Unisys promuove la migrazione a Linux

Lo fa aprendo un nuovo centro ad Amsterdam

Milano - Unisys ha inaugurato ad Amsterdam un centro dedicato alla migrazione verso Linux.

L'iniziativa rientra nell'ambito dell'accordo globale con Novell per la diffusione della piattaforma Linux in ambienti enterprise. Unisys e Novell, infatti, collaborano da tempo per promuovere nelle aziende i vantaggi offerti dalle piattaforme basate su Linux e supportarle nella migrazione dai vecchi sistemi legacy proprietari verso nuove architetture aperte.

In particolare, il nuovo centro assisterà i clienti nell'esecuzione del porting di ambienti applicativi completi, inclusi dati della clientela e loro attività, da una piattaforma Sun Solaris verso un sistema Intel ES7000 con Novell SUSE Enterprise Server.
Il centro di Amsterdam avrà, inoltre, un ruolo di assistenza e informazione perché consentirà alle aziende, durante il ciclo di migrazione completo, di comprendere meglio tutti i passaggi necessari per spostare i propri ambienti verso Linux e, quindi, apprezzarne i privilegi come la riduzione dei costi per transazione, la maggiore flessibilità e la semplificazione delle infrastrutture server", si legge in un comunicato diffuso da Unisys.

"Novell e Unisys offrono alle grandi aziende una concreta alternativa: un'affermata e stabile tecnologia supportata dai nostri centri di assistenza 24x7x365 presenti in tutto mondo" ha dichiarato Johan Rosius, EMEA vice president of Alliances di Novell. "Unisys e Novell offrono agli utenti di piattaforme UNIX/RISC l'opportunità di ottimizzare l'infrastruttura utilizzando un numero inferiore di sistemi operativi e piattaforme basate su standard permettendo, al contempo, di erogare servizi a costi contenuti".

La migrazione verso Linux e i vantaggi derivanti dal passaggio a una piattaforma enterprise basata su standard saranno oggetto di un seminario promosso e organizzato da Unisys che si terrà il 30 giugno e il 1° luglio 2005 a Saint-Paul-de-Vence, in Francia.
Per ulteriori informazioni si veda qui.
TAG: linux
128 Commenti alla Notizia Unisys promuove la migrazione a Linux
Ordina
  • datemi la mail di Mr. Stallman che gli scrivo cosa penso di lui
    non+autenticato
  • Dopo 2 anni di progetti interessanti sotto Linux e solaris
    mi è toccato riprendere mano ad un programmillo per windows da scrivere rigorosamente in c++
    mamma mia ho i conati di vomito ogni volta che tocco
    queste dannate api di win.Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > queste dannate api di win.Triste

    La API... e' una... non sono plurale, e' singolare!

  • - Scritto da: Anonimo
    > Dopo 2 anni di progetti interessanti sotto Linux
    > e solaris

    già, interessanti

    > mi è toccato riprendere mano ad un programmillo
    > per windows da scrivere rigorosamente in c++
    > mamma mia ho i conati di vomito ogni volta che
    > tocco
    > queste dannate api di win.Triste

    se non sei capace, perchè te ne occupi te? Fai lavorare qualcuno più ferrato no? Altrimenti che open sorcio sei? A bocca aperta
    non+autenticato
  • E' uscita la versione live-dvd di knoppix 4
    (knoppix.org). Si tratta di un linux che
    boota da dvd e non richiede di essere
    installato. Contiene la bellezza di 4.100
    MB di sw opensource.
    Si ringraziano per questo miracolo tecnico
    l'ing. klaus knopper e tutti gli sviluppatori e
    mantenitori debian.

    P.S. spero che il ragazzo che sviluppa
    in directx e sta postando oggigiorno nei
    vari thread trovi in knoppix abbastanza sw
    da modificare e personalizzare

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > (knoppix.org). Si tratta di un linux che
    > boota da dvd e non richiede di essere

    Boota? Scusa, immagino che tu sia uno che deleta i documenti, erasa qualche file, qua e la, scannerizza una immagine ed ejecta i cd dopo averli recordati...

  • - Scritto da: teddybear
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > (knoppix.org). Si tratta di un linux che
    > > boota da dvd e non richiede di essere
    >
    > Boota? Scusa, immagino che tu sia uno che deleta
    > i documenti, erasa qualche file, qua e la,
    > scannerizza una immagine ed ejecta i cd dopo
    > averli recordati...
    Scannerizza è privo della forza bruta e primitiva che meriterebbe, io preferisco "scanna" A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E' uscita la versione live-dvd di knoppix 4
    > (knoppix.org). Si tratta di un linux che
    > boota da dvd e non richiede di essere
    > installato. Contiene la bellezza di 4.100
    > MB di sw opensource.
    > Si ringraziano per questo miracolo tecnico
    > l'ing. klaus knopper e tutti gli sviluppatori e
    > mantenitori debian.
    >
    > P.S. spero che il ragazzo che sviluppa
    > in directx e sta postando oggigiorno nei
    > vari thread trovi in knoppix abbastanza sw
    > da modificare e personalizzare

    "[...]spero che il ragazzo...modificare e personalizzare[...]"

