L'uomo della sicurezza dei DNS

L'ICANN nomina il capo del comitato che avrà sulle spalle la responsabilità della sicurezza dei più importanti server di indirizzamento del traffico

Marina del Rey (USA) - L'ICANN, l'organismo internazionale di supervisione sul sistema dei domini, si sta rapidamente muovendo per offrire una parvenza di credibilità alle proprie azioni per la sicurezza dei principali server DNS della rete. E, come annunciato ieri, lo fa nominando il dottor Stephen Crocker a capo del Comitato di Sicurezza ICANN.

La mossa arriva dopo mesi nei quali in più occasioni è stata messa in rilievo la debolezza strutturale di quei sistemi principali che governano il giusto instradamento del traffico internet. E dopo le crescenti polemiche sul ruolo stesso dell'ICANN, anche sul profilo della sicurezza.

La nomina di Crocker serve dunque a dare vita a quel Comitato sulle cui spalle poggerà una responsabilità enorme. Il suo nome è peraltro molto noto in quanto "pioniere della rete" e autore di alcuni dei primi protocolli di comunicazione su ARPANET (alla quale ci si riferisce come la "progenitrice" di internet) nonché forza trainante della IETF (Internet Engineering Task Force) che un ruolo così importante ha avuto finora nello sviluppo delle tecnologie internet.
Negli anni, Crocker ha lavorato con ARPA (Advanced Research Projects Agency) e presso lo USC Information Sciences Institute nonché la Aerospace Corporation, dove ha fondato il Laboratorio di scienza informatica. Ma Crocker è anche noto perché co-fondatore e CTO della CyberCash, celebre azienda dei pagamenti online, e per essere stato co-fondatore e presidente della Longitude Systems. Nel 2002 a Crocker è stato assegnato il 2002 IEEE Internet Award per il suo ruolo nei primi anni di internet.

Le nomine del Comitato di Sicurezza ICANN dovrebbero essere concluse a breve. Il primo compito del nuovo organismo sarà di allestire un progetto per la sicurezza del DNS che dovrà essere approvato dalla board dell'organismo internazionale.
TAG: domini
1 Commenti alla Notizia L'uomo della sicurezza dei DNS
Ordina