Sbloccavano i telefonini Tre, denunciati

Sono in 30 le persone finite sotto inchiesta perché dedite ad un'operazione diffusissima su tutto il territorio nazionale: abilitare i telefonini UMTS di Tre per l'uso con altre SIM

Roma - Lo chiamano "sblocco del cellulare" ed è un'attività che qualcuno pubblicizza persino su giornali e riviste, attività che però ha condotto all'intervento della magistratura con l'identificazione e la denuncia di 30 persone in diverse regioni d'Italia.

Agli indagati si contesta un'operazione peraltro assai diffusa su tutto il territorio nazionale, ovvero l'abilitazione dei cellulari distribuiti da Tre per l'uso con altre SIM: come noto l'operatore vende sul mercato cellulari UMTS a buon prezzo per acquisire nuovi clienti che li devono utilizzare con le sole SIM fornite da Tre. Da qui il ricorso di moltissimi allo "sblocco", affinché con quegli stessi cellulari sia possibile utilizzare i servizi UMTS degli altri operatori, generalmente più economici.

Questo il quadro nel quale Tre ha deciso di sporgere denuncia contro gli "sbloccatori". In realtà, viste le nuove normative in materia, ad essere interessati dal provvedimento non sono soltanto coloro che hanno provveduto a rimuovere il lock sulla SIM ma anche chi, pagando 25 o 30 euro, ha chiesto e ottenuto lo sblocco: per loro si ipotizza il reato di ricettazione, come appunto previsto dalle leggi antipirateria.
In particolare, ha spiegato ieri la Polizia Postale che si è incaricata delle indagini, le denunce riguardano accesso abusivo a sistemi informatici nonché detenzione e diffusione abusiva di codici per accedere a tali sistemi,

Nella sua denuncia, Tre aveva segnalato - spiega una nota della PolPost - come "l'illecita rimozione dell'operator lock" possa "essere espletata in vari modi, a seconda della marca e del modello del telefono" e, in particolare: inserimento di un codice mediante tastiera del videofonino; collegamento del videofonino, mediante apposito cavo USB ad un personal computer collegato ad internet con cui "scaricare" l'apposito software; collegamento del videofonino ad una clip con istallato il software di sblocco.

"Di fatto, quindi - continua la nota - come espressamente dichiarato dalla parte lesa, tali servizi e/o dispositivi operano attraverso cd "tool" software e/o dispositivi hardware che, mediante connessioni ai terminali (via cavo e/o via internet), modificano il codice di controllo del meccanismo dell'operator lock, alterandolo o disattivandolo definitivamente, andando, pertanto ad incidere sul sistema telematico costituito dai terminali (videofonini) - da una parte - e dalla rete UMTS di 3 - dall'altra, attraverso la manipolazione e l'alterazione del cosiddetto "flex file" del terminale".

Alle denunce sono seguite perquisizioni domiciliari per i 30 indagati in Abruzzo, Campania, Lazio, Lombardia, Toscana, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto.
TAG: tre
489 Commenti alla Notizia Sbloccavano i telefonini Tre, denunciati
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    > sti disonesti
    Speriamo che gli si ritorca contro, come un boomerang, 'sti occhi falsi succhiasangue, se il giudice non è venduto deve sputargli in bocca e assolvere i denunciati, con obbligo per "3" di rimborsare totalmente le spese legali, fatta salva la possibilità dei clienti di fare una controdenuncia per avere i danni morali e materiali.
    non+autenticato
  • In effetti avevo trovato per caso tracce su Internet di questa pratica, ma non ne sapevo nulla e non sapevo proprio che fosse vietato.
    _Non sense?_
    Secondo me non ha senso, ma correggetemi se sbaglio.
    Quando ti vendono un apparato é tuo, pertanto se lo manometti sono solo affari tuoi. A meno che ci sia un contratto che dice che ti impegni a non utilizzare altre SIM su quel telefonino. Se io compro un Pc non sto noleggiando un servizio, il servizio lo compro a parte se lo voglio connettere ad Internet. Lo stesso dovrebbe essere per il telefonino.
    La loro rete non dovrebbe essere molestata, infatti se utilizzi altre sim ti connetti con altre reti. O no?
    Pertanto, se mi vendono un PC che si può collegare solo ad un operatore per internet (mannaggia perché gli ho dato l'idea!!), e beninteso se io non ho firmato un contratto dove accetto questa restrizione, dovrei avere il pieno diritto di modificarlo come mi pare e collegarmi dove voglio, o no?

