America Latina, il sorpasso del Mobile

Lo prevede Jupiter Media Metrix, secondo cui entro il 2005 anche in sudAmerica si affermeranno telefonini e gadget portatili per l'accesso ad Internet, a scapito della centralità e della leadership del personal computer

Web - Il lento declino del personal computer, quale mezzo preferenziale di accesso ad Internet, è ormai un processo irreversibile? Parrebbe proprio di sì, a vedere i nuovi dati in arrivo dall'America Latina che sembrano confermare una tendenza già in atto in Europa e nordAmerica.

Jupiter Media Metrix in un suo rapporto appena rilasciato sostiene che entro il 2005 i mezzi alternativi di accesso alla Rete, in particolare i gadget "mobili" e i telefonini, avranno superato il personal computer.

Entro quell'anno, sostengono gli esperti della società di rilevazione, 50 milioni di utenti sudamericani accederanno alla Rete con strumenti portatili. Il rapporto avvisa pure gli operatori che la forte crescita del settore wireless non porterà con sé, come si potrebbe essere indotti a ritenere, un conseguente aumento del numero complessivo di utenti quanto, invece, una maggiore "fidelizzazione" degli utenti esistenti.
Come a dire, dunque, che l'accesso ad Internet continuerà a diffondersi ma non necessariamente attraverso le nuove tecnologie wireless. In America Latina, dove vivono circa mezzo miliardo di persone, la rapidità di diffusione dell'accesso è, in questi mesi, tra le più elevate al mondo.

Una sfida non indifferente per le imprese che operano online nel continente sudamericano sarà quella di riuscire a convincere un maggior numero di utenti a compiere acquisti via Internet, sebbene ci si aspetti che la spesa complessiva online aumenti fino a superare l'equivalente di 8 miliardi di dollari.