Primi negli SMS, ultimi in banca

L'analisi delle abitudini degli italiani alle prese con le nuove tecnologie

Roma - Il 17 per cento degli italiani utilizza frequentemente gli SMS, un dato importante se messo a confronto con quello di altri cittadini europei come gli svedesi (12 per cento) o gli inglesi (5 per cento). Lo ha rilevato la società di analisi Gartner che ha pubblicato uno studio sulle abitudini nei paesi europei.

Lo studio mette in evidenza come in Italia solo il due per cento dei cittadini preferisce il computer o il telefonino per utilizzare il proprio conto corrente bancario, mentre gli inglesi sono al 15 per cento e gli svedesi a quota 27 per cento.

Inoltre, solo il 20 per cento degli italiani utilizzerebbe i servizi Bancomat, un altro dato che metterebbe in evidenza le difficoltà che gli italiani trovano nell'utilizzare le tecnologie a disposizione.
Infine, secondo il Gartner, se le banche offrissero a tutti informazioni sui conti correnti e la possibilità di compiere operazioni via telefonino o SMS, il numero degli utenti "telematici" delle nostre banche potrebbe velocemente raggiungere quota 20 per cento.
TAG: italia
2 Commenti alla Notizia Primi negli SMS, ultimi in banca
Ordina