Nintendo: hotspot per tutti

Saranno i videogiochi a spingere la banda larga wireless in Giappone e all'estero. La grande N pensa ad una rete di hotspot nei negozi di mezzo mondo. Ecco cosa bolle in pentola

Kyoto - Non serve che Satoru Iwana, presidente della Nintendo, profetizzi che "il futuro è senza fili". Ormai è quasi scontato: ciò che serve realmente è maggiore supporto da parte di istituzioni private e pubbliche per contribuire alla diffusione della connettività wireless. Esattamente come accade da tempo negli Stati Uniti. Un ottimo spunto in questa direzione proviene proprio dal Sol Levante: i creatori dell'idraulico Super Mario spezzano un tubo a favore del Wi-Fi.

In occasione dell'annuncio di una infrastruttura proprietaria per l'online gaming di casa Nintendo, Iwata ne ha approfittato per svelare l'insolita strategia di marketing adottata per la promozione del nuovo servizio: hotspot wireless per tutti, in grado di fornire accesso gratuito alla Rete per i milioni di possessori della nuova console portatile DS. "Vogliamo che il 90% dei nostri clienti possa realmente giocare online", dichiara Iwata, pensando alle potenzialità spesso inutilizzate dell'interfaccia Wi-Fi IEEE 802.11 installata su DS. Il problema della videoludica wireless, secondo il presidente di Nintendo, è tutto nei prezzi delle connessioni senza fili. "E' proprio per colpa di questi motivi che solo una piccola percentuale di utenti utilizza le connessioni WiFi per i videogiochi".

Il programma per la creazione di hotspot interesserà presto tutti i rivenditori del globo. La creazione degli hotspot partirà naturalmente da Kyoto, città natale della grande N: entro il 2006, verranno attivati oltre 1000 hotspot sparsi su tutto il territorio giapponese. Sarà possibile accedere gratuitamente alla Rete e soprattutto confrontarsi con altri videogiocatori attraverso la piattaforma online di Nintendo. Naturalmente il nuovo servizio, simile ad Xbox Live, potrà essere utilizzato anche con la prossima console targata Nintendo, Revolution.
Non resta che sperare nella magnanimità di Nintendo Italia, con sede a Milano. L'idea promozionale di Iwata potrebbe essere una chance per la diffusione del wireless anche in Italia. L'azienda giapponese si prepara così alla sfida contro Sony e Microsoft, agguerritissimi concorrenti che recentemente hanno presentato nuove, potenti macchine da gioco d'ultima generazione.
4 Commenti alla Notizia Nintendo: hotspot per tutti
Ordina