SMS? Strumento di coinvolgimento di massa

Amber Alerts anche via cellulare: gli americani potranno partecipare attivamente alla ricerca di bambini rapiti e scomparsi. Ecco come funziona

Roma - Nuovo passo avanti verso l'uso del cellulare come strumento d'emergenza. Molti operatori americani hanno infatti deciso di varare un sistema di coinvolgimento via SMS pensato per contribuire alle ricerche di bambini scomparsi o rapiti.

L'idea delle Ambert Alerts, come vengono chiamate questo genere di comunicazioni, è quella di spingere alla partecipazione il maggior numero possibile di utenti: avvertiti via SMS potrebbero all'occorrenza moltiplicare potenzialmente per milioni di volte gli "occhi" impegnati nella ricerca dei minori nei casi stabiliti dalla polizia.

A differenza di quanto accaduto in precedenza, anche qui da noi, i messaggini di emergenza non verranno sparati dagli operatori sui cellulari senza nessun preavviso: raggiungeranno infatti soltanto quegli utenti che si saranno registrati al servizio.
L'iniziativa è rilevante non solo perché traccia una nuova via nell'uso del cellulare, strumento diffusissimo in tutti i paesi più ricchi, ma anche perché vi partecipano tutti i maggiori operatori di rete mobile, e questo potrebbe spingere ad optare per la registrazione un grandissimo numero di persone.

Il nome di questi allarmi, "Amber", deriva dal tristissimo caso di Amber Hagerman, una bambina che alla fine del secolo scorso fu rapita e poi fu trovata uccisa. Ed è di grande interesse il fatto che queste Alert, fino ad oggi diffuse solo via email, secondo la polizia hanno già contribuito al ritrovamento di almeno 200 bambini.
8 Commenti alla Notizia SMS? Strumento di coinvolgimento di massa
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)