    _Riflessione_
    Io credevo che all'inizio di tutto questa perdita di diritti dei cittadini ci fossero i fautori del libero mercato e della deregulation. Ma che strano... Ora mi sembra che questi fautori del libero mercato si siano trasformati in fautori della schiavitù ai servizi.
    Ormai non si vende più un'automobile, ma la garanzia ed i ricambi che sono salatissimi, l'auto é regalata ma se la volessi veramente ricostruire a partire dai ricambi la pagheresti più di 100 volte tanto. I software che compri sono praticamente solo in affitto, a leggere le licenze. E ci sono tanti altri esempi, i beni materiali si stanno smaterializzando insieme alle nostre tasche.
    Tutto il guadagno si sta spostando verso i servizi, ovvero verso qualcosa che NON ti vendono. Quello che ti dovrebbero vendere te lo regalano, poi dopo però ti fanno pagare qualcosa... che non ti vendono ma ti "concedono", e tu paghi per non avere né l'uno né l'altro.

    Opinioni? Commenti?
  • Io consiglierei a tutti di non prendere sottogamba la questione.Non si tratta semplicemente di difendere il diritto del proprietario di utilizzare il bene in modo pienoed esclusivo.....
    Qui sono in ballo questioni future molto ma molto più importanti..E'in ballo la libertà di noi tutti....

    Pensate che sia molto lontano un futuro dove ci saranno PC con limitazioni imposte dal venditore e che IMPEDISCONO l'utilizzo di altri sistemi operativi oltre quello pre installato ?
    Non vi dice niente il progetto PALLADIUM?.....

    Che faranno allora tutti coloro che utilizzano OS alternativi??Avremo le carceri piene di PINGUINI???

    Meditate gente,meditate......Difendere gli interessi dei grandi potentati economici danneggia e indebolisce SEMPRE il singolo...
    non+autenticato
  • ...perché tutti qui a sbraitare contro "3"

    Questa politica di dare agli utenti cellulari sottocosto vincolando contrattualmente l'utilizzo del gestore, è in uso in tutto il mondo da diversi anni.

    Se non vi sta bene il vincolo contrattuale col gestore, sceglietevi un telefono "non bloccato", che ovviamente costerà di più...

    Ma se negli altri paesi tutti hanno un senso civico votato al rispetto (a volte anche troppo), in Italia però siamo tutti più furbi, vogliamo comprare il cellullare sottocosto (perché sfoggiare un cellulare nuovo ogni due mesi "fa figo") e poi fregarcene dei vincoli ai quali è sottoposto. C'è gente che spende montagne di soldi in ca##ate, magari a rate, e poi si lamenta perché ha pochi soldi per le cose "essenziali"... vi rendete solo ridicoli...

