costituzione". Mazzuca ha anche voluto demitizzare il DTT spiegando che "il digitale terrestre non è una panacea" nel rapporto tra i cittadini e l'amministrazione pubblica.

Sulla stessa linea il senatore Mauro Fabris (Udeur), che ha auspicato una vigilanza indipendente sul settore da parte dell'Autorità garante delle TLC.
TAG: dtt
32 Commenti alla Notizia DTT, quattro proposte dai consumatori
Ordina
  • un breve commento alle proposte :

    1) rinvio dello switch off previsto per il 2006:
    secondo me è certo che ci sarà il rinvio !

    2) sì al decoder unico, garanzia di pluralismo e libera scelta, no ad un decoder per ogni TV digitale (terrestre, satellite, cavo, doppino):
    IMPOSSIBILE ! esempio ? vedasi Skyfo

    3) nessun incentivo per il decoder digitale terrestre:
    e il business dove lo mettete ?

    4) Movimento Difesa del Cittadino ed Adiconsum chiedono inoltre una digitalizzazione globale per tv e radio. I servizi di pubblica utilità devono essere fruibili anche da cellulare, telefono, decoder satellitare etc. per questo gli apparti devono essere aperti per garantire la ricezione dei programmi a pagamento e gratuiti:

    DIGI GLOBALE COSA ? già usare il termine "globale" mi fa pensare a qualcosa di così ampio che non si realizzerà mai ! Pensate a proporre cose fattibili, ma intanto i servizi di pubblica utilità dove sono ?
    non+autenticato
  • Ero presente al Forum ed ho ascoltato attentamente quanto detto dai partecipanti. I "politici" non mi sembra abbiano espresso un qualche parere significativo. Uno (quello non citato nella "notizia", in rappresentanza dell'osservatorio ITC della Margherita), ha criticato il concetto di "switch off" dicendo: "non possiamo fare come la Svezia che alla mezzanotte del 31 dicembre è passata dalla guida a sinistra a quella a destra...". Pensate che sarebbe successo se non avessero fatto così!Sorride
    Comunque... vorrei conoscere l'autore della notizia, e soprattutto il motivo per cui è stata pubblicata: si tratta del lancio stampa seguito all'evento che però ribadisce quanto già ampiamente detto dall'"editoriale" di Vergari sempre su PI.
    Non potremmo allargare il discorso come annunciato?
    federicorocchi
  • io credo che , se lo scadere del termine 2006 rimane tassativo, si avrà un ENORME calo degli utenti delle tv classiche, ed un altrettanto boom di abbontamenti a sky e tv satellitari : la gente normalmente è molto passiva, magari sa che sul satellite si trovano canali molto validi ma gli và/non ne capisce molto per prenderla (o non ne vede il vantaggio), ma dal momento che è 'costretta' a procurarsi decoder, verificare antenne soprattutto nel caso di condomini, eventualmente cablare + tv per essere usate con un solo decoder (con le sfighe del caso), magari tutto ciò farà un passo in più e prenderà la parabola. Perplesso
    Almeno io penso seriamente di passare al satellite piuttosto che a questo digitale monco, a queste trasmissioni tristissime e falsissime.(le quali sono riuscite nel compito che mia madre un tempo si era preposta...staccarmi completamente dalla televisione Rotola dal ridere ).
    Salute a tutti! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Il problema è che molti eventi trasmetti sui canali tradizionali (i primi 8 del telecomando per intendersi) sono criptati sul satellite, come partite, film, alcuni telefilm, altri eventi sportivi in generale...

    Quindi o ci forniranno una scheda per decodificare (in quanto italiani) i canali criptati per il resto d'europa o ci costringeranno comunque a comprare il digitale terrestre per vedere tutto, anche gli eventi più interessanti...

    No?!

    - Scritto da: Anonimo
    > io credo che , se lo scadere del termine 2006
    > rimane tassativo, si avrà un ENORME calo degli
    > utenti delle tv classiche, ed un altrettanto boom
    > di abbontamenti a sky e tv satellitari : la gente
    > normalmente è molto passiva, magari sa che sul
    > satellite si trovano canali molto validi ma gli
    > và/non ne capisce molto per prenderla (o non ne
    > vede il vantaggio), ma dal momento che è
    > 'costretta' a procurarsi decoder, verificare
    > antenne soprattutto nel caso di condomini,
    > eventualmente cablare + tv per essere usate con
    > un solo decoder (con le sfighe del caso), magari
    > tutto ciò farà un passo in più e prenderà la
    > parabola. Perplesso
    > Almeno io penso seriamente di passare al
    > satellite piuttosto che a questo digitale monco,
    > a queste trasmissioni tristissime e
    > falsissime.(le quali sono riuscite nel compito
    > che mia madre un tempo si era
    > preposta...staccarmi completamente dalla
    > televisione Rotola dal ridere ).
    > Salute a tutti! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ciao a Tutti !

