Cina: vi conquisteremo con l'hardware

Nanotecnologia, microprocessori e nuovi processi industriali: Pechino vede nel 2010 l'inizio del secolo della tecnologia sino-indiana. Ormai - viene detto - è solo questione di tempo

Pechino (Cina) - Magliette? Scarpe? Pantaloni? Medioevo: i vertici della Repubblica Popolare Cinese inseguono il sole nascente nell'infinitamente piccolo. Nanoelettronica e semiconduttori saranno gli ingrendienti del prossimo piano quinquennale per la pianificazione economica. Gli analisti del Semiconductor Equipment and Materials Institute lanciano l'allarme: il periodo 2005-2010 si concluderà all'insegna della leadership di Pechino nella grande produzione di circuiti integrati. Nelle parole degli studiosi dell'Accademia Cinese delle Scienze, l'ingegneria elettronica avanzata porterà ulteriore prosperità per tutto il popolo cinese.

Così, mentre l'Europa esulta nella speranza di una riduzione delle esportazioni tessili cinesi, il grande Drago medita silenzioso sul prossimo mercato da colonizzare: l'organo del partito comunista Rénmin Ribào parla dell'acquisto di macchinari per un valore complessivo di 830 milioni di yuan, quasi 83 milioni di euro. Secondo Zhang Dongli, presidente della China Hardware Association , questi investimenti "non bastano".

L'associazione di categoria, forte dell'adesione di circa 30000 aziende dell'alta tecnologia, è dell'opinione che "le opportunità date dalla WTO ci permettono finalmente di sfruttare la globalizzazione". Una occasione che deve comunque portare ad un "giusto equilibrio" nei confronti delle altre nazioni, conclude Zhang Dongli. Fino ad oggi le aziende americane ed europee dell'hardware hanno utilizzato gli stabilimenti cinesi quasi esclusivamente per l'assemblaggio dei componenti destinati alla grande distribuzione.
La creazione dei wafer da cui trarre i circuiti integrati più avanzati necessita di strumenti tuttora localizzati in Occidente. Se gli investimenti di Pechino porteranno alla nascita di equipaggiamento più sofisticato, in grado di realizzare chip di dimensioni nanoscopiche, la Cina tenterà di inondare il mercato globale con hardware totalmente autoctono a bassissimo costo. Può sorprendere, ma uno dei maggiori ostacoli incontrato dal progresso economico e tecnologico della Repubblica Popolare risiede nella mancanza di macchinari.

L'high-tech cinese ha i suoi punti di forza nella mano d'opera a bassissimo prezzo ed in giganteschi complessi industriali. Il Regno di Mezzo si è già dimostrato capace di realizzare una CPU autoctona, detta "Dragon Chip": che il prossimo passo sia un computer completamente assemblato con pezzi proprietari del popolo cinese?

Secondo quanto emerge dalla conferenza internazionale ChinaNano 2005, attualmente in corso a Pechino, il paese è adesso pronto per intensificare la produzione di hardware destinata sia al mercato interno che estero. Bai Chunli, direttore del Centro Nazionale per le Nanotecnologie, parla di oltre tremila ricercatori impegnati nella realizzazione di tecniche di assemblaggio, impianti produttivi e laboratori adatti alla nanoelettronica.

Finora il 66% dell'hardware prodotto dal Drago è destinato al mercato occidentale. L'obiettivo nel mirino dell'industria cinese è di raggiungere una posizione egemone nello scacchiere mondiale già nel 2010. Il risultato permetterà all'alleanza tecnologica sinoindiana di sbocciare e fiorire, conquistando definitivamente il mondo dell'IT per potere iniziare l'atteso secolo asiatico della tecnologia.

Tommaso Lombardi
TAG: cina
93 Commenti alla Notizia Cina: vi conquisteremo con l'hardware
Ordina
  • La maggior parte no, ma qualche bona c'e'...Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • vi conquisteremo con l'hardware,che naturalmente disegnano in occidente!!!come per il resto dell'asia,giappone escluso!!!:D
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > vi conquisteremo con l'hardware,che naturalmente
    > disegnano in occidente!!!come per il resto
    > dell'asia,giappone escluso!!!:D
    Non ci conterei
    non+autenticato

