Open source per l'impresa

Convegno

Milano - Al Centro Congressi Svizzero del capoluogo lombardo il prossimo 29 giugno si terrà il convegno organizzato da "Registro Informatici" dal titolo Software libero, open source: nuovi modelli di business per le imprese ICT.

"I lavori - si legge in una nota - affronteranno il tema dei nuovi modelli di business legati al software libero che sta conoscendo una formidabile diffusione, al punto che nel 2004 Forrester Research lo valutava presente nel 60% delle aziende. Dopo una rapida illustrazione delle licenze piu diffuse, saranno trattati i temi dell'interoperabilita, dei modelli di business applicabili e dei vantaggi derivanti dall'utilizzo di software libero per le imprese ICT italiane. Seguiranno significative testimonianze sull'uso di software libero sia sul versante dell'offerta che su quello della domanda. L'ultima sessione sara dedicata al tema della brevettabilita del software che una molto discussa proposta di direttiva rischia di rendere efficace anche in Europa".

La partecipazione al convegno e gratuita.
L'agenda e il modulo di iscrizione sono disponibili sul sito di Registro Informatici
TAG: mercato
44 Commenti alla Notizia Open source per l'impresa
Ordina
  • Personalmente ritengo che l'OpenSource possa far risparmiare. Con l'OpenSource hai una scelta che prima non avevi. Il server web? Te lo fai o con Apache o con IIS. Il file server? O Samba o MS. Non vedo dove stia il problema. Forse l'OpenSource scontenta chi fino a ieri si faceva pagare molti soldi per il software che faceva e non si puo' dire che chi fa' software senza chiedere niente toglie lavoro alle brave persone programmatrici.
    Il buon vecchio Ford diceva "C?è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia riguardano tutti". E fino a prova contraria cio' che non ha prezzo e' piu' accessibile di cio che invece prezzo lo ha.
    Se Windows non fosse stato super copiabile, piratato, etc etc, non so quanto si sarebbe diffuso.
    Quindi, invece di lamentarvi e fare le solite critiche all'OpenSource che vi toglie lavoro, aggiornatevi e aggiornate la vostra mentalita' con un nuovo modo di pensare e di fare business.
    Credo che alle aziende piace l'OpenSource perche' fa risparmiare e credo che anche che la pubblicita' accanita di MS contro l'OpenSource sia la cartina di tornasole che indica quanto l'Open Source puo' essere un'alternativa, valida, per l'impresa e dunque una minaccia per il monopolio MS.

    Forse sono un po' romantico, ma vedo Linux nato da una passione, quella che ti da' soddisfazione quando fai qualcosa per te, qualcosa che funziona e poi lo metti a disposizione di altri e sei contento quante piu' persone la utilizzano e sono felici di farlo.
    Windows ritengo sia nato da una necessita', quella di essere venduto per fare dei soldi, niente di sbagliato, ovvio.
    Ma ritengo, da romantico, che cio' che viene dato alla luce dalla passione, spesso e' qualitativamente migliore di cio' che viene dato alla luce dalla necessita'.

    Spero presto di vedere anche altre cose Open Source, tipo libri di matematica, libri di storia, enciclopedie (it.wikipedia.org). Pensate a tutti i soldi spesi per i libri di matematica e fisica e chimica...Mi risulta che siano materie che non cambiano cosi' spesso.
    L'OpenSource e' anche una mentalita', una filosofia se volete. Una sana e buona provocazione.

    Buona notte Sorride
    non+autenticato
  • Ecco i nuovi modelli di business che l'opensource offre:












    Fine della lista
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ecco i nuovi modelli di business che l'opensource
    > offre:
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    >
    > Fine della lista

    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Ringraziano. Grazie Grazie Grazie
    non+autenticato
  • Qui ci vogliono:

    1 - cantine più capienti

    2 - ampliare il numere di edicole in modo da poter garantire una distro a tutti

    3a -riuscire a far vivere i programmatori solo con l'aria che respirano

    oppure

    3b -convincere la gente a comprare software gratuito

    Così sì che crescerà l'opensource anche in Italia!!!
    non+autenticato
  • Teoria:
    devo fare un programma, vado su internet e cerco le parti che mi servono. Sviluppo delle parti mie e le condivido. In pochi passaggi si ha il software perfetto dove tante persone hanno contribuito
    Pratica
    ora che il programma è pronto tutti c'è l'hanno e quindi tutti possono venderlo. Il valore del prodotto è zero.
    Per ora l'open ha già eliminato una fonte di guadagno: la vendita del prodotto.
    Quindi si vive di consulenza. Se io vendo un prodotto e faccio manutenzione sul mio prodotto ho un cliente che viene da me finchè non trova un prodotto migliore cambiando prodotto e manutentore. Con l'open la manutenzione puà essere fatta da chiunque (il software è aperto). Manutenzione significa che se il software di videosorveglianza non funziona o ha bisogno di modifiche qualcuno deve intervenire. Per questo va bene chiunque con un minimo di esperienza (o che sappia andare sui forumA bocca aperta). Quindi i costi di consulenza scendono anche essi
    mi spiegate come si fanno a fare i soldi? Con l'open i vantaggi sono dei clienti e basta. I clienti spendono poco (o nulla), possono realizzare prodotti senza dover ne pagare ne realizzare software. Chi su questo forum osanna l'open è:
    1)cliente, e li hanno ragione, l'open è gratis (è gratis senza che fate tanti discorsi)
    2)programmatore incapace che va su sourgeforce a trovare qualcosa già pronto perchè da solo non saprebbe realizzarlo
    3)produttore di hardware (risparmia sul software)

    non conosco nessun programmatore serio che regala il suo software. Se sà che il suo software è migliore non lo da in giro, perderebbe il vantaggio. Anche io vado su sourgeforce ma sempre per scroccare qualcosa che non so fare. Quello che so fare invece vedo che è nettamente migliore di software in beta costante, sempre incompleto e grezzo. Questo significa che i bravi, anche open sourciari, il software buono se lo tengono per loro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Teoria:
    > devo fare un programma, vado su internet e cerco
    > le parti che mi servono. Sviluppo delle parti mie
    > e le condivido. In pochi passaggi si ha il
    > software perfetto dove tante persone hanno
    > contribuito

    Comunque guarda che i programmi opensource impiegano anni prima di diventare maturi. Non è che uno fa un programma opensource in 3 mesi.
    Molti programmi pensiamo siano stati creati l'altro ieri perché prima non li avevamo mai sentiti nominare, ma dietro ogni programma mediamente complesso c'è stato un lavoro in media di 5 anni.
    non+autenticato
  • > Teoria:
    > devo fare un programma, vado su internet e cerco
    > le parti che mi servono. Sviluppo delle parti mie
    > e le condivido. In pochi passaggi si ha il
    > software perfetto dove tante persone hanno
    > contribuito
    > Pratica
    > ora che il programma è pronto tutti c'è l'hanno e
    > quindi tutti possono venderlo. Il valore del
    > prodotto è zero.

    Eppure Suse e RedHat hanno fatto i soldi

    > Per ora l'open ha già eliminato una fonte di
    > guadagno: la vendita del prodotto.

    Non e' un problema presto la M$ e l'IBM brevettando tutto lo scibile umano avrebbero annullato il tuo guadagno poiche ti avrebbero fatto causa e portato via anche le mutende.

    > Quindi si vive di consulenza. Se io vendo un
    > prodotto e faccio manutenzione sul mio prodotto
    > ho un cliente che viene da me finchè non trova un
    > prodotto migliore cambiando prodotto e
    > manutentore.

    Fosse cosi' semplice dipende dalla complessita' del prodotto e da come si e' "uncuneato" nel mio business model.

    >Con l'open la manutenzione puà
    > essere fatta da chiunque (il software è aperto).

    Si e' vero ogni tanto riscrivo Linux tanto perche' mi avanzano cinque minuti.A bocca apertaA bocca aperta

    > Manutenzione significa che se il software di
    > videosorveglianza non funziona o ha bisogno di
    > modifiche qualcuno deve intervenire. Per questo
    > va bene chiunque con un minimo di esperienza (o
    > che sappia andare sui forumA bocca aperta).

    Quello di appropriarsi di software altrui specciandolo per proprio e' una cosa tutta italiana, quante software house ti vendono il loro programma di e-commece del tutto simile a quelli che trovi gratis sulla rete, che a dire il vero il piu' delle volte si rivelano inadeguati.

