Anche Panasonic a scuola di RAZR

Il design di Motorola ha un forte impatto sui produttori asiatici che rincorrono il gigante americano. La risposta di Panasonic si chiama X800

Roma - Le ipotesi sono due: o ai produttori asiatici piace tremendamente la linea del Motorola RAZR V3, oppure temono che si tratti di un apparecchio che farà... strage di cuori. In ogni caso l'apparecchio ha fatto scuola, almeno stilisticamente: la prima a darsi da fare in questo senso è stata Samsung, che ne ha proposto un clone lanciando il modello SCH-V740. Ma l'idea è piaciuta anche a Panasonic, viste le caratteristiche del suo nuovo X800.

Clamshell molto sottile da 100 x 48 x 17,2 mm (pesa 99 grammi), è un Triband GPRS classe 10 dotato di sistema operativo Symbian (con piattaforma Series 60) con cui è fornito l'utile Quickoffice, strumento che consente di aprire file di MS Office in vari formati (Word, Excel, Powerpoint).

Il nuovo PanasonicOltre ad un display TFT da 176x208 pixel a 65536 colori, è dotato di fotocamera integrata Vga (1,3 Megapixel) con zoom e flash incorporato, che consente anche di riprendere brevi videoclip; sono inoltre presenti vivavoce integrato, suonerie polifoniche a 40 toni e richiamo vocale dei contatti in rubrica, connettività USB e wireless (Bluetooth e IrDA).
L'X800 offre completo supporto per la messaggistica SMS/MMS ed e-mail; non mancano ampie possibilità di memorizzazione, vista la presenza di uno slot per mini Sd card. La batteria al litio fornita in dotazione permetterebbe, secondo quanto dichiarato, un'autonomia di 230 ore (oltre nove giorni) in standby e 3 ore in conversazione.

DB
TAG: