RIAA, nuove denunce contro gli utenti

784 utenti colpiti

Roma - A due giorni dalla sentenza della Corte Suprema contro due sistemi di file sharing, i discografici americani della RIAA hanno annunciato un nuovo giro di denunce contro gli utenti dei sistemi peer-to-peer.

In particolare, stando alle dichiarazioni rilasciate dalla RIAA, sono 784 gli utenti denunciati in questa occasione, perlopiù utenti di Kazaa, Limewire e di quel Grokster che è stato al centro della sentenza della Corte Suprema.

Con questo nuovo round di denunce il numero complessivo di utenti denunciati negli USA dai discografici si avvicina ai 15mila. Si ritiene che almeno 50 milioni di americani facciano uso di sistemi di scambio online.
TAG: p2p
7 Commenti alla Notizia RIAA, nuove denunce contro gli utenti
Ordina
  • .... individuati, almeno in questa operazione,
    e per giunta su network che ormai molti considerano degli zombie; non mi sembra che sia il caso di preoccuparsi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > .... individuati, almeno in questa operazione,
    > e per giunta su network che ormai molti
    > considerano degli zombie; non mi sembra che sia
    > il caso di preoccuparsi.

    non preoccuparsi è la strada migliore per pigliarselo tutto senza che nessuno mai possa farci qualcosa, senza che nessuno abbia nemmeno il sentore che l'epidemia distruttiva e corrotta dilaga
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > .... individuati, almeno in questa operazione,
    > > e per giunta su network che ormai molti
    > > considerano degli zombie; non mi sembra che sia
    > > il caso di preoccuparsi.
    >
    > non preoccuparsi è la strada migliore per
    > pigliarselo tutto senza che nessuno mai possa
    > farci qualcosa, senza che nessuno abbia nemmeno
    > il sentore che l'epidemia distruttiva e corrotta
    > dilaga


    Parafrasando la battuta di un noto film proiettato al cinema in questi giorni "gente che shara 10.000 file a botta, su server ultra-sputtanatissimi, non deve starci tanto con la testa".

  • > Parafrasando la battuta di un noto film
    > proiettato al cinema in questi giorni "gente che
    > shara 10.000 file a botta, su server
    > ultra-sputtanatissimi, non deve starci tanto con
    > la testa".

    quale film?
    non+autenticato
  • 15.000 utenti a cui hanno rubato circa 2000 dollari per evitare guai peggiori =

    30 Milioni di dollari......e poi c'è chi dice che il P2P non paga......più di quanto avrebbero mai guadagnato se questi 15.000 utenti avessero acquistato i loro cd........ (vorrei vedere chi spende 2000 dollari pr cd anche se fosse all'anno....)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 15.000 utenti a cui hanno rubato circa 2000
    > dollari per evitare guai peggiori =
    >
    > 30 Milioni di dollari......e poi c'è chi dice che
    > il P2P non paga......più di quanto avrebbero mai
    > guadagnato se questi 15.000 utenti avessero
    > acquistato i loro cd........ (vorrei vedere chi
    > spende 2000 dollari pr cd anche se fosse
    > all'anno....)

    questo conto non l'avevo mai fatto ma è abbastanza illuminante...

  • - Scritto da: Anonimo
    > 15.000 utenti a cui hanno rubato circa 2000
    > dollari per evitare guai peggiori =
    >
    > 30 Milioni di dollari......e poi c'è chi dice che
    > il P2P non paga......più di quanto avrebbero mai
    > guadagnato se questi 15.000 utenti avessero
    > acquistato i loro cd........ (vorrei vedere chi
    > spende 2000 dollari pr cd anche se fosse
    > all'anno....)


    E' un ragionamento così semplice e realistico che mi era sfuggito, eheheh, le cose semplici a volte sono quelle che ci sfuggono di più. Hai proprio ragione, altro che "il P2P è la rovina delle major", hanno trovato un altro modo per rubare i soldi al prossimo senza vendergli nulla.