Giustizia, nuove tecnologie nuovi risparmi

Lo annuncia il ministero all'Innovazione: la posta elettronica certificata nelle Procure della Repubblica situate nel Mezzogiorno porterà a 130 milioni di euro di risparmio all'anno

Roma - Sebbene incontrino spesso e volentieri una resistenza "culturale" negli uffici pubblici, le nuove tecnologie continuano a diffondersi nelle istituzioni, con enormi vantaggi di efficienza e significativi risparmi sui costi di gestione. Sono 130 milioni gli euro che il Governo prevede di risparmiare ogni anno grazie ad una nuova iniziativa presso le Procure della Repubblica del Meridione.

Ad annunciarlo è il ministero all'Innovazione: il ministro Lucio Stanca, presidente del Comitato dei ministri per la Società dell'informazione (CMSI), ha infatti firmato le comunicazioni che - si legge in una nota - "danno il via ad una serie di progetti per sostituire con la posta elettronica certificata la tradizionale trasmissione manuale degli avvisi di reato da parte delle varie Forze dell'ordine a 77 Procure della Repubblica situate nel meridione. L'iniziativa riguarda i ministeri dell'Interno e della Giustizia e coinvolgerà Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato".

Si tratta in effetti solo della prima tranche, per così dire, di una serie di interventi, un primo investimento di 14,8 milioni di euro che rientrano nel cosiddetto "Progetto @P@", che mira appunto alla diffusione delle comunicazioni elettroniche nella pubblica amministrazione. Nell'insieme si prevedono investimenti per un totale di 42 milioni di euro, capaci entro due anni di "restituire",come accennato, il risparmio di 130 milioni.
I progetti, seguiti dal CNIPA, riguardano la gestione della giustizia ma anche diverse altre attività della PA e "hanno tra gli obiettivi - continua la nota - l'efficienza dei servizi e la trasparenza".

Caratteristica definita "importante" per questi progetti sta nel fatto che, una volta avviati, verrà applicata la regola del riuso, "ossia - spiega la nota - dell'estensione alle altre amministrazioni interessate, innescando un effetto a catena nel processo di modernizzazione del Paese, limitando così al minimo i costi della trasformazione".

Ma ecco di seguito i progetti e i settori interessati.
TAG: 
3 Commenti alla Notizia Giustizia, nuove tecnologie nuovi risparmi
Ordina
  • Dove vorranno arrivare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Dove vorranno arrivare?

    All'arresto virtuale.
    Un giorno riceverai una email con il seguente testo:

    "Buon giorno,
    questo è un arresto virtuale, per favore si rechi alla più vicina stazione di Polizia e fornisca loro il suo codice identificativo X3992-4WD3Q-599SP-327FF
    Per favore, non comunichi a terzi tale codice perché corrisponde al codice di attivazione della sua cella e non faccia resistenza.
    Si ricordi che il codice di attivazione è valido solo per 3 cambi d'abito, dopodiché dovrà telefonare al nostro numero verde per farsi dare un nuovo codice di attivazione.
    Ci mandi per favore una email con nel corpo del messaggio la scritta "armato" se intende presentarsi in caserma armato, "resistenza" se intende fare resistenza, "avvocato" se intende disporre di un avvocato.
    Se ha bisogno di maggiori informazioni scriva nel corpo dell'email "help" oppure telefoni al numero verde e sarà messo in contatto con un'operatrice entro i primi 15 minuti.
    Grazie per la collaborazione e la pazienza, le auguriamo ancora una volta una buona giornata."


    Scherzi a parte, mi sembra una buona cosa che risparmino qualche soldino e qualche albero... quello che mi fa paura è che con tutti gli acari che ci sono su PI (come la signora Loredana ci ha gentilmente fatto notare) magari qualcuno di loro troverà il modo per forgiare le email "certificate" e spedire qualche mandato di cattura virtuale in giro per fare scherzucciOcchiolino
    non+autenticato

  • >
    > All'arresto virtuale.
    > Un giorno riceverai una email con il seguente
    > testo:...................

    he, heSorride
    proprio come nel film "Nirvana", nella scena in Joystick e Jimi usano le carte di credito contrafatte e la polizia li contatta nel terminale pregandogli di attendere l' arrivo del cellulare che li porterà in prigione.
    non+autenticato