Londra, altri tre anni con Microsoft

La pubblica amministrazione britannica spunta un grosso sconto sulle licenze software del big di Redmond. Firmato un nuovo accordo triennale

Londra - Ci sarà anche un forte impulso verso l'open source ma di certo il Governo di Sua Maestà non disdegna l'idea di continuare ad adottare software Microsoft su molti dei computer in funzione presso la pubblica amministrazione.

Nelle scorse ore, infatti, è stata resa nota la firma di un nuovo accordo triennale tra il big di Redmond e la società di procurement di stato OGCbuying.solutions, un'intesa che secondo i responsabili dell'ente britannico ha portato a risparmi di 84 milioni di sterline sulle spese registrate in precedenza. Si tratta di un risultato senz'altro frutto dell'interesse di Microsoft di contrastare l'avanzata dell'open source in alcuni settori chiave, specificamente quello pubblico.

L'accordo prevede il rilascio di un milione di licenze per il software dell'azienda ed ufficialmente è proprio l'elevato numero di licenze ad aver spinto Microsoft a varare forti sconti: a quota un milione si è giunti grazie ad un accordo di acquisto che tocca una grande varietà di amministrazioni.
"Il successo rinnovato dell'accordo con Microsoft - ha dichiarato Hugh Barrett, CEO della società di procurement - dimostra il potere del settore pubblico quando lavora unito per dare più valore ai soldi che spende. Sono felice di aver negoziato con successo l'accordo con Microsoft per continuare altri tre anni e spingere questi risparmi fino al 2008", anno della scadenza del nuovo contratto.
TAG: microsoft
100 Commenti alla Notizia Londra, altri tre anni con Microsoft
Ordina
  • visto che sono i migliori alleati degli usa, è ovvio che aiutino un'azienda statunitense, sostenitrice e che ha finanziato così tanto il presidente usa...
    non+autenticato
  • sceglie il vaporware Linux, il resto del mondo va verso Unix e Windows.

    Siamo sempre i solite geni...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > sceglie il vaporware Linux, il resto del mondo va
    > verso Unix e Windows.
    >
    > Siamo sempre i solite geni...

    il caldo fa proprio male.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > sceglie il vaporware Linux, il resto del mondo
    > va
    > > verso Unix e Windows.
    > >
    > > Siamo sempre i solite geni...
    >
    > il caldo fa proprio male.

    non ci sono più le mezze stagioni
    non+autenticato
  • sapete dov'era ? sui tg nazionali che
    faceva bella mostra al concertone
    londinese per l'azzeramento del debito
    al terzo mondo, insieme a tanti artisti
    "bravi e buoni".
    No, certo che non è li solo perché
    la prossima settimana c'è il g8 e i suoi
    lobbisti stanno lavorando a bruxelles per
    dare la botta finale all'industria europea del
    sw alla faccia dei duemilioni di pmi europee.
    No, certo che non è li per supportare i paesi poveri
    in modo che finalmente possano comprare
    il suo XP PER PEZZENTI che gira solo su
    macchine vecchie ed è in grado di far girare
    solo tre threads per volta a solo 84 $ A COPIA
    Questo benefattore del terzo millennio è
    veramente qualcosa di indicilmente viscido e
    pericoloso.
    No, non riesco a capire chi, non dico ci lavora
    e ci mangia con i brutti prodotti di quest'uomo,
    ma chi lo ammira e lo idealizza. Faccio fatica
    a pensare che al mondo ci sia qualcuno di così
    basso da ammirare quest'uomo e tutto quello
    che rappresenta, e se c'è provo una gran pena.


    Ciao
    non+autenticato
  • era l'ultimo neurone che cercava una via di fuga dalla desolazione che hai tra le orecchie
    almeno lui si è salvato


    - Scritto da: Anonimo
    > sapete dov'era ?

    più pettegolo della mia portinaia...dai dicci così ti facciamo contentoA bocca aperta

    sui tg nazionali che
    > faceva bella mostra al concertone
    > londinese per l'azzeramento del debito
    > al terzo mondo, insieme a tanti artisti
    > "bravi e buoni".

    quella è gente che si impegna a fare qualcosa di concreto per il terzo mondo non come te o quanti su pi scrivono c/\zz/-\te sul sw che sfamerà il terzo mondo.
    certo poi gates come i vari cantanti si fanno pagare l'uno per il sw prodotto gli altri per le canzoni, ma almeno si impegnano attivamente e non sono nei forum a perdere tempo

    > No, certo che non è li solo perché
    > la prossima settimana c'è il g8

    poteva andarci anche settimana prossima se andava solo per il g8...ci arrivi o vuoi un disegnino?

    e i suoi
    > lobbisti stanno lavorando a bruxelles per
    > dare la botta finale all'industria europea del
    > sw alla faccia dei duemilioni di pmi europee.

    ma per ora i 2 milioni di pmi non hanno molto da ridire, chi si lamenta sono i patiti dell'os i lug e qualche politichello in cerca di notorietà

    > No, certo che non è li per supportare i paesi
    > poveri
    > in modo che finalmente possano comprare
    > il suo XP PER PEZZENTI che gira solo su
    > macchine vecchie ed è in grado di far girare
    > solo tre threads per volta a solo 84 $ A COPIA

    ricompila il cervello perchè qualchecosa non ti funziona.
    prima che il terzo mondo possa permettersi anche solo la distribuzione di energia elettrica in maniera decente b.gates sarà morto e sepolto.
    in quale ottica vuole vendere cosa a chi?
    forse ti rode che la fondazione gates abbia donato 250 mln di $ a gente che ne aveva bisogno.
    ti rode perchè cozza con il tuo primo comandamento: ms e gates sono il male; nulla di quello che dicono fanno o pensano (direttamente e non) può essere giusto.




    > Questo benefattore del terzo millennio è
    > veramente qualcosa di indicilmente viscido e
    > pericoloso.

    ma chi si attegia a santone mi sa che è stallman.
    adesso il benefattore è del codice (oss patrimonio dell'umanità ma voi avete perso il senso della misura)

    > No, non riesco a capire chi, non dico ci lavora
    > e ci mangia con i brutti prodotti di quest'uomo,
    > ma chi lo ammira e lo idealizza.

    e chi sarebbe?
    magari sono quelli come te che idealizzano idiozie e devono per forza di religione screditare ms in tutto e per tutto.

    Faccio fatica
    > a pensare che al mondo ci sia qualcuno di così
    > basso da ammirare quest'uomo

    io faccio fatica a pensare che esisti tu che sei ancora più basso e viscido di quelli che critichi

    e tutto quello
    > che rappresenta, e se c'è provo una gran pena.

    riserva la pena per te stesso perchè ne hai tanto bisogno
    >
    >
    > Ciao

    perchè invece di denigrare la gente nei forum non vai anche tu a fare qualche cosa per il terzo mondo?
    bello stare al comodo su una sedia a scrivere nei forum e credersi 'alternativo'
    non+autenticato
  • inbriaco, poggia la damigiana

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > inbriaco, poggia la damigiana
    >

    troll riconetti il cervello!
    non+autenticato
  • >riconetti
    anche oggi per esserti messo alla pecora
    da bill, hai tirato su un dollaretto
    complimenti cicciolina
    per un dollaretto venderesti la nonna, vero ?
    non+autenticato
  • Bisogna ammetterlo, alcuni programmi open source
    stanno erodendo quote consistenti di mercato
    a sfavore della Microsoft.
    sto parlando della suite Open Office Firefox le Qt 4.0
    Python e il compilatore Gcc.
    la gente ha iniziato a stancarsi delle politiche commerciali di Redmond,non si capisce perchè devono rendere tutto cosi complicato e restrittivo.
    Per esempio l'altro giorno ho scaricato la toolbar MSN
    per le ricerche,si vabbe è carina e tutto quanto ma provate a scrivere un plugin usando la cagata IFilter e fate la stessa cosa con le API di Google.
    ci scommetto le palle che la gente smanettona si trova meglio con le librerie googliane che quelle accademiche made in microsoft.
    il motivo è semplicissimo:
    Microsoft prima di scrivere librerie usabili,mette dei paletti invisibili al fine di disincentivare l'utilizzo di tool terze parti in particolare quelli GPL.
    questa è una stronzata clamorosa e sono sicuro gli si ritorcerà contro molto presto.


