Il Canada contro il file sharing

Il Governo intende dare un giro di vite dopo le critiche all'attuale normativa formulate dai detentori di diritti d'autore. La prima mossa sarà rendere illegale il bypass delle protezioni su CD e DVD

Ottawa (Canada) - Lo aveva anticipato lo scorso aprile ed ora il Governo canadese ha deciso di confermare l'intenzione di dare una stretta alla legislazione sul diritto d'autore e il diritto di copia, andando incontro almeno in parte alle richieste dell'industria dei contenuti.

Il disegno di legge governativo punta come prima cosa a rendere illegali quelle tecnologie che abbiano per finalità l'aggiramento delle protezioni sui supporti o i file con i quali vengono distribuiti musica, film ed altri materiali protetti dal diritto d'autore. Va detto, però, che sistemi di questo tipo sarebbero consentiti qualora servano al possessore di un prodotto originale di copiarlo su propri supporti, come il proprio computer o un player digitale: in quel caso lo scopo dell'utilizzo di queste tecnologie non verrebbe considerato illegale perché rientrerebbe in una logica di fair use.

Sebbene l'iter del provvedimento sia appena iniziato, e il testo sia tuttora aperto a modifiche, è prevista una normativa più severa anche sul file sharing, fino ad oggi oggetto di un aspro dibattito legato al fatto che l'attuale legislazione viene considerata dall'industria di settore non sufficiente a garantire il rispetto del diritto d'autore.
Secondo gli osservatori, la normativa che si prepara in Canada differisce sostanzialmente da quella americana, in particolare perché non condanna tout-court lo sviluppo di determinate tecnologie. Viene fatto in particolare l'esempio di DVD Jon, l'hacker norvegese autore del celeberrimo programmino DeCSS: perseguibile negli USA perché si tratta di una tecnologia capace di aggirare un sistema di protezione dalla copia, "un" DVD Jon non sarebbe perseguibile in Canada in quanto tali tecnologie, come detto, possono avere un uso legittimo. Negli States, come noto, viene considerato illegale il semplice sviluppo di certi sistemi.

Il testo, comunque, chiarisce in modo definitivo che scaricare o uploadare materiali protetti su Internet è un illecito. Questo non impedirà il download ma consentirà ai detentori dei diritti di perseguire chi ponesse questi materiali in condivisione, favorendone quindi la distribuzione.

Un altro nodo fondamentale della legge che si prepara è il fatto che i provider verranno considerati semplici intermediari e come tali non potranno essere considerati responsabili per i materiali protetti eventualmente scambiati o residenti sui propri network. Gli ISP dovranno rimuovere eventuali contenuti abusivi solo su richiesta della magistratura e saranno invece tenuti a notificare agli utenti eventuali segnalazioni provenienti dai detentori dei diritti.

Non verrebbe prevista invece la cancellazione del tributo sui supporti ottici: similmente a quanto avviene in Italia con il cosiddetto "equo compenso", infatti, anche in Canada ogni supporto vergine venduto viene gravato di un "quid" in base alla presunzione che possa essere utilizzato per copiare materiali coperti da diritti d'autore, e dunque per compensare gli stessi. I rivenditori e distributori canadesi avevano premuto sul Governo affinché venisse rimossa questa sorta di gabella, che l'Italia ha attivato con il recepimento della direttiva europea sul copyright, ma per ora non sembrano esserci spazi perché ciò avvenga. In Italia, come noto, a questo proposito i produttori di supporti hanno denunciato la SIAE dopo aver registrato un crollo delle vendite.

Soddisfazione per i contenuti del progetto di legge è stata espressa dalla CRIA, la "Canadian Recording Industry Association". Graham Henderson, il presidente, ha spiegato che questa legge avvicina il Canada agli altri paesi più avanzati nelle normative applicate all'era digitale. "Dalla nostra prospettiva - ha spiegato - si tratta di una buona legge". Unica perplessità espressa dalla CRIA è la scelta di non fornire spazi di manovra per perseguire chi realizzasse tecnologie capaci di aggirare le protezioni anticopia.
TAG: canada
25 Commenti alla Notizia Il Canada contro il file sharing
Ordina
  • Le multinazionali americani comandano e i lacché di tutto il mondo, formalmente governanti eletti dal popolo, eseguono con solerzia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Le multinazionali americani comandano e i lacché
    > di tutto il mondo, formalmente governanti eletti
    > dal popolo, eseguono con solerzia.

    Potenza del DENARO!!!!
    Ficoso
    non+autenticato
  • In Canada sarà permesso, in USA, in pratica, non lo è più: forse Bertuccia Bush ha paura che i giudici della corte suprema possano assolvere per "fair use" un cittadino inca§§ato che gli crackasse la testa per vedere se è compatibile col concimiere.
    non+autenticato
  • Si sa nulla di un'operazione che colpisce altri 2 server denominati Max e Rmc?
    Forse e' una notizia infondata?
    non+autenticato
  • Classico esempio di democrazia........dei pochi! Indiavolato
    non+autenticato
  • Vogliono bloccare la copia? Vogliono impedire qualsiasi azione da parte dell'utente? E lo facciano. Quello che non capisco è il comportamento della gente. Possibile essere ancora qui a discuterne? Io non compro dischi nè video. E nemmeno li scarico. Me ne frego di loro e delle loro politiche idiote. Senza musica o film non si muore, poi basta accendere una radio o una televisione per averne in abbondanza... Quando finalmente anche gli utenti lo capiranno e smetteranno di comprare forse qualche cosa cambierà. Fino ad allora sarà la solita solfa.

  • - Scritto da: HotEngine
    > Vogliono bloccare la copia? Vogliono impedire
    > qualsiasi azione da parte dell'utente? E lo
    > facciano. Quello che non capisco è il
    > comportamento della gente. Possibile essere
    > ancora qui a discuterne? Io non compro dischi nè
    > video. E nemmeno li scarico. Me ne frego di loro
    > e delle loro politiche idiote. Senza musica o
    > film non si muore, poi basta accendere una radio
    > o una televisione per averne in abbondanza...
    > Quando finalmente anche gli utenti lo capiranno e
    > smetteranno di comprare forse qualche cosa
    > cambierà. Fino ad allora sarà la solita solfa.

    Guarda già a leggere queste notizie mi cascano le
    braccia ( le palle non ti dico dove mi sono arrivate )
    e palesemente chiaro che i governi fanno le leggi ad
    hoc per le major del settore ed è palesemente chiaro
    che la INCOSTITUZIONALE tassa sui supporti non
    sia difendibile in nessun punto, tu, io e molti altri
    che navigano su PI e su internet lo sanno bene, ma
    quando vedo una mia amica orgogliosa di aver speso
    quasi 10 euro tra suoneria e sfondo per il cellulare,
    be capisco che sono nato in un mondo sbagliato e
    che per 1-10-1000 che si ammazzano su internet per
    difendere i propri diritti, cè ne sono n-milioni nel mondo
    reale che pagano 2 euro un dvd vergine, e 25 euro
    per un cd audio protetto, praticamente è come lottare
    contro i mulini a ventoPerplesso

    ciao.
  • quando vedo una mia amica orgogliosa di aver speso
    > quasi 10 euro tra suoneria e sfondo per il
    > cellulare,

    Questa e' la parte divertente...

    Ah, la potenza della moda e dell'"effetto pecora" sugli adolescrnti!!!

    > be capisco che sono nato in un mondo sbagliato e
    > che per 1-10-1000 che si ammazzano su internet per
    > difendere i propri diritti, cè ne sono n-milioni
    > nel mondo
    > reale che pagano 2 euro un dvd vergine, e 25 euro
    > per un cd audio protetto

    BEh, saranno ben cavoli loro... se pagano per 15 secondi di suoneria fino a 3 euro ( 10/12 euro al minuto di musica, 600 euro per un'ora) , dovrebbero essere contenti di pagare un cd solo 25 euro... alla fine risparmiano...

    , praticamente è come
    > lottare
    > contro i mulini a vento

    ESATTOOO!
    non+autenticato
  • Di alla tua amica di farsi furba e di imparare a farseli da sola gli sfondi e le suonerie, non ci vuole assolutamente una scienza così a botte di 10 euri risparmiati (visto che non ne può fare a meno) si compera qualcosa sempre di marca ma solido almeno come un vestito
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Di alla tua amica di farsi furba e di imparare a
    > farseli da sola gli sfondi e le suonerie, non ci
    > vuole assolutamente una scienza così a botte di
    > 10 euri risparmiati (visto che non ne può fare a
    > meno) si compera qualcosa sempre di marca ma
    > solido almeno come un vestito

    E credi che non ci abbia provato? Dato che di pc non
    ci capisce una mazza, mi sono offerto di farglielo io
    ma la risposta è stata, no grazie per me è piu comodo
    scaricarle, posso scegliere tra tante e bla bla bla, ormai
    non mi soprendo piu neanche tanto, ormai viviamo in
    un mondo indebitato, la gente per la casa, vacanza, auto
    ormai è abituata a chiedere prestiti su prestiti e
    fare mutui bicentenari ai posteri, figurati
    se gli pesa pagare 10 euro per una suoneria è sfondo.

