L'Australia si compra i suoi domini

Un organismo appena messo in piedi dal governo federale australiano decide di acquistare il database dei domini che fino ad oggi era gestito da un pioniere della Rete, Geoff Houston, ripagato con pochi dollari per lo sforzo

Canberra (Australia) - Con un assegno da 20mila dollari, Geoff Houston ha dovuto rinunciare alla gestione e al mantenimento del database centrale dei domini australiani. Un organismo appena attivato dal governo federale ha infatti imposto a Houston di cedere il controllo sul prezioso AUNIC.

AUNIC, sviluppato e gestito a Canberra dallo stesso Houston, passa così nelle mani di AuDomain Australia, un ente che ha l'incarico ufficiale di creare una infrastruttura regolamentare per la registrazione di nuovi domini australiani e che afferma di aver compiuto "il primo passo" nella direzione di una nuova gestione dei domini.au.

Il direttore di AuDomain ha spiegato che il database non potrà essere affidato a privati per la sua gestione in quanto il governo intende mantenere un rigido controllo sui dati che lo compongono e che, secondo AuDomain, non devono finire nelle mani di imprese private che potrebbero sfruttarli per fini commerciali.
Ultimo compito per AuDomain sulla strada per ottenere il pieno controllo del sistema dei domini è quello di trovare un accordo con Robert Elz, programmatore della Melbourne University che gestisce la connessione con i server centrali del Domain Name System (DNS).
TAG: domini
3 Commenti alla Notizia L'Australia si compra i suoi domini
Ordina