    non+autenticato
  • bene, + perde meglio è per la gente e per la concorrenza! Fan LinuxSorride
    non+autenticato
  • Da sempre ho anche sostenuto prodotti equivalenti ed alternativi a quelli MS (questo non vuol dire che abbia sempre disdegnato quelli MS, solo che si sostengono da soli...) e certamente ho ottenuto anche delle belle soddisfazioni ma si tratta di casi particolari, in cui so che non ci sono particolari esigenze tuttavia vi sono ancora troppi ambiti in cui non e' possibile fare a meno di windows e non mi riferisco a questioni di driver (basta un minimo di scelta in fase di acquisto e ogni problema e' risolto) o di usabilita' (metto KDE, do 2-3 spiegazioni e nessuno si eì' mai lamentato) ma di APPLICAZIONI e aderenza a starndard: pensate ai geometri, agli architetti, ai commercialisti e a chi lavora nel mondo deli servizi finanziari... ci sono troppe applicazioni specialistiche molte delle quali fornite da enti pubblici o da terze parti fornitrici di enti pubblici (e che quindi ne seguono le specifiche) che sono state fatte per piattaforma non semplicemente win32 ma per 2K/XP... se avete avuto a che fare con queste realta' non potete NON sapere che e' impossibile fare a meno di windows... senza contare che molti servizi e applicazioni web per i suddetti settori richiedono obbligatoriamnte una MS-JVM... oppure ti sparano una bella pagina html mettendo nelle intestazioni HTTP un bel text/plain invece di text/html come formato mime e allora devi per forza avere IE per vederle correttamente...
    Ma voi stareste davvero con la coscienza tranquilla proponendo in ambito professionale soluzioni basate su sistemi non windows? NO Se foste consapevoli della realta' . Chiaramente mi riferisco a impieghi client/workstation, altrimenti , a meno di esigenze/richieste davvero particolari, la scelta e' molto piu' ampia.
  • Veramente un post apprezzabile, equilibrato e soprattutto aderente alla realtà informatica italiana (e credo anche non italiana).
    non+autenticato
  • Giustissimo quello che hai detto!
    Pero' se si vuole si puo': per esempio usare il software alternativo per applicazioni specifiche dove il software non manca (per esempio usare Open Office per i documenti word o presentazioni).Bisogna riottenere la liberta' di decire il prodotto migliore non essere forzati a usare lo "standard" che realmente standard non e'!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Giustissimo quello che hai detto!
    > Pero' se si vuole si puo': per esempio usare il
    > software alternativo per applicazioni specifiche
    > dove il software non manca (per esempio usare
    > Open Office per i documenti word o
    > presentazioni).Bisogna riottenere la liberta' di
    > decire il prodotto migliore non essere forzati a
    > usare lo "standard" che realmente standard non
    > e'!

    In realtà, per quello che è la mia esperienza, è proprio dove è stato deciso di fare un raffronto serio di costi e benefici che ci si è convinti che Microsoft continua a rimanere la scelta migliore.

    Linux ha buona presa dove i task da realizzare sono molto verticali e specifici oppure dove c'è una posizione apripristicamente contraria a Microsoft.
    non+autenticato

  • > In realtà, per quello che è la mia esperienza, è
    > proprio dove è stato deciso di fare un raffronto
    > serio di costi e benefici che ci si è convinti
    > che Microsoft continua a rimanere la scelta
    > migliore.