    P.s. questo non significa nella maniera piu assoluta
    che io mi arrenda, ci mancherebbe altro tzeA bocca aperta

    ciao.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/06/2005 12.41.48

  • - Scritto da: HotEngine
    Senza musica o
    > film non si muore, poi basta accendere una radio
    > o una televisione per averne in abbondanza...

    Concordo sul resto,ma su questo no: se accendi la tv,di film ne vedi pochi,sempre quelli e solo quelli che vanno bene per le famiglie(gli altri,se anche vanno in onda,vengono tagliati in modo indecente).
    Sulla radio ascolti per il 95% del tempo solo la spazzatura che passa anche mtv(e non è molto bello dover aspettare ore per sentire una,dico una,canzone decente).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo


    > Concordo sul resto,ma su questo no: se accendi la
    > tv,di film ne vedi pochi,sempre quelli e solo
    > quelli che vanno bene per le famiglie(gli
    > altri,se anche vanno in onda,vengono tagliati in
    > modo indecente).

    Mah.....in tv vedi i film che fino a 4 o 5 mesi prima, erano nelle sale cinematrografiche, e tutti questi tagli di cui parli, io non li ho mai visti !

    > Sulla radio ascolti per il 95% del tempo solo la
    > spazzatura che passa anche mtv(e non è molto
    > bello dover aspettare ore per sentire una,dico
    > una,canzone decente).

    Allora spendi 25 euro per un cd, dove forse (dico forse) trovi un paio di canzoni decenti.
    non+autenticato
  • > Mah.....in tv vedi i film che fino a 4 o 5 mesi
    > prima, erano nelle sale cinematrografiche, e
    > tutti questi tagli di cui parli, io non li ho
    > mai visti !

    4 o 5 mesi prima? Forse su Sky, certo non sulle reti nazionali.

    > > Sulla radio ascolti per il 95% del tempo solo la
    > > spazzatura che passa anche mtv(e non è molto
    > > bello dover aspettare ore per sentire una,dico
    > > una,canzone decente).
    >
    > Allora spendi 25 euro per un cd, dove forse
    > (dico forse) trovi un paio di canzoni decenti.

    Sono saliti a 25 euro? Ero rimasto indietro. Triste
    Comunque esistono CD e CD, ci sono quelli con poche canzoni decenti e ci sono quelli migliori, e a volte in Internet si torvano siti che offrono pezzi delle canzoni del CD in modo che ti possa fare un'idea prima di spendere soldi.
    Certo che mi piacerebbe anche poter sentire il CD che compro su qualsiasi lettore, e non solo su quelli che supportano le varie protezioni... il che riduce di molto il numero dei CD acquistabili.
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > altri,se anche vanno in onda,vengono tagliati in
    > > modo indecente).
    > tutti questi tagli di cui parli, io non li ho
    > mai visti !

    Se li avessi visti, non sarebbero tagli...
    non+autenticato

  • - Scritto da: HotEngine
    > Vogliono bloccare la copia? Vogliono impedire
    > qualsiasi azione da parte dell'utente? E lo
    > facciano. Quello che non capisco è il
    > comportamento della gente. Possibile essere
    > ancora qui a discuterne? Io non compro dischi nè
    > video. E nemmeno li scarico. Me ne frego di loro
    > e delle loro politiche idiote. Senza musica o
    > film non si muore, poi basta accendere una radio
    > o una televisione per averne in abbondanza...
    > Quando finalmente anche gli utenti lo capiranno e
    > smetteranno di comprare forse qualche cosa
    > cambierà. Fino ad allora sarà la solita solfa.