    Bye

    PS: tra l'altro mi piacerebbe sapere (visto che qualcuno sbraita sui "diritti del bene acquistato") se il telefono è venduto a tutti gli effetti, oppure dato in comodato d'uso all'utente... qualcuno che ha un telefono "3" può spulciare il contratto alla ricerca di questa cosa?

    non+autenticato
  • La tre ci guadagna dalla vendita dei cellulari venduti. Credo che ogni cliente in questo senso abbia la coscienza a posto, poiché ha fatto gudagnare la tre.
    Se la tre ci perdesse dalla vendita dei cellulari, questo è grave. Non per i consumatori, ma per la tre, che ricorre a metodi poco corretti per eliminare i concorrenti nel mercato di telefonia mobile. Con le vendite sottocosto puoi demolire un intero mercato, e questo, se permetti, mi sembra più grave dello sblocco di un cellulare
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La tre ci guadagna dalla vendita dei cellulari
    > venduti. Credo che ogni cliente in questo senso
    > abbia la coscienza a posto, poiché ha fatto
    > gudagnare la tre.
    > Se la tre ci perdesse dalla vendita dei
    > cellulari, questo è grave. Non per i consumatori,
    > ma per la tre, che ricorre a metodi poco corretti
    > per eliminare i concorrenti nel mercato di
    > telefonia mobile. Con le vendite sottocosto puoi
    > demolire un intero mercato, e questo, se
    > permetti, mi sembra più grave dello sblocco di un
    > cellulare

    La "3" non è né produttrice né rivenditrice di cellulari. Può comprarli e rivenderli allo stesso prezzo, oppure può fare accordi col produttore per particolari offerte. Sicuramente il guadagno di "3" non è fatto sulla vendita del cellulare, ma sul servizio che vende all'utente

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > La tre ci guadagna dalla vendita dei cellulari
    > > venduti. Credo che ogni cliente in questo senso
    > > abbia la coscienza a posto, poiché ha fatto
    > > gudagnare la tre.
    > > Se la tre ci perdesse dalla vendita dei
    > > cellulari, questo è grave. Non per i
    > consumatori,
    > > ma per la tre, che ricorre a metodi poco
    > corretti
    > > per eliminare i concorrenti nel mercato di
    > > telefonia mobile. Con le vendite sottocosto puoi
    > > demolire un intero mercato, e questo, se
    > > permetti, mi sembra più grave dello sblocco di
    > un
    > > cellulare
    >
    > La "3" non è né produttrice né rivenditrice di
    > cellulari.

    Incredibile. Come si spiega il fatto che posso persino acquistarli dal loro sito? Mi sembra che quello che affermi sia diverso da quello che afferma tre. Se vado in un negozio tre o sul sito della tre i cellulari li posso ACQUISTARE, eccome.

    > Sicuramente il guadagno
    > di "3" non è fatto sulla vendita del cellulare,
    > ma sul servizio che vende all'utente
    >
    > ciao

    E' ininfluente se la tre guadagna di più con i servizi. Quello che conta è che la tre ci gudagni anche con la vendita dei cellulari, perché se così non fosse infrangerebbe la legge.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > La "3" non è né produttrice né rivenditrice di
    > > cellulari.
    >
    > Incredibile. Come si spiega il fatto che posso
    > persino acquistarli dal loro sito?

    Non acquisti "un cellulare": acquisti un'offerta che comprende il loro abbonamento e un cellulare abbinato a prezzo stracciato.
    Sono come quelli che ti vendono la vacanza con la batteria di pentole... se non ci arrivi resterai sempre fregato

    > Mi sembra che
    > quello che affermi sia diverso da quello che
    > afferma tre. Se vado in un negozio tre o sul sito
    > della tre i cellulari li posso ACQUISTARE,
    > eccome.

    Mi sembra che non hai le idee ben chiare su come i venditori riescono ad abbindolarti.
    Se vendessero cellulari (mi pare scontato che non perlomeno non ne producano), tu potresti comprare da loro qualsiasi cellulare senza alcun blocco.

    > > Sicuramente il guadagno
    > > di "3" non è fatto sulla vendita del cellulare,
    > > ma sul servizio che vende all'utente
    >
    > E' ininfluente se la tre guadagna di più con i
    > servizi

    ininfluente?
    ROTFL... scusa ma una vaga idea delle proporzioni dei guadagni di una qualunque azienda di telecomunicazioni ce l'hai?
    Hai presente i miliardi spesi nelle martellanti pubblicità che ti entrano in testa ogni 5 minuti? Da dove credi che arrivino quei soldi? Non certo dalle vendite di cellulari marchiati...