    Rotola dal ridere

    siete patetici
    non+autenticato
  • >siete patetici
    e VOI siete parecchio rinco_ti, credimi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >siete patetici
    > e VOI siete parecchio rinco_ti, credimi

    meglio rinco che polli, credimi
    non+autenticato

  • E' questa la categoria principale delle persone che hanno il terrore dell'open source e vengono a trollare quì. L' OpenSource è, in realtà, la salvezza di un sano sviluppo software di qualità.

    Che software si è fatto finora in Italia? Gestionalini scritti una volta e riciclati 1000 volte da miliardi di microaziende fatte da ex salumieri che hanno visto l'opportunità di BBusineSS e hanno aperto "l'azienda informatica" quando a malapena sapevano cos'è un file.
    Ho visto gente vendere paginette Excel con 4 procedurine in VBA di semplici fatture+clinti ecc (1 pomeriggio di lavoro con caffè e dormitina) per 10000 euro.

    E' questa la gente che verrà colpita dalla mega ondata opensource. Finalmente il software tornerà in mano a chi sa programmare.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > E' questa la categoria principale delle persone
    > che hanno il terrore dell'open source e vengono a
    > trollare quì. L' OpenSource è, in realtà, la
    > salvezza di un sano sviluppo software di qualità.
    >
    > Che software si è fatto finora in Italia?
    > Gestionalini scritti una volta e riciclati 1000
    > volte da miliardi di microaziende fatte da ex
    > salumieri che hanno visto l'opportunità di
    > BBusineSS e hanno aperto "l'azienda informatica"
    > quando a malapena sapevano cos'è un file.
    > Ho visto gente vendere paginette Excel con 4
    > procedurine in VBA di semplici fatture+clinti ecc
    > (1 pomeriggio di lavoro con caffè e dormitina)
    > per 10000 euro.
    >
    > E' questa la gente che verrà colpita dalla mega
    > ondata opensource. Finalmente il software tornerà
    > in mano a chi sa programmare.

    faresti meglio a vergognarti di quello che hai scritto, in quanto dimostri pregiudizi e di non conoscere lo scenario informatico italiano

    il lamerone a cui alludi lo trovi molto più spesso a vendere "installazioni" di open office e a scrivere due righe in php convinto di lavorare ad oggetti e per di più di salvare il mondo

    mapperfavore
    non+autenticato

  • > faresti meglio a vergognarti di quello che hai
    > scritto, in quanto dimostri pregiudizi e di non
    > conoscere lo scenario informatico italiano

    Non pretendo di conoscere l'intero scenario, ma è da parecchi anni che lavoro nel settore e di orrori come questi ne ho visti tanti.

    > il lamerone a cui alludi lo trovi molto più
    > spesso a vendere "installazioni" di open office e
    > a scrivere due righe in php convinto di lavorare
    > ad oggetti e per di più di salvare il mondo

    Mah... Io molto più spesso li vedo a fare "soluzioni di business" per "aziende leader"... E la rabbia è che molti sono potenzialmente bravi, ma in mancanza d'altro si riducono a lavorare per la patonza software a fare i gestionali per le lavanderie
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > faresti meglio a vergognarti di quello che hai
    > > scritto, in quanto dimostri pregiudizi e di non
    > > conoscere lo scenario informatico italiano
    >
    > Non pretendo di conoscere l'intero scenario, ma è
    > da parecchi anni che lavoro nel settore e di
    > orrori come questi ne ho visti tanti.
    >
    > > il lamerone a cui alludi lo trovi molto più
    > > spesso a vendere "installazioni" di open office
    > e
    > > a scrivere due righe in php convinto di lavorare
    > > ad oggetti e per di più di salvare il mondo
    >
    > Mah... Io molto più spesso li vedo a fare
    > "soluzioni di business" per "aziende leader"... E
    > la rabbia è che molti sono potenzialmente bravi,
    > ma in mancanza d'altro si riducono a lavorare per
    > la patonza software a fare i gestionali per le
    > lavanderie

    da come parli semprerebbe che le cose belle e serie si fanno solo se lo dice la gpl di stallman... che tristezza

    io credo in ogni caso che il bravo programmatore fa quello che gli conviene alla sua ta$ca... e finiamola di fare i profeti suicidi

    se poi qualcuno vuol lavorare per la NASA o i servizi cinesi, beh, non gli resta che fare domanda
    non+autenticato
  • Provate e usate gambas (e' simile a VB) e cominciate a usarlo da win cosi' il passaggio sara' indolore e non rimpiangerete Vb
    cia
    non+autenticato
  • grazie all'open il gestionale fatto con excel sarà gratuito e manco più quella cagata farai
    non+autenticato
  • l'open source include il fatto che il software viene sviluppato da persone esterne alla società che non prendono da queste soldi (salvo donazioni). In assenza di queste invece si devono assumere o comunque pagare delle persone per fare questo programma.
    Matematicamente è sicuro: con questo modello di sviluppo i programmatori non guadagnano.