    Sarei curioso di sapere in base a quali esoterici studi si può dire che una cosa costosa e che ti costringe a ulteriori spese per tutti i software antiQualcosa può essere più conveniente di un'altra che costa zero e non ha di questi problemi. Che sia venuto il markettaro a indurvi a "valutare i fatti"!?!?

    Mio Dio, allora il lavaggio del cervello "get The Facts" su qualcuno ha funzionato...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > In realtà, per quello che è la mia esperienza, è
    > > proprio dove è stato deciso di fare un raffronto
    > > serio di costi e benefici che ci si è convinti
    > > che Microsoft continua a rimanere la scelta
    > > migliore.
    >
    > Sarei curioso di sapere in base a quali esoterici
    > studi si può dire che una cosa costosa e che ti
    > costringe a ulteriori spese per tutti i software
    > antiQualcosa può essere più conveniente di
    > un'altra che costa zero e non ha di questi
    > problemi. Che sia venuto il markettaro a indurvi
    > a "valutare i fatti"!?!?
    >
    > Mio Dio, allora il lavaggio del cervello "get The
    > Facts" su qualcuno ha funzionato...

    Ognuno valuta per quello che gli conviene di più. Il resto è fuffa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > In realtà, per quello che è la mia esperienza, è
    > > proprio dove è stato deciso di fare un raffronto
    > > serio di costi e benefici che ci si è convinti
    > > che Microsoft continua a rimanere la scelta
    > > migliore.
    >
    > Sarei curioso di sapere in base a quali esoterici
    > studi si può dire che una cosa costosa e che ti
    > costringe a ulteriori spese per tutti i software
    > antiQualcosa può essere più conveniente di
    > un'altra che costa zero e non ha di questi
    > problemi.

    Markettaro anche tu?
    Col Cappello Rosso o col Geko Verde?
    Amico, se hai una struttura informatica in attivita' da decenni, non basta che arrivi un Harry Potter qualsiasi a dire "E' GRATIS!!!" e tutti cambiano, perche' l'architettura legacy non la cambi dal giorno alla notte.

    E quando ti fai i conti in tasca per valutare cosa costa il porting di cio' che ti serve, allora si' che le risate gratis si smorzano e cominciano i dolori...

    Se poi vendi PC nel negozietto sotto casa o non ti importa di riformattare il computer di casa ogni giorno, hai perfettamente ragione, l'OSS gratuito e' la soluzione migliore.

    Ti prego, pero', non dire che i sistemi *nix non necessitano di FW, patch e AV, perche' veramente mi fai cadere le braccia e dimostri di essere un marchettaro anche tu

    > Che sia venuto il markettaro a indurvi
    > a "valutare i fatti"!?!?

    No, a farsi i conti in tasca i signori del governo inglese e molta altra gente che lavora sul serio, sono molto bravi, that's all...

    >
    > Mio Dio, allora il lavaggio del cervello "get The
    > Facts" su qualcuno ha funzionato...

    E dai, esci da scuola e guarda il mondo del lavoro, poi ne riparliamo Sorride


  • - Scritto da: Gianluca70
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > > In realtà, per quello che è la mia
    > esperienza, è
    > > > proprio dove è stato deciso di fare un
    > raffronto
    > > > serio di costi e benefici che ci si è convinti
    > > > che Microsoft continua a rimanere la scelta
    > > > migliore.
    > >
    > > Sarei curioso di sapere in base a quali
    > esoterici
    > > studi si può dire che una cosa costosa e che ti
    > > costringe a ulteriori spese per tutti i software
    > > antiQualcosa può essere più conveniente di
    > > un'altra che costa zero e non ha di questi
    > > problemi.
    >
    > Markettaro anche tu?
    > Col Cappello Rosso o col Geko Verde?
    > Amico, se hai una struttura informatica in
    > attivita' da decenni, non basta che arrivi un
    > Harry Potter qualsiasi a dire "E' GRATIS!!!" e
    > tutti cambiano, perche' l'architettura legacy non
    > la cambi dal giorno alla notte.
    >

    si, soprattutto quando l'infrastruttura è stata posta su una piattaforma che anni fa era decisamente scadente (e in parte lo è anche oggi), ora c'è chi si lamenta perchè migrare costa, grazie al piffero ! se qualcuno avesse fatto scelte più ragionevoli qualche anno fa ora non saremmo a questo punto.

