Google denunciata per frode sui clic

Questa l'accusa di uno degli inserzionisti della grande G secondo cui Google non fa abbastanza per impedire clic casuali sugli spot che pubblica

San Francisco (USA) - Chi utilizza Google per promuovere i propri servizi lo sa bene: ad ogni clic degli utenti è associato un corrispettivo predeterminato che l'inserzionista versa nelle casse di Google. L'abuso di questi clic è ora al centro di una denuncia contro Google scagliata dalla società americana Click Defense.

Secondo quest'ultima, dunque, Google non monitora a sufficienza l'utilizzo di quei clic da parte degli utenti, o di software sviluppati ad hoc per generare clic fasulli ma costosi, tanto che Click Defense avrebbe letteralmente buttato via 5 milioni di dollari di advertising.

Il fatto che la denuncia arrivi proprio da una società focalizzata sulla produzione di strumenti che contengano le frodi sui clic solleva naturalmente non pochi interrogativi. Il software dell'azienda è studiato per consentire agli inserzionisti di spot basati sul clic degli utenti di verificare se vi sia stata la cosiddetta "click fraud", in modo tale da ottenere il rimborso per clic pagati ma fasulli.
Per Click Defense, dunque, la causa contro Google ha senz'altro un importante risvolto promozionale, cosa che non è detto giovi all'azienda quando il tutto finirà in tribunale.

Da parte sua Google, che già rimborsa i propri clienti dinanzi a casi di abuso conclamati, e che da sempre sostiene di monitorare con attenzione l'utilizzo di questo strumento di advertising, ha fatto sapere di ritenere la denuncia "destituita di ogni fondamento" e ha avvertito la controparte che in tribunale si difenderà "vigorosamente".

Va detto che non è la prima volta che finisce sotto accusa questo sistema pubblicitario, utilizzato anche da altri big del settore, come Overture. Soltanto pochi mesi fa, in aprile, un inserzionista ha denunciato i principali motori di ricerca che adottano questo genere di spot sostenendo che tra di loro esiste un accordo di cartello che porta alla manipolazione dei prezzi ma anche alla generazione abusiva di clic fasulli.
TAG: google
13 Commenti alla Notizia Google denunciata per frode sui clic
Ordina
  • Mi immagino un mondo parallelo, in un forum di punto informatico , dove al posto di quell'articolo fosse apparso:     "Denunciato il servizio clickndows di microsoft da una azienda ecc ecc per click illegali"

    e mi immagino post paralleli del tipo "Era ora che gli facessere vedere come stanno le cose"
    "finalmente msn avrà ciò che si merita"

    "io è da una vita che lo dico" ecc ecc

    Senza offesa, ma come pregiudizi mentali, i cristiani cattolici vi fanno una ... SErenata

    Purtroppo viviamo in un mondo dove un azienda pay per click con 100 criteri di verifica e dove viene contato un click ogni 24 ore per utente non riesce a vendere click a 0,03 e google arriva a venderli sino a 30 dollari a click (fonte www.sensecash.com) con un servizio di ...meraviglia... che permette click infiniti dallo stesso ip e tante altre porcherie.

    Saluti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi immagino un mondo parallelo, in un forum di
    > punto informatico , dove al posto di
    > quell'articolo fosse apparso:     "Denunciato il
    > servizio clickndows di microsoft da una azienda
    > ecc ecc per click illegali"
    >
    > e mi immagino post paralleli del tipo "Era ora
    > che gli facessere vedere come stanno le cose"
    > "finalmente msn avrà ciò che si merita"

    ma che vuoi farci purtroppo pi è frequentata per lo più da bambocci faziosi e fanatici.
    povera gente che deve per forza di cose ridire su ms altrimenti non sa come impegnare l'unico neurone supersiste...

    >
    > "io è da una vita che lo dico" ecc ecc
    >

    quello che: lo dicevo io
    esiste sempre, si sa la mamma dei co****** è sempre gravida

    > Senza offesa, ma come pregiudizi mentali, i
    > cristiani cattolici vi fanno una ... SErenata

    purtroppo si.
    ma cosa ti aspetti da uno stile di pensiero che per bocca dei suoi fondatori incita i seguaci a raccolta per promuovere guerre sante?

    >
    > Purtroppo viviamo in un mondo dove un azienda pay
    > per click con 100 criteri di verifica e dove
    > viene contato un click ogni 24 ore per utente non
    > riesce a vendere click a 0,03 e google arriva a
    > venderli sino a 30 dollari a click (fonte
    > www.sensecash.com) con un servizio di
    > ...meraviglia... che permette click infiniti
    > dallo stesso ip e tante altre porcherie.
    >
    > Saluti

    non+autenticato
  • ...qualcuno può consigliarmi un buon circuito di pay-per-impression? (spero d'aver usato il termine giusto Perplesso )

    Io sto usando l'Ad-Sense di Google e,per quanto mi sia simpatica la grande G, reputo non corretta la formula pay-per-click..

