OpenOffice? Un formato è standard

Il noto organismo di standardizzazione OASIS ha approvato a standard un formato aperto per i documenti basato su quello sviluppato in seno a OpenOffice.org

Boston - Il formato dei documenti definito nella specifica Open Document Format for Office Applications (OpenDocument) 1.0, lo stesso implementato nell'imminente OpenOffice 2.0, è divenuto ieri uno standard ufficiale dell'OASIS.

Basato sul formato sviluppato da OpenOffice.org, noto come Open Office XML, il neo standard rappresenta un importante passo del mondo open source verso la promozione di un formato capace di opporsi a quello proprietario di MS Office. Entrambi i formati sono basati su XML, ma mentre quello sviluppato in seno all'OASIS non pone vincoli d'uso e d'implementazione, quello di Microsoft è regolato da licenze piuttosto restrittive. Dietro alle sollecitazioni dell'Unione Europea, di recente il colosso di Redmond ha tuttavia tagliato qualche laccio rendendo gli schemi XML dei formati di Office liberi da royalty.

Tra i promotori dello standard OpenDocument c'è proprio l'Unione Europea, che esattamente un anno fa emanò una serie di raccomandazioni sui formati aperti dei documenti in cui si suggeriva alle aziende di partecipare al processo di standardizzazione portato avanti dall'OASIS.
La specifica OpenDocument definisce un formato di file per la gestione dei documenti da ufficio più diffusi ? testi, fogli elettronici, presentazioni e illustrazioni ? ma non limitato a essi. Il formato è basato su puro XML ed è, insieme con gli schemi, completamente libero e aperto. Il principio con cui è stato creato permette a chiunque l'elaborazione delle informazioni contenute utizzando XSLT, oppure attraverso qualsiasi strumento in grado di manipolare XML.

Oltre a XML, OpenDocument si basa sugli standard aperti HTML, SVG, XSL, SMIL, XLink, XForms e MathML.

Chi ha progettato OpenDocument si è voluto assicurare che questo possa essere usato da qualsiasi applicazione, anche se questa supporta solo parte degli elementi e attributi definiti dalle specifiche. Per esempio, un software di visualizzazione potrebbe non supportare quelli legati alle modifiche, e altri programmi potrebbero supportare solo gli elementi e attributi legati al contenuto ma non quelli legati allo stile. Allo stesso modo, il formato OpenOffice consente a chiunque, liberamente, di estendere il formato stesso per contenere elementi e attributi non specificati dallo schema originale. Questi non vanno a far parte del namespace definito dalle specifiche, e vengono chiamati "elementi e attributi esterni".

Per la gestione degli oggetti binari ? immagini, oggetti OLE o altri tipi di media ? che non sono supportati in modo nativo da XML, il formato OpenOffice XML utilizza un "package file" (in formato ZIP standard) dove memorizza i contenuti XML insieme a tutti i dati binari associati. Le informazioni sui file contenuti nel package sono memorizzate nel documento XML manifest file: qui vi si trova una lista di tutti i file presenti nel package; il tipo di media di ciascuno dei file del package; e le informazioni necessarie per decrittare il file nel caso in cui questo sia cifrato.

Sun, che ha sottoposto la specifica Open Office XML all'OASIS nel 2002, utilizzerà il neo formato nell'imminente StarOffice 8, mentre IBM ha già espresso l'intenzione di servirsene all'interno di Workplace.
42 Commenti alla Notizia OpenOffice? Un formato è standard
Ordina
  • qualcuno mi può aiutare?
    sistema operativo XP serv2
    durante installazione di OOo_2.0.4_Win32Intel_install_it.exe
    alla fine mi appare il seguente errore
    errore 1935
    errore durante l'installazione dell'asembly policy
    1.0di-re,pubblickeytoken="ce cb7e27920b9
    e"version=6.000"culture="neutral" HRESULT 0x80070005
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > qualcuno mi può aiutare?
    > sistema operativo XP serv2
    > durante installazione di
    > OOo_2.0.4_Win32Intel_install_it.exe
    > alla fine mi appare il seguente errore
    > errore 1935 errore durante l'installazione
    > dell'asembly policy
    > 1.0di-re,pubblickeytoken="ce cb7e27920b9
    > e"version=6.000"culture="neutral" HRESULT
    > 0x80070005

    E' un problema dell'installer di windows, che conflitta allegramente con .net ...