  • eppure

    in italia
    chi ha fortemente limitato la ricerca (aziendale e statale) per non spendere ?
    in occidente in generale
    chi ha licenziato per mantenere alti profitti facendo diminuire la capacità di spesa interna ?
    chi ha chiesto contributi statali/ riduzioni fiscali togliendoli alle spese sociali e diminuendo la capacità di spesa interna ?
    chi ha delocalizzato la produzione per aumentare i profitti offrendo su un piatto d'argento il mercato ai paesi con manodopera a basso costo ?
    chi ha privilegiato solo la pubblicità del prodotto rendendo i consumatori insensibili alla qualità ?
    chi ha trascurato i diritti umani nel prima nel proprio paese (anche non morire in un cantiere o non avvelenarsi con il piombo sono diritti umani) e poi nei paesi con manodopera a basso costo e ora li invoca in casa altrui quando la produzione lì non é più sotto il suo controllo ?
    chi ha imposto un modello di profitto basato sullo sviluppo in crescita continua ?



    non+autenticato
  • dimenticavo:

    chi ha promosso un mercato globale privo di protezioni per i mercati ed i consumatori ma si affretta ad imporre dazi quando il mercato minacciato é il proprio ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > dimenticavo:
    >
    > chi ha promosso un mercato globale privo di
    > protezioni per i mercati ed i consumatori ma si
    > affretta ad imporre dazi quando il mercato
    > minacciato é il proprio ?

    pienamente d'accordo!
    la parola stessa 'conquisteremo' nel titolo è furviante...si adeguano alle regole e costumi tracciati da altri...prima è successo con il tessile e tutti a lamentarsi che la cina giocava sporco ma potevamo puntare sull'high-tech...tempo ne è passato in chicchiere ed in tanto la cina HA puntato sull'high-tech lasciando le chicchiere agli altri...ora con la cina che investe in ricerche che l'italia nenache si sogna (leggasi mln investi nella ricerca aero-spaziale ed il proprio progetto di esplorazione dello 'spazio') come siamo messi?
    uguale a prima!
    non capisco perchè se queste cose le fà l'america è segno di sviluppo se le fa la cina è conquista...credo ci sia molta intolleranza in questi atteggiamenti....per quel che riguarda poi la mano d'opera a basso come giustamente sottolinei finchè a sfruttarli eravamo noi tutto bene adesso invece...
    ..cmq anche in questo senso le cose stanno cambiando e uno degli impegni della cina è proprio quello di regolarizzare la situazione paghe, ovviamente gradualmente
    non+autenticato
  • > la parola stessa 'conquisteremo' nel titolo è
    > furviante...si adeguano alle regole e costumi
    > tracciati da altri...

    Eh già! Proprio vero. Un paese dove ci sono i gulag e dove questi forniscono gran parte della mano d'opera a costo zero.. come dire.. si adegua proprio alle regole ed ai costumi tracciati dagli altri. Specie dall'ONU.

    > non capisco perchè se queste cose le fà l'america
    > è segno di sviluppo se le fa la cina è
    > conquista...credo ci sia molta intolleranza in
    > questi atteggiamenti....

    La differenza è che l'America, utilizzando una retorica certamente tronfia, almeno lascia sperare nella libertà. I vari think-tank americani non parlano di "conquista planetaria", "revanchismo culturale", "ritorno al passato" (quando la Cina era il centro del mondo) e via dicendo.
    Le teste d'uovo cinesi, sì. Ti invito a fare una qualsiasi ricerca sull'argomento (sono tutti argomenti ampiamente trattati dagli accademici pechinesi).

    Gli Americani anno grossi errori (primo tra tutti la guerra in Iraq), ma non dimentichiamoci che l'Europa, senza il piano Marshall (questo piano così "stranamente" trascurato dall'istruzione pubblica italiana, così sessantottina), sarebbe stata una landa desolata piena di macerie. La Cina, per "esportare" il suo modello politico, ha lasciato morire di fame milioni e milioni di persone (periodo dei "cento fiori"), ha schiacciato (e schiaccia) le minoranze tibetane e uiguir, non concede alcuna libertà sul piano religioso.

    Sinceramente, la cosa spaventa. Spaventa moltissimo perchè -lo puoi facilmente notare tentando di entrare in contatto con la comunità cinese della tua città-, l'etnia dominante cinese (han) è marcatamente ipernazionalista ed il virus del razzismo bolle nella struttura profonda della loro impostazione ideologica.

    > ..cmq anche in questo senso le cose stanno
    > cambiando e uno degli impegni della cina è
    > proprio quello di regolarizzare la situazione
    > paghe, ovviamente gradualmente

    Si, gradualmente. Aspetta e spera. Sono tanti ed hanno molto da fare. Ma fintanto avranno un sistema così insolito, così feudale e corrotto ma al tempo stesso capitalista e tecnologico, per l'Occidente libero e democratico saranno grossi guai.

    Vedremo cosa accade in occasione delle olimpiadi del 2008, quando un esercito di giornalisti marcerà sulle strade di Pechino. Probabilmente, il governo cinese metterà un esercito di agenti speciali dietro le spalle di ogni addetto stampa. Probabilmente, il governo cinese chiuderà i giornalisti in una cittadella ipercontrollata ed ipertutelata da qualsiasi "turbamento" esterno. O semplicemente, alcuni giornalisti riusciranno a raccontare davvero cosa accade nelle periferie del gigantesco "sprawl" cinese. E sicuramente non sono cose troppo simpatiche - specie tutto ciò che riguarda i milioni di operai provenienti dalle campagne, che campano con 20 euro al mese.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I vari think-tank
    > americani non parlano di "conquista planetaria",
    > "revanchismo culturale", "ritorno al passato"
    > (quando la Cina era il centro del mondo) e via
    > dicendo.
    > Le teste d'uovo cinesi, sì. Ti invito a fare una
    > qualsiasi ricerca sull'argomento (sono tutti
    > argomenti ampiamente trattati dagli accademici
    > pechinesi).

    Bisogna vedere come sono stati tradotti dal cinese.
    non+autenticato

  • > Bisogna vedere come sono stati tradotti dal
    > cinese.

    Basta dare un'occhiata a CCTV 9, la tv di stato cinese in lingua inglese... e ti renderai conto di quanto sia infarcita di retorica nazionalista/revanchista. Senza effettuare alcun passaggio ermeneutico.
    non+autenticato

  • > americani non parlano di "conquista planetaria",
    > "revanchismo culturale", "ritorno al passato"
    > (quando la Cina era il centro del mondo) e via
    > dicendo.

    no, infatti gli americani parlano di "giustizia infinita", "bombe intelligenti", "fuoco amico", "Dio benedica l' america"



    > l'Europa, senza il piano Marshall (questo piano
    > così "stranamente" trascurato dall'istruzione
    > pubblica italiana, così sessantottina), sarebbe
    > stata una landa desolata piena di macerie.

    l' Italia si sarebbe ricomposta in tempi più lunghi, se nn avesse avuto gli aiuti del piano marshall.
    ma sicuramente dopo tale fatica avrebbe avuto il vantaggio di non essere colonizzata militarmente (vedi le basi nato sparse nella penisola) e socialmente (vedi la cultura americana del "+ consumi e piu sei rispettato", "usa e getta", "il sogno americano"....)


    non+autenticato
  • > no, infatti gli americani parlano di "giustizia
    > infinita", "bombe intelligenti", "fuoco amico",
    > "Dio benedica l' america"

    Che c'entra il fuoco amico, che c'entrano le bombe intelligenti? Ed "Enduring freedom" (che non è una tesi accademica ma un nome mediatico per una missione militare), per tua informazione, non si traduce in "giustizia infinita".

    > l' Italia si sarebbe ricomposta in tempi più
    > lunghi, se nn avesse avuto gli aiuti del piano
    > marshall.

    Se quelle di cui parli sopra sono le bombe intelligenti, questa che hai sparato è una bomba stupida. Senza De Gasperi io e te non stavamo a scrivere su tastiere made in China. Probabilmente eravamo a vendere le nostre donne in paesi più ricchi come accade in molte ex repubbliche sovietiche.

    > ma sicuramente dopo tale fatica avrebbe avuto il
    > vantaggio di non essere colonizzata militarmente

    Eh già. Avremmo avuto l'incredibile vantaggio di essere invasi dai tank russi come è accaduto in Cecoslovacchia ed Ungheria. Considera che il PCI italiano era il primo partito comunista in occidente per numero di iscritti... seguito da quello francese... pensi che senza gli americani avremmo avuto pace, ricchezza e magari libertà? Smetti di sognare, smetti di seguire i sessantottini, smetti di guardare la realtà unicamente con gli occhiali gentilmente regalati dall'italica egemonia culturale ex-comunista.

    non+autenticato
  • > Che c'entra il fuoco amico, che c'entrano le
    > bombe intelligenti? Ed "Enduring freedom" (che
    > non è una tesi accademica ma un nome mediatico
    > per una missione militare),

    c'entra tutto quanto, sono tutti sistemi mediatici (come hai giustamente riportato sopra) che agiscono sulla psiche umana... tutta sembra buono e giusto con questi nomi, gli americani sono dei maestri in questo settore.

