Deconstructing keyboard, la tastiera a pezzi

Nessuno aveva ancora pensato a un kit di montaggio per tastiera: Ergodex con DX1 Input System rivoluziona il settore con un modello totalmente personalizzabile

Mountain View (USA) - Ergodex ha spinto oltre ogni immaginazione la possibilità di personalizzare la tastiera con DX1 Input System. Vi sono modelli di ogni dimensione sul mercato, dalle fogge estetiche più ardite e dai materiali più ricercati, ma nessuno aveva ancora pensato alla cosiddetta destrutturazione. In pratica, fornire al cliente un pad e tasti separati che, facilmente assemblabili, possono dar vita a centinaia di combinazioni diverse di tastiera.

Il pad è costituito da un primo strato plastico asportabile ? e lavabile ? che permette il posizionamento dei tasti, dotati a loro volta di una piccola striscia adesiva. In questo modo si possono creare configurazioni di ogni genere, ovviamente in base alle proprie preferenze. Lo strato plastico integrato sul pad, invece, dispone di una griglia di sensori che reagiscono alla pressione e grazie al software in dotazione permettono di correlare ogni porzione della sua superficie (identificata da un tasto) con un comando specifico o una macro.

ErgodexSi possono così creare macro per ogni tipo di applicazione o videogioco, oppure semplicemente disporre di funzioni specifiche, a portata di singolo tasto, per ogni suite utilizzata. La configurazione e l'istallazione sono piuttosto semplici, ed agevolate rispettivamente dal software in bundle e dalla connessione USB. Inoltre, il pad stesso integra due tasti: uno per avviare l'applicazione di gestione e l'altro per la memorizzazione dei comandi.
La confezione include 25 tasti, personalizzabili con adesivi, e volendo un altro pacchetto da 25 da acquistare separatamente. Il pad misura 24,1 x 16,5 cm, quindi gli ingombri sono piuttosto limitati.

Ergodex DX1 è compatibile con Windows 2000 e Windows XP, ma in futuro è previsto un driver anche per le piattaforme Mac e Linux. Il prezzo di commercializzazione è di circa 149 dollari; 49 dollari per il pacchetto con altri 25 tasti.

Dario D'Elia
27 Commenti alla Notizia Deconstructing keyboard, la tastiera a pezzi
Ordina


  • - Scritto da: sathia
    > www.daskeyboard.com

    bella
    non+autenticato
  • - Scritto da: sathia
    > www.daskeyboard.com

    Concordo.
    È a dir poco fantastica.
    Un tocco morbido, a livello delle tastiere per portatili, ma meno schizzinoso.
    Silenziosa, bella a vedersi.
    Costa un po', ma vale il doppio di quello che costa.
    E se lavorate in un ufficio, poche persone vorranno mettere mano al vostro computer.
    das keyboard, il driver per tastiere "US-International" (come lo chiama MS) o "dead keys" come lo definiscono in Unix, e vivi tranquillo per i prossimi dieci anni.

  • - Scritto da: teddybear
    > - Scritto da: sathia
    > > www.daskeyboard.com
    >
    > Concordo.


    tra l'altro se qualcuno ha intenzione di comprarla mi contatti, così smazziamo le spese di invio

  • - Scritto da: sathia
    > www.daskeyboard.com

    Io dopo averne provate tante sono ritornato ad utilizzare, dopo aver cambiato il cavo con connettore DIN con uno PS/2, la Epson del mio primo computer (un 286...) vecchia di 18 anni... forse non in tutte le cose ci sono stati dei miglioramenti...
    TeX
    957
  • Programma : "Se serve aiuto, premi F1"
    Utente : "Quale dei tre?"


    Mah... bella si ma una standardizzazione a volte
    è cosa buona e giusta.

    non+autenticato

  • PI> ma nessuno aveva ancora pensato alla cosiddetta destrutturazione

    Non è assolutamente vero!
    Quando le tastiere non erano usa e getta, si potevano montare e smontare.
    I tasti erano amovibili, si potevano acquistare separatamente e potevano essere posizionati a piacimento (tranne tasti con dimensioni particolati come lo spazio o l'enter).
    In seguito sono arrivate le tastiere che conosciamo oggi e Dario D'Elia s'è perso nel marketing.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > PI> ma nessuno aveva ancora pensato alla
    > cosiddetta destrutturazione
    >
    > Non è assolutamente vero!