    Sei amministratore della macchina ?
    Hai mica Antivir ? se si Disattivalo.

    non+autenticato
  • l'antivirus l'ho disinstallato ed entro come amministratore
    non+autenticato
  • invece di usare l'algoritmo zip per racchiudere il file, non sarebbe stato meglio usare il 7zip?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > invece di usare l'algoritmo zip per racchiudere
    > il file, non sarebbe stato meglio usare il 7zip?

    il tempo di decompressione dipende dalla potenza del PC, per cui è utile garantire una compressione, ma non appesantirla troppo con un algoritmo troppo oneroso


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > invece di usare l'algoritmo zip per racchiudere
    > il file, non sarebbe stato meglio usare il 7zip?
    Zip è uno standard 7zip no inoltre l'autore sta per riscrivere l'algoritmo di compressione,il che vorrebbe dire avere un nuovo formato a lavoro fatto.
    non+autenticato
  • Se la Comunità Europea emanerà una legge per la quale è obbligatorio usare solo quel formato di documenti nelle amministrazioni pubbliche, potrà la MS sottrarsi?

    Saranno disposti a rinunciare al mercato delle amministrazioni pubbliche di tutta Europa?
    non+autenticato
  • No, microsoft se costretta implementera' la compatibilita' dei formati openoffice dentro a office ma introducendo problemi nel salvataggio dei file che rovinano ad esempio l' impaginazione o la formattazione cosi' da far in modo che i luser dicano, me openoffice che merda e smettano di usarlo.
    non+autenticato
  • ...proprio l'altro giorno mi è capitato di realizzare un'applicazione intranet in cui era necessario completare i campi di una form realizzata con OpenOffice. Essendo OpenOffice praticamente un file zip con contenuto testuale/multimediale mi è bastato scomprimerlo, fare il parsing delle variabili che avevo piazzato nel documento e sostituirle, di volta in volta, con i valori effettivi. Dopodiché è bastato ricomprimere il tutto.
    In questo modo, con uno script PHP, direttamente sul lato server, è stato possibile realizzare documenti OpenOffice personalizzati ogni volta che l'utente completava il task determinato.
    Certo, avrei potuto farlo con Adobe, ma il risultato sarebbe stato form non ri-editabili (se non con l'apposito Adobe Acrobat) e la possibilità di rieditare manualmente la form così ottenuta era richiesto.
    Insomma... viva OpenOffice e il suo formato aperto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > praticamente un file zip con contenuto
    > testuale/multimediale mi è bastato scomprimerlo,
    > fare il parsing delle variabili che avevo
    > piazzato nel documento e sostituirle, di volta in
    > volta, con i valori effettivi. Dopodiché è
    > bastato ricomprimere il tutto.
    > In questo modo, con uno script PHP, direttamente
    > sul lato server, è stato possibile realizzare
    > documenti OpenOffice personalizzati ogni volta
    > che l'utente completava il task determinato.

    Puoi farli anche multipagina.
    Analizza il content.xml dovresti riconoscere il codice di salto pagina che credo sia:

    <text: p text: style-name="P9"/>

    Se devi fare piu' copie dello stesso documento per ogni record preso dal DB duplichi il contenuto di content.xml e aggiungi alla fine il codice di salto pagina, cosi' hai documenti multipagina, ossia la stessa pagina riprodotta piu' volte sullo stesso documento ma con campi diversi. Immagina di dover rilasciare lo stesso modello di certificato a 5, 6, n persone selezionate da un form dal db.


    > Certo, avrei potuto farlo con Adobe, ma il
    > risultato sarebbe stato form non ri-editabili (se
    > non con l'apposito Adobe Acrobat) e la
    > possibilità di rieditare manualmente la form così
    > ottenuta era richiesto.

    Se il server e' Linux puoi configurare in OpenOffice.org una stampante fittizia pdf con l'apposita utility.
    Poi da PHP metti il documento .sxw in una cartella a tua scelta e chiami il comando

    ooowriter -p "nome stampante" <nome file>.sxw

    e ti ritroverai nella stessa cartella un file con lo stesso nome ma con estensione .pdf. Quindi lo prendi e lo dai al browser che lancera' automaticamente il visualizzatore di PDF e puo' stamparlo o salvarlo su disco locale.