    > Quello che conta è che la tre ci gudagni
    > anche con la vendita dei cellulari, perché se
    > così non fosse infrangerebbe la legge.

    Ribadisco: "tre" può anche comprarli e rivenderli senza guadagnarci nulla, oppure può stipulare accordi particolari con i fornitori dei telefoni per cui lei fa tramite, ma i soldi passano direttamente a LG o chi per esso, senza guadagnarci nulla se non la possibilità di "vendere" queste offerte.

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > > La "3" non è né produttrice né rivenditrice di
    > > > cellulari.
    > >
    > > Incredibile. Come si spiega il fatto che posso
    > > persino acquistarli dal loro sito?
    >
    > Non acquisti "un cellulare": acquisti un'offerta
    > che comprende il loro abbonamento e un cellulare
    > abbinato a prezzo stracciato.

    Il cellulare diventa di tua proprietà, quindi è un acquisto a tutti gli effetti. Il resto sono chiacchiere.

    > > Mi sembra che
    > > quello che affermi sia diverso da quello che
    > > afferma tre. Se vado in un negozio tre o sul
    > sito
    > > della tre i cellulari li posso ACQUISTARE,
    > > eccome.
    >
    > Mi sembra che non hai le idee ben chiare su come
    > i venditori riescono ad abbindolarti.
    > Se vendessero cellulari (mi pare scontato che non
    > perlomeno non ne producano), tu potresti comprare
    > da loro qualsiasi cellulare senza alcun blocco.
    >

    Non è vero. Loro vendono i cellulari brandizzati tre e basta. Non sono obbligati a venderti cellulari sbloccati.

    > > > Sicuramente il guadagno
    > > > di "3" non è fatto sulla vendita del
    > cellulare,
    > > > ma sul servizio che vende all'utente
    > >
    > > E' ininfluente se la tre guadagna di più con i
    > > servizi
    >
    > ininfluente?
    > ROTFL... scusa ma una vaga idea delle proporzioni
    > dei guadagni di una qualunque azienda di
    > telecomunicazioni ce l'hai?
    > Hai presente i miliardi spesi nelle martellanti
    > pubblicità che ti entrano in testa ogni 5 minuti?
    > Da dove credi che arrivino quei soldi? Non certo
    > dalle vendite di cellulari marchiati...
    >

    E' inifluente al fine di giudicare se possono o non possono vendere sotto costo i cellulari.


    > > Quello che conta è che la tre ci gudagni
    > > anche con la vendita dei cellulari, perché se
    > > così non fosse infrangerebbe la legge.
    >
    > Ribadisco: "tre" può anche comprarli e rivenderli
    > senza guadagnarci nulla, oppure può stipulare
    > accordi particolari con i fornitori dei telefoni
    > per cui lei fa tramite, ma i soldi passano
    > direttamente a LG o chi per esso, senza
    > guadagnarci nulla se non la possibilità di
    > "vendere" queste offerte.
    >
    > ciao

    Tre i cellulari li vende eccome, sul loro sito, non per conto della LG o della Nec ma per SUO conto. Tu stai dicendo un assurdo, come se i negozianti non guadagnassero nulla da quello che vendono perché non producono loro ciò che vendono. In Italia, per fortuna, non è consentito vendere SENZA GUADAGNARE, e se tre lo fa, sta infrangendo la legge.
    non+autenticato
  • Una cosa che non ho ancora visto citata da nessuno

    non è forse che le pubblictà di 3 siano (state) un tantino ingannevoli o perlomeno meritorie di indagine da parte delle autorità competenti (perlomeno garante sulle pubblictà e garante sulle comunicazioni)?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | Successiva
(pagina 1/12 - 56 discussioni)