    In fondo anche se l'utente non clicca sugli annunci il brand sponsorizzato ottiene pubblicità.. Se per mille siti che visitate vedete 500 volte la scritta *marca di prodotto in vendita*, quella stessa marca ha ottenuto pubblicità..
    Quindi tendo a reputare più etico il pagamento per le n volte che un'inserzione è stata vista,anche se non cliccata.

    Grazie per gli eventuali consigli,ciao Sorride
    non+autenticato
  • io non vedo banner di "grandi marche" da anni ormai. il payXclick è ottimo, i rischi ci sono ma per molti, evidentemente, sono rischi contenuti. quel che sbalordisce è che google non sia stata capace di dotare adwords di uno strumento contro i click fasulli, vedi un cookie che permette a quel determinato IP un massimo di tre click sullo stesso annuncio.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io non vedo banner di "grandi marche" da anni
    > ormai. il payXclick è ottimo, i rischi ci sono ma
    > per molti, evidentemente, sono rischi contenuti.
    > quel che sbalordisce è che google non sia stata
    > capace di dotare adwords di uno strumento contro
    > i click fasulli, vedi un cookie che permette a
    > quel determinato IP un massimo di tre click sullo
    > stesso annuncio.

    Da quel che ne so io, loro ti lasciano fare... poi un giorno si scocciano e ti congelano l'account.
    Restituiscono i soldi ai loro clienti e cosi nessuno perde nulla ( solo tu che hai voluto cliccare x volte su un annuncio ).

    Poi non so se questa e' legenda o meno.
    Ciao
    ryoga
    2003
  • Io lavoro per google (sia circa 200) e abbiamo il compito di cliccare tutto il giorno sui links sponsorizzati.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io lavoro per google (sia circa 200) e abbiamo il
    > compito di cliccare tutto il giorno sui links
    > sponsorizzati.

    Puoi provarlo? Se vai dall'azienducula ti riempie di soldi per la tua testimonianza!

    ps
    Credo che google con la tecnologia che ha, possa tranquillamente evitare di pagare 200 persone per fare un compito così banale che lo può fare un software anche stupido
    non+autenticato
  • stai attento che possono risalire a te in pochi minuti... una diffamazione simile ti costerebbe parecchi soldi in una causa civile... non sparare queste sciocchezze a vanvera che dopo piangi...
    non+autenticato
  • > stai attento che possono risalire a te in pochi
    > minuti... una diffamazione simile ti costerebbe
    > parecchi soldi in una causa civile... non sparare
    > queste sciocchezze a vanvera che dopo piangi...

    sbagliato, dovevi scrivergli "risaliranno a te in pochi minuti, e se -come credo- non avrai prove schiaccianti a testimonianza di quel che hai detto, piangerai"
    :)
    non+autenticato
  • per correttezza direi di riportare questa notizia sia a google che a quell'azienda, non credeteSorride?
    non+autenticato
  • lo dicevo io, mi pareva troppo assurda come class action... cioè io faccio un contratto su google che dice che pagherò quando la gente cliccherà. E' ovvio che può succedere che ci siano click fasulli, che ci deve fare google? D'altronde questi qua stanno aspettando i fessi che compreranno il loro software, mi piacerebbe sapere su quali principi si basaSorride Sicuramente sarà brevettato.
  • Ecco i nuovi "marketing" del 3 millennio...
    Coloro che non sapendo nulla di marketing, si gettano a capofitto nel pay-per-click.

    Voglio fare pubblicità, deve raggiungere tutto l'universo e oltre, deve costarmi pressocche' nulla e alla fine se non sono soddisfatto devono ripagarmi non solo i soldi spesi, ma anche il mio piano di investimento.

    Ma che ***** di gente e'?
    Avete voluto pagare per click e non utilizzare una formula piu' costosa? ( pay per view, pay per month... ) e ora tenetevi il risultato ( click fatti da chiunque -anche i non interessati ) e quindi con un ritorno minimo.

    Questa gente, invece di investire milioni in modo professionale, si mettono a giochicchiare con il pay per click e a dare la colpa allo strumento qualora il loro piano di marketing fa schifo.

    Che il tutto poi provenga anche da una società che dovrebbe "garantire" il click "puro" ( e quindi la denuncia era una mossa "basilare" per promuovere i suoi prodotti come "ottimi" per scovare questi click "falsi" ), la dice tutta su come queste piccole azienducole tutta immagine e zero contenuti siano sempre piu' disposte a cercar la grande azienda da spennare piuttosto che progettare software utile e funzionante.

    Personalmente, accollerei una multa da 800 milioni di dollari all'azienducola per danni d'immagine e falso terrorismo nei confronti di Google.

    Vorrei vedere la seconda aziendina attivarsi a fare gli stessi passi dopo...
    ryoga
    2003
  • Ma che la finiscano con ste cavolate, non sono capaci di produrre una amzza se non parole al vento e storie da raccontare in tribunale. Forza Google, spaccagli le gambe a questi.

    E poi azienda specializzata nel click frud??? ma che vanno blaterando, non riusciranno mai a bloccare un click fraud fatto con al testa, che la finiscano di vendere fumo agli stolti, e vedano di fare qualcosa di piu utile.