    Poniamo che in questo anno e mezzo tutti noi entusiasti Italiani ci comperiamo il nostro bravo decoder ... magari più di uno a famiglia per poterci "godere" questa "tecnologia che il modo ci invidia" su tutti i TV di casa ... arriva il 1/1/2007... e PUF ! Solo digitale !

    Tutto questo è meraviglioso, non trovate ?

    Ma anche volendo, come ho fatto qui sopra, imitare Gianni e spararmi una overdose di ottimismo vorremmo dire co per l' 1/1/2007 il DTT corità il 100% (o quasi) del territorio italiano ?

    Sicuramente è malfidenza mia, ma i miei sensi di ragno mi dicono che il digitale terrestre è composto di una serie di stronzate stratificate, che danno origine a ... decidete voi.
  • cito:
    - nessun incentivo per il decoder digitale terrestre: non è giustificabile lo stanziamento di risorse per un bene voluttuario quando sono stati realizzati tagli ai servizi essenziali come la tutela della salute.

    mi sembra molto significativo che delle associazioni difesa del consumatore boccino degli incentivi,che a parole dovrebbero far risparmiare proprio le persone che queste associazioni tutelano (cioè tutti noi)
    evidentmente hanno intuito che la cosa puzza e non poco

  • Si perchè gli incentivi vanno a vantaggio solo di mediaset (in questo caso) e delle altre emittenti (non ne vedo altre, forse la7,ma....) altro che favorire il consumatore...Occhiolino


    - Scritto da: ishitawa
    > cito:
    > - nessun incentivo per il decoder digitale
    > terrestre: non è giustificabile lo stanziamento
    > di risorse per un bene voluttuario quando sono
    > stati realizzati tagli ai servizi essenziali come
    > la tutela della salute.
    >
    > mi sembra molto significativo che delle
    > associazioni difesa del consumatore boccino degli
    > incentivi,che a parole dovrebbero far risparmiare
    > proprio le persone che queste associazioni
    > tutelano (cioè tutti noi)
    > evidentmente hanno intuito che la cosa puzza e
    > non poco
    non+autenticato
  • probabilmente hai ragione... mediaset ci guadagna e le associazioni dei consumatori non hanno piacere... ma allora... quando sono state fatte le rottamazioni con incentivi statali... perche non hanno detto nulla???
    a pensare male viene quasi da dire che ad Agnelli (che è stato senatore della sinistra) tutto è concesso... perche al nano no?!?!?!
    E' evidente che l'errore è stato di entrambe le legislature(ognuna nei rispettivi campi)... la domanda è perche prima non hanno detto nulla???



    - Scritto da: Anonimo
    >
    > Si perchè gli incentivi vanno a vantaggio solo di
    > mediaset (in questo caso) e delle altre emittenti
    > (non ne vedo altre, forse la7,ma....) altro che
    > favorire il consumatore...Occhiolino
    >
    >
    > - Scritto da: ishitawa
    > > cito:
    > > - nessun incentivo per il decoder digitale
    > > terrestre: non è giustificabile lo stanziamento
    > > di risorse per un bene voluttuario quando sono
    > > stati realizzati tagli ai servizi essenziali
    > come
    > > la tutela della salute.
    > >
    > > mi sembra molto significativo che delle
    > > associazioni difesa del consumatore boccino
    > degli
    > > incentivi,che a parole dovrebbero far
    > risparmiare
    > > proprio le persone che queste associazioni
    > > tutelano (cioè tutti noi)
    > > evidentmente hanno intuito che la cosa puzza e
    > > non poco
    non+autenticato
  • Precisazioni:
    Agnelli non fu mai ststo eletto nelle liste della sinistra (fu invece nominato senatore a vita nel 1991 quindi da Cossiga)
    Viceversa la sorella Susanna agnelli è stata ministro degli esteri del Governo Dini.
    Sulle rottamazioni posso essere d 'accordo con te ma il mercato dell'auto è libero da un po' di lustri (almeno per le marche Europee) e penso che il paragone con quello televisivo italiano non regga assolutametne.

  • - Scritto da: Anonimo
    > piacere... ma allora... quando sono state fatte
    > le rottamazioni con incentivi statali... perche
    > non hanno detto nulla???

    a parte il fatto che proprio chi ora propone incentivi sul DTT ai tempi si stracciava le vesti e criticava aspramente, non mi sembra che se non hai il digitale terrestre tu possa non sopravvivere, non avere l'automobile invece qualche problemuccio te lo poteva portare.
    Inoltre perche' Agnelli? mica eri vincolato a comperare fiat.

    > a pensare male viene quasi da dire che ad Agnelli
    > (che è stato senatore della sinistra) tutto è
    > concesso... perche al nano no?!?!?!

    Perche' appunto non eri obbligato a comperare fiat, perche' la portata dell'intervento aveva ben altre finalità, perche' poi agnelli che gia' viene da ridere definirlo di sinistra non era presidente del consiglio...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)