    Poi viene il secondo punto: fare assistenza. Ma se un software è open source vuol dire che anche io posso prenderlo e metterlo sul mercato per guadagnare con l'assistenza. Ma se posso farlo io possono farlo altri 1000 programmatori (modificare un programma è più semplice e veloce di rifarlo da zero), quindi avrò una concorrenza spietata e dovrò abbassare i prezzi. Ma le grandi aziende possono abbassare i prezzi ancora di più oppure farsi pagare uguale ma hanno un nome che un libero professionista non ha.

    Quindi alla fine solo la grande azienda guadagna vendendo hardware o facendo consulenza selvaggia. Ergo i piccoli vengono buttati fuori inevitabilmente pur essendo loro la maggior parte del lavoro fatto per i software delle grandi aziende.

    A me non torna, spiegatemi come posso fare i soldi se il software non posso venderlo (lo trovi gratis su sourgeforce) e ho la concorrenza di migliaia di programmatori incapaci che con 2 modifiche al codice possono offrire le stesse cose di un professionista.
    I margini di guadagno sarebbero minimi e solo aziende con tantissimi clienti vivrebbero
    non+autenticato
  • >il software viene sviluppato da persone esterne alla >società che non prendono da queste soldi
    Mandrake, suse, swhouse varie, hanno dipendenti
    che pagano. Lo stesso fanno le molte aziende locali
    coinvolte in progetti di migrazioni fatte dalle PA di
    grandi citta nord-europee e in tanti altri progetti.
    Direi che solo l'oss in europa sta creando posti di
    lavoro, mentre le aziende di sw proprietario chiudono,
    licenziano e si spostano in oriente

    >In assenza di queste invece si devono assumere
    si, in oriente: un ingegnere indiano vale mediamente
    piu di te e lavora a 100 dollari al mese e può
    essere utilizzato con una semplice connessione
    in rete: è questo il tuo concorrente, non il programmatore oss

    >se un software è open source vuol dire che
    >anche io posso prenderlo e metterlo
    >sul mercato per guadagnare con l'assistenza
    Si, puoi, e può farlo chiunque, come chiunque
    può proporre progetti sui portali oss in modo da
    ottenere contributi. E' una collaborazione tra un
    nr impresisato di persone per predisporre strumenti
    comuni di lavoro. Puoi perfino fare l'opportunista,
    scroccare e chissenefrega, i parassiti esistono in
    ogni settore. Poi, se vali abbastanza, hai strumenti
    competitivi con quelli proprietari per lavorare.

    >Ma se posso farlo io possono farlo altri 1000 >programmatori
    Questo vale anche per il sw proprietario: 100.000
    "programmatori" possono farti il gestionale della
    bella napoli in vb

    >quindi avrò una concorrenza spietata e dovrò >abbassare i prezzi
    IN CHE MONDO VIVI ! CERTO CHE HAI
    CONCORRENZA ! Ce l'hai anche se vai a
    far marchetta sui viali. SONO FINITE LE VACCHE
    GRASSE o non l'hai ancora capito.

    > le grandi aziende possono abbassare i prezzi >ancora di più
    Le grandi aziende possono abbassare i prezzi per
    due motivi:

    --primo producono il 99% del sw in circolazione,
    quindi hanno volumi enormi
    --secondo, questo 99% di sw viene prodotto in
    oriente dai TUOI VERI COMPETITORI, CINESI
    E INDIANI, ottimi ingegneri a 100 dollari al mese,
    il cui lavoro è disponibile in rete (non devi
    farlo venire qui). Secondo le grandi aziende, tu devi competere con questi

    >se il software non posso venderlo (lo trovi gratis su >sourgeforce)
    Eccome se lo puoi vendere: se ti affidi a un buon
    venditore potresti vendere anche il c... In ogni caso
    aggiungerai a quel sw di base delle caratteristiche
    che si adattano alle situazioni target che hai in mente,
    il contratto di assistenza ecc. COSE CHE ANCHE I
    BAMBINI SANNO E CHE FAI FINTA DI NON CAPIRE

    >ho la concorrenza di migliaia di programmatori >incapaci che con 2 modifiche
    SBAGLIATO
    In primo luogo hai la concorrenza di decine di
    milioni di ottimi ingegneri laureati con lode in
    india e cina che sviluppano il 99% del sw
    commercializzato per 100$ al mese e sono
    mediamente molto piu bravi di te
    In secondo luogo hai la concorrenza di molti
    programmatori oss mediamente bravi
    con dei picchi altissimi di competenza e che
    hanno trovato un modello di sviluppo che sta
    sopravvivendo agli attacchi di sw house enormi
    che stanno cercando di strangolarli

    Secondo me questo non è un mestiere per te.
    Troppo difficile, occorrerebbe avere idee, cosa
    che va al di la delle tue capacità.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)