    >per tua informazione,
    > non si traduce in "giustizia infinita".

    nn l' ho tradotto io, era il nome di "Enduring freedom" italianizzato dai giornalisti .


    > Se quelle di cui parli sopra sono le bombe
    > intelligenti, questa che hai sparato è una bomba
    > stupida. Senza De Gasperi io e te non stavamo a
    > scrivere su tastiere made in China. Probabilmente
    > eravamo a vendere le nostre donne in paesi più
    > ricchi come accade in molte ex repubbliche
    > sovietiche.

    6 nostradamus... potresti fare il futurologo


    > Eh già. Avremmo avuto l'incredibile vantaggio di
    > essere invasi dai tank russi come è accaduto in
    > Cecoslovacchia ed Ungheria. Considera che il PCI
    > italiano era il primo partito comunista in
    > occidente per numero di iscritti... seguito da
    > quello francese... pensi che senza gli americani
    > avremmo avuto pace, ricchezza e magari libertà?
    > Smetti di sognare, smetti di seguire i
    > sessantottini, smetti di guardare la realtà
    > unicamente con gli occhiali gentilmente regalati
    > dall'italica egemonia culturale ex-comunista.

    essendo anarchico, non inseguo ne i comunisti ne i fascisti.... la mia considerazione era rivolta a quelle affermazioni troppo benevole nei confronti di un America falsa e senza rispetto per le altre civiltà.
    non+autenticato
  • > > Se quelle di cui parli sopra sono le bombe
    > > intelligenti, questa che hai sparato è una bomba
    > > stupida. Senza De Gasperi io e te non stavamo a
    > > scrivere su tastiere made in China.
    > Probabilmente
    > > eravamo a vendere le nostre donne in paesi più
    > > ricchi come accade in molte ex repubbliche
    > > sovietiche.
    >
    > 6 nostradamus... potresti fare il futurologo
    >
    >

    mica è futurologia. studiati la storia in maniera comparata e te ne rendi conto che non ci sono arcani di sorta.

    > essendo anarchico, non inseguo ne i comunisti ne
    > i fascisti.... la mia considerazione era rivolta

    con chi parla ancora di comunisti e fascisti non merita neanche scambiare pensieri. sei terribilmente retrò.
    non+autenticato
  • Che dicevano che la PlayStation 2 era troppo potente (in grado di teleguidare un missile) e quindi avevano vietato le importazioni?

    Ora vogliono vendere supercomputer in Cina e nel mondo?

    Mah.... mi sa che si preparano tempi duri per tutti, i cinesi ce lo metteranno lì...... Triste
    non+autenticato
  • nessuno qua lha provato?
    ma e possibile avere un pc tutto cinese..che so a
    50 euro ?(senza monitor)

    Dragon has a 32-bit RISC core and claims 64-bit read and write data buses for Processor Local Bus (PLB). The Memory Management Unit runs 16KB instruction and 16KB data caches, while the chip's High Speed Memory Controller is capable of supporting up to 4 SDRAM banks and a maximum total of 1GB SDRAM, the company says.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > nessuno qua lha provato?
    > ma e possibile avere un pc tutto cinese..che so a
    > 50 euro ?(senza monitor)
    >
    > Dragon has a 32-bit RISC core and claims 64-bit
    > read and write data buses for Processor Local Bus
    > (PLB). The Memory Management Unit runs 16KB
    > instruction and 16KB data caches, while the
    > chip's High Speed Memory Controller is capable of
    > supporting up to 4 SDRAM banks and a maximum
    > total of 1GB SDRAM, the company says.
    Non vorrei dire una vaccata, ma mi pare di ricordare che il Dragon sia già ampiamente utilizzato in vari tipi di computerini portatili, tablet, PDA, palmtop, etc e naturalmente nel viaggio dall'oriente all'Italia il prezzo, forse e stanco e confuso per lo sbalzo di fuso orario, si allinea a quelli in vigore da noi, minimo raddoppia (eh, i nostri commercianti, poverini, non sanno calcolare un 5% di dazio, un 10% di trasporto e un 20% di IVA, no, devono arrotondare il moltiplicatore del prezzo all'intero superiore, non è mica per disonestà, non pensate male, è che erano sempre impegnati nelle lezioni di vela e di pilotaggio e hanno ripetuto la seconda elementare fino allo scadere dell'obbligo scolastico).
    non+autenticato
  • forse ti confondi con il Motorola DragonBall 33 mhz
    che per esempio sta dentro il Motorola mpx 200 e
    edetrno Xplore g18..
    questo processore e una altraa cosa perhc va dentro
    ai pc.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)