    Forse hai bisogno di trovarti una foto dell'oggetto? Cercala e capiraiOcchiolino
    non+autenticato
  • Tutte le tastiere moderne hanno un paio di strati di plastica con i sensori per la pressione su cui sono appoggiati i tasti.

    Lavorando per la facolta' di lingue della mia universita' avevo iniziato a costruirmi una tastiera in grado di supportare qualunque layout: ho smontato una vecchia tastiera estraendone i tre strati che ne compongono il cuore, ho creato dei fogli di acetato trasparente con i caratteri stampati sopra e ho sovrapposto il tutto.

    In questo modo si ottiene una tastiera cambiabile in ogni momento, multilingua e per giunta flessibile, ultrapiatta e sensibilissima.

    Costo: 2,50 euro per una vecchia tastiera e qualche giornata di puro divertimento.

    Provate: e' divertente e innocuo.


    CoD
    non+autenticato
  • Che bello!
    perche' non posti qualche istruzione in piu' per tutti quelli che desiderano seguire il tuo intelligente percorso?

    M

  • - Scritto da: Anonimo

    [...]

    Interessante ... non hai magari un link con fotografie/istruzioni per l'uso ?
    11237
  • grande figataFicoso
    m'e' venuto in mente il pad dell'intellivision che aveva anche lui i foglietti di acetato colorati intercambiabili a seconda del gioco - dai metti on line un wizard su come fare!
    non+autenticato
  • figata!!
    ora me la brevetto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > figata!!
    > ora me la brevetto

    credo sia tardi: io la tastiera flessibile con layout modificabile a piacere l'ho trovata ed acquistata (per pochi euro) dal mio spacciatore di hardware sotto casa.
    non+autenticato
  • Stavo pensando la stessa cosa, ma ci sei arrivato molto prima tu!

    In effetti a quel prezzo (149 dollari) di tastiere ne compri una trentina, nuove, oppure vai da un rottamaro dei PC e ne trovi qualche quintale ...

    Perchè non la brevetti? Prima che qualcuno ti freghi l'idea... magari chiamandola "ultra advanced ultrathin foldable personal keyboard" e facendola pagare 150 dollari al pezzoA bocca aperta

    - Scritto da: Anonimo
    > Tutte le tastiere moderne hanno un paio di strati
    > di plastica con i sensori per la pressione su cui
    > sono appoggiati i tasti.
    >
    > Lavorando per la facolta' di lingue della mia
    > universita' avevo iniziato a costruirmi una
    > tastiera in grado di supportare qualunque
    > layout: ho smontato una vecchia tastiera
    > estraendone i tre strati che ne compongono il
    > cuore, ho creato dei fogli di acetato trasparente
    > con i caratteri stampati sopra e ho sovrapposto
    > il tutto.
    >
    > In questo modo si ottiene una tastiera cambiabile
    > in ogni momento, multilingua e per giunta
    > flessibile, ultrapiatta e sensibilissima.
    >
    > Costo: 2,50 euro per una vecchia tastiera e
    > qualche giornata di puro divertimento.
    >
    > Provate: e' divertente e innocuo.
    >
    >
    > CoD
  • no fermo, io ho brevettato l'idea di brevettarla
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > no fermo, io ho brevettato l'idea di brevettarla
    eh, mi dispiace per voi ma, visto che nessuno ci aveva pensato, io ho brevettato il cervello quindi qualsiasi cosa vogliate inventare mi dovete prima sganciare le royalties
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > no fermo, io ho brevettato l'idea di brevettarla
    > eh, mi dispiace per voi ma, visto che nessuno ci
    > aveva pensato, io ho brevettato il cervello
    > quindi qualsiasi cosa vogliate inventare mi
    > dovete prima sganciare le royalties

    Nessun problema ! A leggere di certi brevetti ti viene il dubbio che sia stato utilizzato il cervello...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > no fermo, io ho brevettato l'idea di
    > brevettarla
    > > eh, mi dispiace per voi ma, visto che nessuno ci
    > > aveva pensato, io ho brevettato il cervello
    > > quindi qualsiasi cosa vogliate inventare mi
    > > dovete prima sganciare le royalties
    >
    > Nessun problema ! A leggere di certi brevetti ti
    > viene il dubbio che sia stato utilizzato il
    > cervello...

    :D:D:D
    non+autenticato
  • Non sarà più robusta per i giochi?
    Qualcuno cel'ha? Com'è, valida?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)