Anche SuperEva accusata di spam

Spamhaus punisce i mail server del portalone DADA non molti giorni dopo aver incluso nelle sue liste di filtraggio anche Buongiorno.it. Un'offensiva che il gruppo antispam ritiene necessaria per ridurre la posta indesiderata

Anche SuperEva accusata di spamUpdate ore 9.12: Sul sito di Spamhaus il riferimento SBL a SuperEva è stato rimosso. Questo significa che SuperEva si è immediatamente attivata con successo per eliminare le cause all'origine dell'inserimento nella lista di filtraggio.

Roma - I mail server di SuperEva, il portalone di DADA, sono stati ufficialmente inseriti nella lista di filtraggio antispam del celebre gruppo antispam The Spamhaus Project. Sul piano tecnico quanto avvenuto può far sì che email inviate dai mail server di supereva.it non arrivino a destinazione se quest'ultima fa parte di un network che sfrutta il filtraggio di Spamhaus.

In effetti l'inserimento nella SBL (Spamhaus Block List), la "lista nera" utilizzata da moltissimi provider e operatori per tenere fuori dai propri network la posta elettronica indesiderata e non richiesta, certo non arriva per SuperEva come un fulmine a ciel sereno. Lo scorso dicembre, infatti, Spamhaus aveva accusato i servizi internet di DADA di supportare lo spam.
"La rete Dada - si chiedeva Spamhaus - va considerata come una rete che fornisce supporto a spammers, dato che le segnalazioni non sembrano avere alcun effetto e lo spammer convoglia tutto il traffico su siti Supereva dall'inizio dello scorso settembre?". In quell'occasione, Spamhaus chiarì che, dalle rilevazioni effettuate, alcuni dei siti ospitati da SuperEva si sono macchiati di azioni spammatorie senza che per questo fossero bloccati dal provider DADA, pur avvertito della situazione.

Accuse che DADA su Punto Informatico aveva respinto con forza, spiegando di intraprendere azioni contro le attività antispam e di aver attivato a questo proposito servizi specifici antiabuso.

Ieri, come descritto in un breve comunicato distribuito su Usenet dai gestori dello Spamhaus Project, si è appreso che la SBL ha inserito mail.supereva.it nella lista nera, in particolare l'intero blocco di IP 195.110.96.0/24.

Nella nota si legge che il motivo dell'inserimento sarebbe la ricezione da parte di Spamhaus di spam proveniente dagli IP di SuperEva. "Abbiamo ricevuto parecchi spams da dada.it nelle ultime settimane - spiega il gruppo antispam - per cui abbiamo deciso che dada.it non ha intenzione di smettere di mandare spam senza l'intervento di un DNSBL".

A fine gennaio Spamhaus aveva annunciato anche l'inserimento di Buongiorno.it nella SBL.
TAG: italia
15 Commenti alla Notizia Anche SuperEva accusata di spam
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)