    > 1)cliente, e li hanno ragione, l'open è gratis (è
    > gratis senza che fate tanti discorsi)

    Il cliente e' quello che, se non si informa, viene inchiapettato meglio da quelli che cercano soluzioni sul sourceforge

    > 2)programmatore incapace che va su sourgeforce a
    > trovare qualcosa già pronto perchè da solo non
    > saprebbe realizzarlo

    99% dei programmatori italianiA bocca aperta

    > 3)produttore di hardware (risparmia sul software)

    No, spesso il produttore di hadware preferisce che il cliente installi software che almeno una volta all'anno costringa il cliente all'upgrade.

    > non conosco nessun programmatore serio che regala
    > il suo software. Se sà che il suo software è
    > migliore non lo da in giro, perderebbe il
    > vantaggio.

    Oppure la faccia se altri vedono il suo modo di scrivere il codiceA bocca apertaA bocca aperta

    >Anche io vado su sourgeforce ma sempre
    > per scroccare qualcosa che non so fare.

    Io vado a vedere come qualcun'altro ha fatto delle cose che mi interessa fare, ma poi me le implemento per conto mio.

    Oppure mi aggrego a qualche progetto interessante per imparare delle tecniche dai programmatori che stanno gia' lavorando a quel progetto, in cambio do una mano.

    >Quello
    > che so fare invece vedo che è nettamente migliore
    > di software in beta costante, sempre incompleto e
    > grezzo. Questo significa che i bravi, anche open
    > sourciari, il software buono se lo tengono per
    > loro.

    No, vengono continuamente richieste novita' e migliorie.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Eppure Suse e RedHat hanno fatto i soldi

    Talmente tanti soldi che Suse ha dovuto vendere tutto a Novell. Un'azienda che va bene mica si fa assorbire...
    E leggi un po' cosa dicono di Novell:

    http://linux.slashdot.org/article.pl?sid=05/04/01/...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Teoria:
    > > devo fare un programma, vado su internet e cerco
    > > le parti che mi servono. Sviluppo delle parti
    > mie
    > > e le condivido. In pochi passaggi si ha il
    > > software perfetto dove tante persone hanno
    > > contribuito
    > > Pratica
    > > ora che il programma è pronto tutti c'è l'hanno
    > e
    > > quindi tutti possono venderlo. Il valore del
    > > prodotto è zero.
    >
    > Eppure Suse e RedHat hanno fatto i soldi

    infatti c'è qualcuno che si fa una caterva di soldi sfruttando tanti semplicioti che credono di essere alle crociate

    >
    > > Per ora l'open ha già eliminato una fonte di
    > > guadagno: la vendita del prodotto.
    >
    > Non e' un problema presto la M$ e l'IBM
    > brevettando tutto lo scibile umano avrebbero
    > annullato il tuo guadagno poiche ti avrebbero
    > fatto causa e portato via anche le mutende.

    mi pare che le notizie odierne confermino l'esatto contrario...ma si sa voi vedeto solo le previsioni di nostradamus non i fatti

    >
    > > Quindi si vive di consulenza. Se io vendo un
    > > prodotto e faccio manutenzione sul mio prodotto
    > > ho un cliente che viene da me finchè non trova
    > un
    > > prodotto migliore cambiando prodotto e
    > > manutentore.
    >
    > Fosse cosi' semplice dipende dalla complessita'
    > del prodotto e da come si e' "uncuneato" nel mio
    > business model.

    che dici?
    hai capito quello che è stato scritto?

    >
    > >Con l'open la manutenzione puà
    > > essere fatta da chiunque (il software è aperto).
    >
    > Si e' vero ogni tanto riscrivo Linux tanto
    > perche' mi avanzano cinque minuti.A bocca apertaA bocca aperta

    manutenzione.....
    il riso abbonda proprio sulla bocca degli stolti

    >
    > > Manutenzione significa che se il software di
    > > videosorveglianza non funziona o ha bisogno di
    > > modifiche qualcuno deve intervenire. Per questo
    > > va bene chiunque con un minimo di esperienza (o
    > > che sappia andare sui forumA bocca aperta).
    >
    > Quello di appropriarsi di software altrui
    > specciandolo per proprio e' una cosa tutta
    > italiana,