    > E quando ti fai i conti in tasca per valutare
    > cosa costa il porting di cio' che ti serve,
    > allora si' che le risate gratis si smorzano e
    > cominciano i dolori...
    >

    i dolori veri cominceranno quando le poche alternative che oggi esistono spariranno (così, diciamo per caso, magari per qualche brevetto...) quando a Londra si accorgeranno che i prezzi dell'infrastruttura M$ si alzeranno. Allora si sentiranno le risate non gratis e inizieranno i dolori.

    > Se poi vendi PC nel negozietto sotto casa o non
    > ti importa di riformattare il computer di casa
    > ogni giorno, hai perfettamente ragione, l'OSS
    > gratuito e' la soluzione migliore.
    >
    > Ti prego, pero', non dire che i sistemi *nix non
    > necessitano di FW, patch e AV, perche' veramente
    > mi fai cadere le braccia e dimostri di essere un
    > marchettaro anche tu
    >
    > > Che sia venuto il markettaro a indurvi
    > > a "valutare i fatti"!?!?
    >
    > No, a farsi i conti in tasca i signori del
    > governo inglese e molta altra gente che lavora
    > sul serio, sono molto bravi, that's all...

    decisamente, fanno pagare il pedaggio per chi entra in città in macchina...

    >
    > >
    > > Mio Dio, allora il lavaggio del cervello "get
    > The
    > > Facts" su qualcuno ha funzionato...
    >
    > E dai, esci da scuola e guarda il mondo del
    > lavoro, poi ne riparliamo Sorride

    più che il mondo del lavoro mi pare il mondo degli arrivisti stile anni 80 con capelli cotonati giacche fosforescenti e auto con portiere che si aprono verso l'alto... tanta, tanta fuffa e niente sotto.
    non+autenticato
  • > No, a farsi i conti in tasca i signori del
    > governo inglese e molta altra gente che lavora
    > sul serio, sono molto bravi, that's all...
    >
    > E dai, esci da scuola e guarda il mondo del
    > lavoro, poi ne riparliamo Sorride

    Non sono l'autore del post a cui rispondi, ma ti invito a considerare che a volte i "conti in tasca" non portano alla scelta della soluzione più affidabile o più economica.
    Anzi, proprio nel mondo del lavoro di cui parli vigono leggi di mutui accordi ed interessi che a volte fanno anche optare per servizi più costosi ma strategicamente (o per il tornaconto di pochi) importanti e quindi preferibili.
    Il peso (anche simbolico) di una migrazione verso altri SO a Londra avrebbe avuto un certo peso essendo il Regno Unito legato a doppia mandata all'ex colonia d'oltre oceano...

    O:)
  • Dipende dall'utilizzo che se ne fa! il 90% in ambito workstation usa la posta, software da ufficio e poco altro. Non è necessario Windows! Quello che chiedono sono costi di licenze più bassi (i piccoli), supporto più qualificato, stabilità e sicurezza.

    In questi casi Linux è già meglio. Se poi c'è la necessità di impieghi particolari (principalmente tecnici) allora si può far uso di macchine con Windows. Ti ricordo che uno non esclude l'altro. Penso che la cosa migliore sia attingere il meglio da emtrambi.

    Linux, potendo andare su macchine vetuse ed avendo molte distribuzioni mirate, offre migliori possibilità di durata degli investimenti hw. Anche le piccole aziende potrebbero esserne interessate. Certo occorre molta fantasia di chi propone queste soluzioni, ma il vantaggio per i clienti sarebbe notevole. Se un computer funziona, non ha senso buttarlo per installare la nuova versione di Windows che spreca risorse.