    Due obiezioni:

    1. Non puoi sbattertene facendo spalucce. Se il mondo cade non puoi spostarti piu' in la. Se tu arrendi subito quelli mica dormono, avanzano ! Oggi vogliono i soldi quando compri supporti di memorizzazione (e questo lo fai sicuramente suppongo). Domani ti chiederanno i soldi perche' con Internet POTRESTI scaricare della musica pirata.
    Forse non te ne rendi conto ma ogni cosa che fai costa cara perche' un sacco di gente ci deve guadagnare. Non usi le suonerie ? ok, ma il telefonino lo usi ? beh, non c'e' compagnia telefonica che non paghi qualche cretinetta per sgambettare in tv. Ci sono musichette di sottofondo che fruttano milioni (che provengono dagli utenti). Fruttano cosi' tanto che sono riusciti a riesumare i DuranDuran ! No dico, stanno ancora imbottando per canzoni scritte piu' di venti anni fa ! (Ieri in radio passavano canzoni che ascoltavo, e per le quali avevo gia' pagato, da ragazzino. Come se il mio elettricista dopo aver fatto una trentina di impianti elettrici continuasse a riscuotere soldi per il lavoro fatto decine di anni addietro. Non solo lui, ma anche la casa discografica.
    Rifiuti i CD e te li guardi alla TV ? Bravo, ma chi credi che li paghi ?
    Se hai SKY li paghi direttametne tu con l'abbonamento.
    Se non hai SKY paghi lo stesso indirettamente tramite tutte le pubblicita'. Per di piu' scordati i film di 4 o 5 mesi perche' ormai passano solo roba scadente e/o roba gia' vista.
    Apro una parentesi: dal molmento che fanno vedere un sacco di repliche, bisognerebbe pagare il canone con un sacco di "repliche" delle banconote sborsate a suo tempo. E se non sono repliche spesso sono minchiate che andrebbero pagate coi soldi del monopoli. Cosa si salva ? Piero Angela e figlio, anche loro spesso in replica. A volte qualcosa a tarda ora, come se non avessimo un cazzo da fare nella vita per poter stare alla tv dalle 22 fino all'una di notte. Chiusa parentesi.
    Sigle, siglette, stacchetti. tutta grana che dobbiamo sostenere noi anche se non compriamo CD.
    In TV poi danno quelle minchiate di festivalbar, festival qua, festivalla. spettacolini insipidi, adolescenti che vivono fuori dalla realta' e conduttrici con voci da orco che fanno i balletti. e li il soldo fluisce eccome nelle "casse degli artisti"
    Vuoi fottere il sistema ? L'unico modo e' rifiutare TUTTO. Puoi anche guardare la tv, ma devi farti l'orticello, allevare il bestiame e vivere di quello che produci. Come esci e vai anche solo al supermercato, aiuti il sistema.
    Ecco perche' si incazzano quando copi un CD. Ti lasciano la "liberta'" di spendere soldi in qualsiasi cosa tu voglia, anche se non sono CD, anche se non sono loghi&suonerie. Il sistema regge.
    Ma se provi a replicare a costo zero cose che DEVI acquistare il sistema va in crisi.

    2. Ok a te non importa della musica e dei film. Converrai pero' che musica e film sono CULTURA. Senza cultura non si vive, si "sopravvive".
    (non ci mettiamo a fare battutine tipo "perche' djfrancesco lo chiami cultura ?", ovvio che lo chiamo "braccia levate all'agricoltura")
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    [...]
    > Oggi vogliono i soldi quando compri supporti di
    > memorizzazione (e questo lo fai sicuramente
    > suppongo).

    supponi male, cd e dvd li compro in germania e me li faccio sedire (con tutte le spese di spedizione mi costano meno che comprarli in negozio, anche all'ingrosso, in Italia)

    > Domani ti chiederanno i soldi perche'
    > con Internet POTRESTI scaricare della musica
    > pirata.

    no problem, disdiro' l'adsl

    > Forse non te ne rendi conto ma ogni cosa che fai
    > costa cara perche' un sacco di gente ci deve
    > guadagnare. Non usi le suonerie ? ok, ma il
    > telefonino lo usi ?

    non ho cellulare personale, ho un cellulare aziendale che finito l'orario di lavoro spengo

    > Rifiuti i CD e te li guardi alla TV ? Bravo, ma
    > chi credi che li paghi ?
    > Se hai SKY li paghi direttametne tu con
    > l'abbonamento.

    non ho una tv, se ho tempo libero preferisco andare a dargli il gas su qualche passo di montagna o fare sesso con la mia donna o uscire con lei e farci una passeggiata o stare con le persone cui voglio bene

    > 2. Ok a te non importa della musica e dei film.
    > Converrai pero' che musica e film sono CULTURA.
    > Senza cultura non si vive, si "sopravvive".

    se permetti preferisco leggermi Boccaccio o ascoltare Beethoven che guardare un film o ascoltare la "musica" che passano oggi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)