Ascoltami! O Palmare

Una nuova tecnologia per il riconoscimento della voce potrebbe presto portare le interfacce vocali anche su telefoni cellulari e PDA, una strada ora ostacolata dalle grandi risorse di calcolo richieste dagli attuali sistemi

Hong Kong (Cina) - Se vent'anni fa si fosse domandato ad uno scrittore di fantascienza come sarebbero stati i computer del 2000, con tutta probabilità questi avrebbe immaginato sistemi in grado di comprendere il linguaggio umano. In realtà, come il primo uomo sulla Luna non ha affatto inaugurato l'era dei viaggi interplanetari, così i software di riconoscimento vocale non hanno inaugurato l'era dei PC "intelligenti".

Indubbiamente la strada è però quella e, presto o tardi, non solo tutti i PC disporranno di serie di interfacce vocali, ma potranno essere comandati vocalmente anche telefoni cellulari e PDA.

Per i "più piccoli" la svolta potrebbe arrivare da Hong Kong, dove alcuni ricercatori universitari stanno mettendo a punto una nuova tecnologia per il riconoscimento vocale denominata ASSF (Auditory Spectrum-based Speech Feature) in grado di richiedere molte meno risorse di calcolo e di memoria rispetto alle tecnologie attualmente implementate sui computer desktop.
La tecnologia ASSF, sebbene meno precisa della tradizionale MFCC (Mel Function Cochlear Coefficient), è più affidabile in ambienti rumorosi quali le metropolitane o i luoghi affollati, una caratteristica che la rende dunque particolarmente adatta all'utilizzo nei dispositivi mobili.

Secondo i ricercatori cinesi, questa tecnologia sbarcherà sul mercato fra 3 o 5 anni, e consentirà dapprincipio la creazione di semplici interfacce vocali, attraverso cui navigare fra le opzioni del telefono o comandare il browser Web, ed in seguito applicazioni per la dettatura di messaggi o appunti.

Un altro potenziale mercato per la tecnologia ASSF potrebbe essere quello dei giochi controllati attraverso comandi vocali, videogame dove al posto di un gamepad l'utente urlerà dentro ad un microfono parole del tipo "spara spara spara!", "destra", "avanti", e simili. E l'auto-fire?