Provaci ancora, Huang Qi

Il cyberdissidente cinese più popolare, a pochi giorni dalla scarcerazione, avverte: rimetterò in piedi il mio blog, checché ne dica il regime. Che prepara un ulteriore giro di vite

Hong Kong - Continua l'allarme rosso per la libertà di espressione nel grade e distante Regno di Mezzo. In un paese come la Repubblica Popolare Cinese il prezzo per gridare la propria opinione, utilizzando anche un semplice blog, può essere addirittura la reclusione. Esattamente come nel caso di Huang Qi, il cyberdissidente del Sichuan incarcerato per le idee espresse online e premiato da Reporters Sans Frontieres come paladino della libertà d'espressione in Rete.

L'obiettivo di Huang, reduce da cinque anni di prigionia e torture, è svegliare quei 700mila e più utenti cinesi che possiedono un blog: "La radice d'ogni male è il sistema politico cinese: la libera circolazione di informazioni è la garanzia fondamentale che protegge libertà e democrazia", ha tuonato Huang Qi dai microfoni di Radio Free Asia. Un messaggio carico di rabbia per la censura sistematica che distrugge la libertà d'espressione al di là della Grande Muraglia, là nella lontana Internet cinese.

Il dissidente cineseHuang riattiverà al più presto il suo sito, Tiangwang, nella speranza che i cittadini prendano finalmente coscienza di ciò che il Partito Comunista Cinese sta facendo con la Rete: "quando ho creato quel sito web nel 2000", aggiunge, "eravamo ancora in pochi: adesso penso che molte persone siano dalla mia parte". Tiangwang, nel corso della sua breve esistenza, è stato la flebile voce del Partito Democratico Cinese. La Cina, stando a quanto detto da Huang su Radio Free Asia, teme la Rete perché può essere la scintilla di un incendio politico e sociale: "molti si chiedono perchè la Cina abbia raggiunto questa ricchezza economica senza alcuna riforma politica sostanziale - è semplice: senza informazione libera non ci può essere alcun cambiamento".
Ma il tempo stringe e la liberazione della Rete cinese diventa sempre più improbabile. Infatti Pechino sta per avviare un nuovo, ennesimo progetto per tenere sotto controllo il web. Secondo quanto riportato da Reporters Sans Frontieres, una legge varata in questi giorni istituirebbe "un motore di ricerca che indicizza automaticamente tutti i siti web ospitati su server cinesi". Questo nuovo strumento in mano alle guardie rosse telematiche verrà utilizzato per "individuare immediatamente tutti i siti che non sono stati correttamente registrati".

Le più recenti disposizioni del Ministro dell'Informazione cinese vietano la pubblicazione anonima di contenuti online. Qualsiasi utente deve registrarsi presso gli uffici statali e ricevere un permesso. L'idea che il Partito Comunista ha della Rete è ben chiara: "Internet ha portato ricchezza a molte persone, ma ha portato anche tantissimi problemi come sesso, violenza, superstizione ed informazioni pericolose che danneggiano lo spirito dei citadini", si legge sul sito del Ministro dell'Informazione di Pechino. Parole che ricordano da vicino, da molto vicino, quelle pronunciate appena ieri da Bashar Assad, presidente siriano.

Tommaso Lombardi
36 Commenti alla Notizia Provaci ancora, Huang Qi
Ordina
  • ...difensori delle libertà, vero????
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...difensori delle libertà, vero????

    no
    non+autenticato
  • comunisti dove?A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > comunisti dove?A bocca aperta

    direi che per il loro regime il termine "capitalismo di stato" calzi a pennello, ma noi in Italia nn siamo da meno: vedi Parmalat, Cirio, Telecom, Fiat, SS Lazio...
    dopo il boom crolleranno anche loro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...difensori delle libertà, vero????
    Non solo sono pure pacifisti (a senso unico)
    http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=3470
    :|

    e anche ambientalisti ed ecologisti (sempre a senso unico)
    http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=3467
    :|
    non+autenticato
  • hanno solo un vantaggio (per ora): non vanno a bombardare a 30.000 km da casa
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > hanno solo un vantaggio (per ora): non vanno a
    > bombardare a 30.000 km da casa
    Si, è vero, loro preferiscono prima massacrare il loro popolo:@
    PS
    Fatte salve:
    1) L'Ungheria
    2) La Cecoslovacchia
    3) La Polonia
    4) La Lettonia
    5) La Lituania
    6) L'Estonia
    7) L'Ucraina
    8) L'Afghanistan
    ecc. ecc.
    :s
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > hanno solo un vantaggio (per ora): non vanno a
    > > bombardare a 30.000 km da casa
    > Si, è vero, loro preferiscono prima massacrare il
    > loro popolo:@


