La prima navetta a spinta solare

Sarà lanciata entro il mese da un sottomarino nucleare russo: dispiegherà le sue ali sfruttando un'accelerazione progressiva e costante. No al carburante tradizionale

Roma - C'è un grande entusiasmo tra le righe e gli orpelli del sito che presenta Cosmos 1, considerata la prima missione spaziale capace di avvalersi del Sole come forza motrice.

Sebbene le tecnologie di Cosmos 1 non siano in sé recentissime, il modo in cui verranno sfruttate rappresenta un'evoluzione già prevista dalla fantascienza e ipotizzata da diversi ricercatori: la navetta, frutto di ingegneri del calibro di Carl Sagan e di Louis Friedman, entrambi della Planetary Society, è un missile nucleare ampiamente ridisegnato e ritoccato. Sarà infatti "sparato" in orbita da un sottomarino nucleare russo il prossimo 21 giugno, per ora data ufficiale di lancio.

A realizzare la navetta (vedi foto) sono stati i tecnici russi del Centro spaziale Babakin e dell'Istituto russo per la ricerca nello spazio coordinati proprio dalla Society che, nelle parole di Sagan, spera di poter "ispirare" e "catturare l'immaginazione del mondo, spingendo i governi a lavorare assieme per dare l'inizio all'era d'oro dell'esplorazione spaziale".
"Cosmos 1 - scrive Sagan - è la prima nave spaziale a spinta solare. Utilizza la pressione creata dal Sole per spingere la nave tra pianeti senza bisogno di carburante. In futuro, il laser o le microonde potranno essere utilizzate per inviare navette in viaggi ed esplorazioni spaziali".

La navetta a spinta solare - copyright: Planetary SocietyUna volta giunto a 825 chilometri dalla Terra e in orbita, Cosmos 1 dispiegherà le proprie "ali" di 15 metri, pensate per catturare al meglio l'energia solare: la spinta iniziale che ne deriverà sarà minimale, nell'ordine di un decimo di millimetro al secondo, ma l'accelerazione sarà costante e progressiva. Questo dovrebbe significare che entro poche settimane la navetta dovrebbe essere in grado di viaggiare a velocità nell'ordine dei migliaia di chilometri all'ora.

"I dati derivanti da questo storico volo - ha confidato Friedman a vnunet.com - sono cruciali, perché la spinta solare è una tecnologia che offre molte prospettive per il futuro dell'umanità nello spazio. Se avrà successo, questa tecnologia potrà cambiare il modo in cui esploreremo lo spazio". La NASA ed altre agenzie spaziali, pur non direttamente coinvolte nel progetto, hanno già dichiarato il proprio interesse a studiare e valutare i dati raccolti.

Di interesse segnalare che il progetto, che sarà seguito da una serie di osservatori e centri di elaborazione in diversi paesi, si avvarrà anche del Solar Sail Watch, un programma pensato per spingere tutti coloro che potranno a fotografare l'avvenimento, a seguirlo in diretta e a riportare alla Society rilevazioni ed impressioni.

Infine, agli appassionati di fantascienza la Society riserva questo lungo articolo che rappresenta un tributo ad un'idea, quella della spinta solare, che ha radici "antiche" proprio in questo genere di letteratura.
TAG: ricerca
30 Commenti alla Notizia La prima navetta a spinta solare
Ordina
  • qualche annetto fà:

    " Se gli Italiani potessero risolvere i loro problemi a parole, sarebbero i primi nel mondo ".
    Mamma mia quanto siete prolissi e quanto vi piace rigirarvi nel vostro narcisismo verbale di pseudo intellettuali di sinistra, peccato che non abbiate capito
    " UNA SEGA " dell'articolo e della notizia, bà... .
    non+autenticato
  • Magari sei te che non hai capito il tenore dei commenti, in particolare il significato della sigla OT.
    non+autenticato
  • Caro Signor OT, quando io navigavo su Internet, tu non eri neanche in progettazione e questo conferma che non capisci una sega di quello che leggi, io parlavo di incomprensione dell'articolo, che cosa cazzo me ne frega dei vostri commenti idioti ??? Sei te... non è Italiano, è Italiano procedino, non te lo hanno insegnato alle elementari ammesso che tu ci sia andato ?. E cosa cazzo mi significa " Matthew Reed "...ma impara a essere te stesso... SCEMO ! .



    - Scritto da: Matthew Reed
    > Magari sei te che non hai capito il tenore dei
    > commenti, in particolare il significato della
    > sigla OT.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Caro Signor OT, quando io navigavo su Internet,
    > tu non eri neanche in progettazione e questo
    > conferma che non capisci una sega di quello che
    > leggi, io parlavo di incomprensione
    > dell'articolo, che cosa cazzo me ne frega dei
    > vostri commenti idioti ??? Sei te... non è
    > Italiano, è Italiano procedino, non te lo hanno
    > insegnato alle elementari ammesso che tu ci sia
    > andato ?. E cosa cazzo mi significa " Matthew
    > Reed "...ma impara a essere te stesso... SCEMO !

