Condannato, intercettava i dipendenti

Accadeva in Sonera

Roma - Ha compiuto numerose intercettazioni telefoniche sulle chiamate dei dipendenti per cercare di scovare la talpa che tra il 2000 e il 2001 aveva fatto avere notizie riservate alla stampa. Ora l'ex amministratore delegato dell'operatore TLC finlandese Sonera, Kaj-Erik Relander, è stato condannato.

Un tribunale lo ha infatti riconosciuto colpevole insieme ad altri dirigenti di aver violato il segreto nelle comunicazioni: per lui sei mesi di carcere, con sospensiva della pena e per gli altri sanzioni meno pesanti.
7 Commenti alla Notizia Condannato, intercettava i dipendenti
Ordina
  • Non mi pare che ci sia da rallegrarsi. Un'impresa si tutela e viene condannata. Mah..?
    Io i comodi miei, anche quando ero un dipendente d'azienda, li facevo a casa, non sul posto di lavoro. Allora (ora sono in pensione) consideravo anche la sedia su cui sedevo, e non solo il PC e la scrivania, proprietà dell'azienda. Ma chissà, forse ero un ingenuo.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 30/05/2005 14.17.38
  • Hai pienamente ragione, sono d'accordo con te!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: lorenzaccio
    > Non mi pare che ci sia da rallegrarsi. Un'impresa
    > si tutela e viene condannata. Mah..?

    Caro omonimo, tutelarsi va bene, ma c'è metodo e metodo. inoltre chi assume una persona, si assume anche la responsabilità dei casini che puo combinare.

    > Io i comodi miei, anche quando ero un dipendente
    > d'azienda, li facevo a casa, non sul posto di
    > lavoro. Allora (ora sono in pensione) consideravo
    > anche la sedia su cui sedevo, e non solo il PC e
    > la scrivania, proprietà dell'azienda. Ma chissà,
    > forse ero un ingenuo.

    Non dirmi che non hai mai usato la biro dell'azienda per farti un semplice appunto personale. Anche in quel caso avresti fatto un peculato. Comunque non siamo piu nell'era nazista, gli uomini hanno la loro dignità e questa va rispettata. Tutte le forme di registrazione in ambito lavorativo sono vietate e regolamentate dalla legge sulla privacy e solo in casi in cui esistono sospetti fondati e provati è possibile effettuare una registrazione sui dipendenti, ma mai senza l'autorizzazione scritta di un magistrato.

    Saluti.


    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 30/05/2005 14.17.38
    non+autenticato
  • per fortuna NON siamo ancora come gli USA...ma qualche diritto c' è ancora rimasto nella vecchia Europa

    non+autenticato
  • > per fortuna NON siamo ancora come gli USA...ma
    > qualche diritto c' è ancora rimasto nella vecchia

    Peccato che ...

    Caso 1)
    Un'azienda si tutela e finisce nei casini per aver spiato i dipendenti.

    Caso 2)
    Un'azienda non si tutela e finisce nei casini per le cazzate combinate dai dipendenti.

    Se fossi l'Amministratore non esiterei a scegliere la 1) o, meglio ancora a licenziare tutti i dipendenti e servirmi solo di collaboratori esterni
  • Ottimo,
    sappi che nei confronti di collaboratori esterni hai molte meno garanzie, anche a livello giuridico sulla "non divulgazione di notizie"...

    ah ecco, tutto chiaro... ecco perché "non sei" l'Amministratore...

    In bocca al lupo...

    - Scritto da: eymerich
    > > per fortuna NON siamo ancora come gli USA...ma
    > > qualche diritto c' è ancora rimasto nella
    > vecchia
    >
    > Peccato che ...
    >
    > Caso 1)
    > Un'azienda si tutela e finisce nei casini per
    > aver spiato i dipendenti.
    >
    > Caso 2)
    > Un'azienda non si tutela e finisce nei casini per
    > le cazzate combinate dai dipendenti.
    >
    > Se fossi l'Amministratore non esiterei a
    > scegliere la 1) o, meglio ancora a licenziare
    > tutti i dipendenti e servirmi solo di
    > collaboratori esterni
    non+autenticato