NaziNet/ Yahoo! ancora nel mirino

Le associazioni che rappresentano le famiglie dei sopravvissuti nei campi di sterminio nazisti chiedono un processo contro il chairman di Yahoo!, Tim Koogle, che sarebbe colpevole di aver giustificato i crimini nazisti

Parigi - Rischia di trasformarsi in una dolorosa e inutile battaglia legale senza fine quella che vede protagonista il portalone americano Yahoo! nelle aule dei tribunali francesi. Dopo la sentenza di condanna di Yahoo! per gli oggetti nazisti messi all'asta dai propri utenti, ora arriva una nuova denuncia contro il chairman dell'azienda, accusato di aver giustificato i crimini di guerra.

L'associazione francese che rappresenta i sopravvissuti dei campi di sterminio nazisti sostiene che Tim Koogle ha consentito che quelle "aste naziste" venissero attivate sulle proprie pagine e dunque sarebbe colpevole di non condannare a dovere gli orrori del nazismo...

Le associazioni chiedono ad un tribunale di Parigi di occuparsi della cosa, sostenendo che debba essere riconosciuto un danno morale alle famiglie dei sopravvissuti, danno quantificato simbolicamente in un franco. Secondo il legale dell'associazione, Charles Korman "se si mette in piedi un sistema come quello delle nazi-aste dove la gente compra, allora si giustificano i crimini di guerra, che vengono sminuiti dal fare comune".
Come si ricorderà, nei mesi scorsi un giudice francese aveva condannato Yahoo! per la presenza di aste di oggetti nazisti. Una condanna contro la quale inizialmente il portalone statunitense si era ribellato ma che lo ha invece successivamente spinto ad una volontaria rimozione di quelle aste (sebbene permangano ancora forme di cessione e baratto di oggetti nazisti sul sito di Yahoo!).
TAG: censura
5 Commenti alla Notizia NaziNet/ Yahoo! ancora nel mirino
Ordina
  • Non riesco a capacitarmi di una cosa: per combattere il neonazismo si usano dei veri e propri metodi NAZISTI come quello di impedire la vendita anche di semplici cimeli di guerra....... Il problema e' di tipo ideologico, non credero' MAI che la vincita ad un'asta di una spilla con una svastica provochi un'incontrollabile pulsione a compiere raid anti-immigrati......

    E con i cimeli dell'era comunista come la mettiamo? Quel personaggio che diceva:"Uccidere un uome e' omicidio, ucciderne un milione e' solo un dato statistico" portava una falce e martello sul berretto, non una svastica.......

    I crimini contro l'umanita' andrebbero perseguiti in quanto tali e non utilizzando due pesi e due misure..... (perdonatemi il finale demagogico)
    non+autenticato
  • NOn si può continuare così, la cosa sta diventando angosciante, sono peggio delle dittature comuniste e fasciste.
    Cosa vogliono fare?
    Stendere un velo su quelle pagine di storia?
    Il nazismo e l'Olocausto ci sono stati e gli
    Fanno parte della nostra storia, pretendere che gli oggetti che ne hanno fatto parte non debbano essere commercializzati, come avvien eper qualunque altra cosa, è terribile.
    Francamente sono spaventato.
    non+autenticato
  • > Cosa vogliono fare?
    > Stendere un velo su quelle pagine di storia?
    > Il nazismo e l'Olocausto ci sono stati e gli
    > Fanno parte della nostra storia, pretendere
    > che gli oggetti che ne hanno fatto parte non
    > debbano essere commercializzati, come avvien
    > eper qualunque altra cosa, è terribile.

    Ad esempio mia madre conserva le sue pagelle delle elementari con tanto di fascio in copertina, però vota rifondazione...
    Le conserva solo perché le ricordano la sua giovinezza!
    Il problema delle aste sta nell'ottica di chi compra: se lo fa per interesse storico non ci vedo nulla di male, invece se in quello che compra vede qualcosa di diverso da un reperto archeologico allora è un problema mentale suo, non di chi vende.
    non+autenticato
  • Secondo questo principio, bisognerebbe distruggere tutte le armi spagnole del Cinquecento e considerare chi le conservasse un adoratore del saccheggio e del massacro di Roma.

    O svuotare i musei ungheresi dei piu' antichi reperti della loro storia (quelli dell'epoca di quando si chiamavano Unni, per intendersi)

    O abolire il whisky: chi lo consuma e' un ammiratore di Al Capone.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Antonio Fanelli
    > NOn si può continuare così, la cosa sta
    > diventando angosciante, sono peggio delle
    > dittature comuniste e fasciste.
    > Cosa vogliono fare?
    > Stendere un velo su quelle pagine di storia?
    > Il nazismo e l'Olocausto ci sono stati e gli
    > Fanno parte della nostra storia, pretendere
    > che gli oggetti che ne hanno fatto parte non
    > debbano essere commercializzati, come avvien
    > eper qualunque altra cosa, è terribile.
    > Francamente sono spaventato.

    Purtroppo questo è il vero Grande Fratello.Rileggere Orwell attentamente
    non+autenticato