    __
    Ciao.
    Mr. Mechano




    ==================================
    Modificato dall'autore il 24/05/2005 13.55.56
  • Ma che eresie state a dire ! Tutta robba che fai anche con Microzoz Offices e IIS e Adobe !!!
    (spendendo un capitale per avere qualcosa di malfunzionante... se funziona)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma che eresie state a dire ! Tutta robba che fai
    > anche con Microzoz Offices e IIS e Adobe !!!
    > (spendendo un capitale per avere qualcosa di
    > malfunzionante... se funziona)

    Ma infatti i .doc sono manipolabili, ma solo con API apposite di M$ e sui suoi linguaggi ed ambienti di sviluppo.
    Conosco vari programmatori Power Builder e Delphi che non riuscivano a fare altrettanto.

    Invece .rtf ma soprattutto questi formati xml come quello di openoffice.org li puo' manipolare chiunque su qualsiasi sistema operativo e con qualsiasi linguaggio, basta che abbia una utility zip/unzip, e si trovera' a lavorare con testo semplice.


  • - Scritto da: Mechano
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ma che eresie state a dire ! Tutta robba che fai
    > > anche con Microzoz Offices e IIS e Adobe !!!
    > > (spendendo un capitale per avere qualcosa di
    > > malfunzionante... se funziona)
    >
    > Ma infatti i .doc sono manipolabili, ma solo con
    > API apposite di M$ e sui suoi linguaggi ed
    > ambienti di sviluppo.
    > Conosco vari programmatori Power Builder e Delphi
    > che non riuscivano a fare altrettanto.
    >
    > Invece .rtf ma soprattutto questi formati xml
    > come quello di openoffice.org li puo' manipolare
    > chiunque su qualsiasi sistema operativo e con
    > qualsiasi linguaggio, basta che abbia una utility
    > zip/unzip, e si trovera' a lavorare con testo
    > semplice.
    >


    grazie mi avete convinto
    non+autenticato
  • > Invece .rtf ma soprattutto questi formati xml
    > come quello di openoffice.org li puo' manipolare
    > chiunque su qualsiasi sistema operativo e con
    > qualsiasi linguaggio, basta che abbia una utility
    > zip/unzip, e si trovera' a lavorare con testo
    > semplice.

    Io l'ho sempre fatto con le macro di M$ word, certo non in ambiente web Imbarazzato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Invece .rtf ma soprattutto questi formati xml
    > > come quello di openoffice.org li puo' manipolare
    > > chiunque su qualsiasi sistema operativo e con
    > > qualsiasi linguaggio, basta che abbia una utility
    > > zip/unzip, e si trovera' a lavorare con testo
    > > semplice.

    > Io l'ho sempre fatto con le macro di M$ word,
    > certo non in ambiente web Imbarazzato

    C'e' sempre da imparare nella vita... Apriti le porte della rete Sorride
    non+autenticato
  • Oltre a Liam e Noel Gallagher c'è anche la Microsoft.

    Mi chiedo, se supportano Oasis significa che metteranno un filtro in Office per importare il documenti di OpenOffice?A bocca aperta
    2678
  • La Microsoft aderisce ai comitati per gli standard per poter poi affermare che lei appoggia gli standard.
    Salvo poi implementare nei suoi prodotti cose completamente diverse o, meglio ancora, cercare di 'estendere' gli standard in modo che diventini standard Microsoft.
    non+autenticato

  • - Scritto da: gerry
    > Oltre a Liam e Noel Gallagher c'è anche la
    > Microsoft.
    >
    > Mi chiedo, se supportano Oasis significa che
    > metteranno un filtro in Office per importare il
    > documenti di OpenOffice?A bocca aperta

    Solo importare pero', mi raccomando, niente esportazione.. A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Mi chiedo, se supportano Oasis significa che
    > metteranno un filtro in Office per importare il
    > documenti di OpenOffice?A bocca aperta
    Non credo ne abbiano intenzione. Se pero` OOo supererà una certa diffusione, tale che l'"incompatibilità" diventi a svantaggio della MS e non di tutti gli altri, allora magari lo faranno, pur cercando di limitare la cosa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: gerry
    > Oltre a Liam e Noel Gallagher c'è anche la
    > Microsoft.
    >
    > Mi chiedo, se supportano Oasis significa che
    > metteranno un filtro in Office per importare il
    > documenti di OpenOffice?A bocca aperta


    se è per questo la ms è anche dentro il w3...ho detto tutto...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)