    Una rete mista di desktop linux e microsoft mi sembra la soluzione più logica.
    Windows: compatibilità dei formati, applicazioni specifiche
    Linux: stabilità, sicurezza, convenienza, durata degli investimenti, server (ma anche firewall, strumenti gratuiti per la sicurezza delle reti ecc...)

    Una rete interna ben organizzata garantirebbe ai clienti il meglio a prezzi convenienti e guadagni maggiori ai consulenti. Solo la microsoft ci perderebbe, ma considerando che ora i suoi guadagni sono esagerati e derivano dallo sfruttamento del monopolio, tutto avrebbe un senso.

    Se la gente non passa in massa a linux è prechè non lo conosce, è spaventata di cambiare o è legata a formati o programmi proprietari monopiattaforma. Se aumentasse l'uso di linux, aumenterebbero i software specifici per questo so. Comunque esistono software specifici che girano solo su linux, il problema è che pochi li conoscono.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Alessandrox
    > Da sempre ho anche sostenuto prodotti equivalenti
    > ed alternativi a quelli MS (questo non vuol dire
    > che abbia sempre disdegnato quelli MS, solo che
    > si sostengono da soli...) e certamente ho
    > ottenuto anche delle belle soddisfazioni ma si
    > tratta di casi particolari, in cui so che non
    > ci sono particolari esigenze tuttavia vi sono
    > ancora troppi ambiti in cui non e' possibile fare
    > a meno di windows e non mi riferisco a questioni
    > di driver (basta un minimo di scelta in fase di
    > acquisto e ogni problema e' risolto) o di
    > usabilita' (metto KDE, do 2-3 spiegazioni e
    > nessuno si eì' mai lamentato) ma di APPLICAZIONI
    > e aderenza a starndard: pensate ai geometri, agli
    > architetti, ai commercialisti e a chi lavora nel
    > mondo deli servizi finanziari... ci sono troppe
    > applicazioni specialistiche molte delle quali
    > fornite da enti pubblici o da terze parti
    > fornitrici di enti pubblici (e che quindi ne
    > seguono le specifiche) che sono state fatte per
    > piattaforma non semplicemente win32 ma per
    > 2K/XP... se avete avuto a che fare con queste
    > realta' non potete NON sapere che e' impossibile
    > fare a meno di windows... senza contare che molti
    > servizi e applicazioni web per i suddetti
    > settori richiedono obbligatoriamnte una MS-JVM...
    > oppure ti sparano una bella pagina html mettendo
    > nelle intestazioni HTTP un bel text/plain invece
    > di text/html come formato mime e allora devi per
    > forza avere IE per vederle correttamente...
    > Ma voi stareste davvero con la coscienza
    > tranquilla proponendo in ambito professionale
    > soluzioni basate su sistemi non windows? NO Se
    > foste consapevoli della realta' . Chiaramente mi
    > riferisco a impieghi client/workstation,
    > altrimenti , a meno di esigenze/richieste davvero
    > particolari, la scelta e' molto piu' ampia.

    Carissimo, io sono un commercialista e posso affermare che quello che dici è vero, in particolare per quanto riguarda i rapporti con gli enti pubblici: Trasmissioni modelli per Inps sviluppate in .NET, programmi per il calcolo degli studi di settore, il controllo e la trasmissione telematica dei documenti fiscali sviluppati in Java ma disponibili solo in pacchetti per win e mac, per non parlare del Dike (la firma digitale per la camera di commercio) che supporta tutte le smart card più recenti solo nella versione windows, mentre quella Mac è cronicamente indietro e quella linux all'età della pietra.
    Ma il problema è che, a Roma come nella Londra dell'articolo, lo stato adotta solo le piattaforme proprietarie win. Tu parli di 'la realtà è che su linux non c'è software specifico per i professionisti', ma grazie tante, perché mai uno dovrebbe farli se tanto poi non si interfacciano con le istituzioni? Se a monte si adottassero soluzioni aperte allora sì, si potrebbe eccome fare del software per commercialisti su linux - e ti assicuro che in poco tempo ci sarebbe!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)