    E comunque preferiscono i missili alle bombe, credo
    non+autenticato
  • C'e' ancora qualcuno che pensa che in cina ci sia il vero comunismo? incredibile!
    A latere,c'e' ancora qualcuno che crede che il vero comunismo ci sia mai stato? (lo stato che + ci si avvicina e' Cuba,e anche li siamo lontani anni luce...)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > C'e' ancora qualcuno che pensa che in cina ci sia
    > il vero comunismo? incredibile!
    > A latere,c'e' ancora qualcuno che crede che il
    > vero comunismo ci sia mai stato? (lo stato che +
    > ci si avvicina e' Cuba,e anche li siamo lontani
    > anni luce...)
    Certo il vero comunismo è sempre quello che faremo domani.:$ Come i bambini che quando fanno le marachelle dicono che è colpa di qualcun altro:D
    non+autenticato
  • Il bambino nega la verita',io no:prova a leggere il manifesto e poi dimmi quanto ne e' stato applicato
    non+autenticato
  • certo deve essere liberissima, e disinteressata nelle sue critiche alla cina.

    sono anche rispettosi dei brevetti, pubblicano sotto copyright

    sono anche ottimi imprenditori, visto tutti i finanziamenti che ottengono che certo non hanno grossi ritorni pubblicitari in senso commerciale

    > Radio Free Asia,
    >2025 M St. NW, Suite 300, Washington DC 20036.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > certo deve essere liberissima, e disinteressata
    > nelle sue critiche alla cina.
    >

    CUT CUT CUT CUT

    intercettato: [comunista antiamericano paranoico]

    > sono anche rispettosi dei brevetti, pubblicano
    > sotto copyright
    >

    hmmm? brevetti? copyright? sai la differenza?

    > sono anche ottimi imprenditori, visto tutti i
    > finanziamenti che ottengono che certo non hanno
    > grossi ritorni pubblicitari in senso commerciale
    >

    finanziamenti USA. grazie a dio! li' nel s.e. asiatico la gente sta in condizioni pietose, fortuna che ci sono ancora roccaforti della libertà come hong kong e singapore.

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > fortuna che ci sono ancora roccaforti della
    > libertà come hong kong e singapore.

    Hong kong roccaforte mica tanto...
    non+autenticato
  • > finanziamenti USA. grazie a dio! li' nel s.e.
    > asiatico la gente sta in condizioni pietose,
    > fortuna che ci sono ancora roccaforti della
    > libertà come hong kong e singapore.
    >

    Finanziamenti non solo americani, ma giapponesi, francesi, tedeschi ....

    In tanti stanno male in relazione alla nostra vita, ma confrontandola con la loro vita di un ventennio fa e' "buona".
    non+autenticato
  • Ma guarda un po' se sto qui doveva farsi 5 anni di galera.... quando esiste freenet.

    Forse che là non la conoscono??? Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma guarda un po' se sto qui doveva farsi 5 anni
    > di galera.... quando esiste freenet.
    >
    > Forse che là non la conoscono??? Triste

    Si vede che non ha paura di nascondersi, infatti di nuovo vuole riaprire il sito alla luce del sole, rendendo visibile la sua identità.
    non+autenticato
  • Ma perche' uno per parlare dovrebbe nascondersi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma perche' uno per parlare dovrebbe nascondersi?

    Perchè ti arrestano ti torturano ti ammazzano e ti lasciano a decomporti in cella per quarant'anni?
    non+autenticato
  • Infatti, questo tipo ha capito che è meglio parlare apertamente, le tue paroel acquistano di importanza e le tue azioni hanno un maggiore eco.
    E' un po' come spedire a un giornale una lettera aperta firmata anziché una lettera anonima (freenet), la prima viene presa maggiormente in considerazione.
    Poi ti prendono e ti fanno un mazzo tanto, ma si vede che lui ha fegato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.6-4tianwang.com/
    >
    > Ma che schifo ! Arrabbiato

    Hai ragione: Nello spam che ricevo quotidianamente i prezzi sono fino al 20% minori Anonimo
    non+autenticato
  • "Continua l'allarme rosso per la libertà di espressione nel grade e distante Regno di Mezzo."
    Ma dove vivete? Pensate davvero che la censura in Cina sia stata inventata l'altro ieri?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Continua l'allarme rosso per la libertà di
    > espressione nel grade e distante Regno di Mezzo."
    > Ma dove vivete? Pensate davvero che la censura in
    > Cina sia stata inventata l'altro ieri?

    http://punto-informatico.it/cerca.asp?s=cina+censu...
    no, non credo che lo pensino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > "Continua l'allarme rosso per la libertà di
    > > espressione nel grade e distante Regno di
    > Mezzo."

    Dicendo "allarme rosso" sembra che la libertà di espressione in Cina sia in forte pericolo ma il fatto è che non c'è mai stata...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Continua l'allarme rosso per la libertà di
    > espressione nel grade e distante Regno di Mezzo."
    > Ma dove vivete? Pensate davvero che la censura in
    > Cina sia stata inventata l'altro ieri?

    vedi d'andare a fare un giro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > "Continua l'allarme rosso per la libertà di
    > > espressione nel grade e distante Regno di
    > Mezzo."
    > > Ma dove vivete? Pensate davvero che la censura
    > in
    > > Cina sia stata inventata l'altro ieri?
    >
    > vedi d'andare a fare un giro.


    C'ha ragione, parlano tutti come se fosse un "fenomeno" nuovo di zecca. Cmq io penso che le limitazioni alle liberta' di espressione anche in Cina possa migliorare lentamente, perche' cambi tutto improvvisamente occorre una rivoluzione o un atto di forza, mentre grazie all'influenza di paesi piu' liberali uscira' da questa situazione.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)