    1) se lo dici tu......
    2) infatti senza reverse eng. molti progetti oss non sarebbero potuti nascere!
    3) appropriarsi di software altrui? ma non era codice oss cioè di tutti!

    quante software house ti vendono il
    > loro programma di e-commece del tutto simile a
    > quelli che trovi gratis sulla rete, che a dire il
    > vero il piu' delle volte si rivelano inadeguati.
    >
    > > 1)cliente, e li hanno ragione, l'open è gratis
    > (è
    > > gratis senza che fate tanti discorsi)
    >
    > Il cliente e' quello che, se non si informa,
    > viene inchiapettato meglio da quelli che cercano
    > soluzioni sul sourceforge
    >
    > > 2)programmatore incapace che va su sourgeforce a
    > > trovare qualcosa già pronto perchè da solo non
    > > saprebbe realizzarlo
    >
    > 99% dei programmatori italianiA bocca aperta

    vantatene pure....

    >
    > > 3)produttore di hardware (risparmia sul
    > software)
    >
    > No, spesso il produttore di hadware preferisce
    > che il cliente installi software che almeno una
    > volta all'anno costringa il cliente all'upgrade.

    lo dirò ad ibm e nokia...loro non sono così informati e alla moda da seguire questi post su p.i.

    >
    > > non conosco nessun programmatore serio che
    > regala
    > > il suo software. Se sà che il suo software è
    > > migliore non lo da in giro, perderebbe il
    > > vantaggio.
    >
    > Oppure la faccia se altri vedono il suo modo di
    > scrivere il codiceA bocca apertaA bocca aperta

    parli per esperienza personale ovviamente!
    cmq il riso abbonda sulla tua bocca.....

    >
    > >Anche io vado su sourgeforce ma sempre
    > > per scroccare qualcosa che non so fare.
    >
    > Io vado a vedere come qualcun'altro ha fatto
    > delle cose che mi interessa fare, ma poi me le
    > implemento per conto mio.

    allora che vai a vedere a fare?
    implementare non significa mica cambiare qualcosina.....

    >
    > Oppure mi aggrego a qualche progetto interessante
    > per imparare delle tecniche dai programmatori che
    > stanno gia' lavorando a quel progetto, in cambio
    > do una mano.

    ma se stai imparando che mano dai?
    a impastrocchiare tutto?

    >
    > >Quello
    > > che so fare invece vedo che è nettamente
    > migliore
    > > di software in beta costante, sempre incompleto
    > e
    > > grezzo. Questo significa che i bravi, anche open
    > > sourciari, il software buono se lo tengono per
    > > loro.
    >
    > No, vengono continuamente richieste novita' e
    > migliorie.

    leggasi fork...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > 2)programmatore incapace che va su sourgeforce a
    > trovare qualcosa già pronto perchè da solo non
    > saprebbe realizzarlo

    > Anche io vado su sourgeforce ma sempre
    > per scroccare qualcosa che non so fare.

    ergo ti sei dato dell'incapace da solo, quanta autostima! O_O
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ergo ti sei dato dell'incapace da solo, quanta
    > autostima! O_O

    Bravo, visto che tu sei capace ora dacci i link dei tuoi progetti opensource.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ergo ti sei dato dell'incapace da solo, quanta
    > > autostima! O_O
    >
    > Bravo, visto che tu sei capace ora dacci i link
    > dei tuoi progetti opensource.

    http://www.bluej.org/vs/vs-bj.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pratica
    > ora che il programma è pronto tutti c'è l'hanno e
    > quindi tutti possono venderlo.

    ...tutti possono venderlo

    > Il valore del
    > prodotto è zero.
    > Per ora l'open ha già eliminato una fonte di
    > guadagno: la vendita del prodotto.

    ....quindi nessuno può venderlo?

    Persino il polygen dei discorsi di Flavia Vento produce discorsi più sensati...

    KaysiX
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Persino il polygen dei discorsi di Flavia Vento
    > produce discorsi più sensati...
    >
    > KaysiX

    Come fai a vendere una cosa che tutti possono vendere?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Persino il polygen dei discorsi di Flavia Vento
    > > produce discorsi più sensati...
    > >
    > > KaysiX
    >
    > Come fai a vendere una cosa che tutti possono
    > vendere?

    Se tutti possono, posso anch'io, no?

    KaysiX
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)