    Considerando la volgarità e la rozzezza della tua risposta deduco che
    1) sei un ragazzino (ignorante e maleducato)
    2) ti trinceri dietro un' apparente età che dimostri di non avere
    3) sei il solito troll anonimo; anche se non uso il mio vero nome (trovando persone come te dall' altra parte dello schermo è una scelta perfettamente giustificata) in ogni caso è possibile identificare i miei commenti e l mie opinioni
    4) ti approfitti del fatto che nel weekend i moderatori hanno di meglio da fare che censurare i tuoi post

    In ogni caso è molto probabile che conosca la lingua italiana molto meglio di te; dove avresti letto poi questo "procedino"?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > qualche annetto fà:
    >
    > " Se gli Italiani potessero risolvere i loro
    > problemi a parole, sarebbero i primi nel mondo ".

    Tra l'altro è anche falso, la pseudofilosofia dell'intellighenzia di sinistra non ha prodotto quei gran pensatori e filosofi capaci di risolvere tutti i problemi del mondo a parole: in Italia vanno di moda il nichilismo, il continentalismo, il relativismo, il postmodernismo, insomma tutto il contrario del pensiero forte capace di risolvere "almeno a parole" i problemi. I Cacciari, i Severino, i Vattimo si limitano a dire che i problemi non esistono, esiste solo il Nulla e l'Occidente è il Nulla...
    non+autenticato
  • "la spinta iniziale che ne deriverà sarà minimale, nell'ordine di un decimo di millimetro al secondo"
    al quadrato, se stimao parlando di accellerazione.
    non+autenticato
  • > "la spinta iniziale che ne deriverà sarà
    > minimale, nell'ordine di un decimo di millimetro
    > al secondo"
    > al quadrato, se stimao parlando di accellerazione.

    Confermo, l'accelerazione e' in m/sec2, altrimenti si parla di velocita'.

    Altra cosa che mi lascia titubante: "l'accelerazione sarà costante e progressiva. " Non e' che con l'allontanarsi dal sole la spinta diminuisca?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Altra cosa che mi lascia titubante:
    > "l'accelerazione sarà costante e progressiva. "

    O è costante, o è "progressiva" (ossia, aumenta nel tempo)...

    > Non e' che con l'allontanarsi dal sole la spinta
    > diminuisca?

    Molto probabile.
    non+autenticato
  • Sagan non era un ingegnere, ma un fisico!
    non+autenticato
  • Esatto e poi, da come e' scritto, sembra che sia ancora vivo!!!
    non+autenticato
  • danno a tutti una bella dimostrazione della qualità dei loro lanciatori...
    cosi tutti quellli che pensano che sono "finiti" ci ripenseranno un po'

    ho l'impressione che sto lancio abbia tuttaltre finalità

    e che MOLTI occhi saranno puntati su sto lancio
    non+autenticato
  • I russi sono sempre stati avanti nel campo della ricerca spaziale.

    I vettori utilizzati oggi sono quasi tutti russi.

    Il primo uomo nello spazio era un russo.
    La prima donna: russa.
    Lo sputnik: russo.

    Inoltre i russi SONO andati sulla luna (e non mi date del troll perche' e' stato Donald Rumsfield a dichiarare pubblicamente che il filmato dell'uomo sulla luna era un falso)


    CoD
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I russi sono sempre stati avanti nel campo della
    > ricerca spaziale.
    >
    > I vettori utilizzati oggi sono quasi tutti russi.

    > CoD
    Sarà perchè costano poco?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I russi sono sempre stati avanti nel campo della
    > ricerca spaziale.
    >
    > I vettori utilizzati oggi sono quasi tutti russi.
    >
    > Il primo uomo nello spazio era un russo.
    > La prima donna: russa.
    > Lo sputnik: russo.

    Fin qui d'accordo....


    > Inoltre i russi SONO andati sulla luna (e non mi
    > date del troll perche' e' stato Donald Rumsfield
    > a dichiarare pubblicamente che il filmato
    > dell'uomo sulla luna era un falso)
    >

    Fonti (attendibili)?
    Funz
    12988
  • L'intervista a Donald Rumsfield fatta in Operation Lune : http://www.artepro.com/fr/CtrlCatanet?idProg=82767...

    Lo dice *lui*, non ioCon la lingua fuori

    CoD
    non+autenticato
  • >la navetta, frutto di ingegneri del calibro di Carl Sagan e di >Louis Friedman, entrambi della Planetary Society, è un >missile nucleare ampiamente ridisegnato e ritoccato. >Sarà infatti "sparato" in orbita da un sottomarino nucleare >russo il prossimo 21 giugno, per ora data ufficiale di >lancio.

    non e' che i satelliti americani lo scambieranno per il lancio di un vero missile nucleare e ci ritroviamo nel bel mezzo di un bordello nucleare, vero? vorrei andare in vacanza tranquillo, grazie.A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)