MS apre spicchi di Active Directory

Lo promette Microsoft, che rende noto un piano per aprire le specifiche tecniche in modo da rendere la sua tecnologia interoperabile con applicazioni e sistemi diversi da Windows

Amsterdam - Durante la conferenza Tech Ed di Amsterdam Microsoft ha promesso di rendere la propria tecnologia Active Directory maggiormente interoperabile con le piattaforme di terze parti e con i sistemi operativi diversi da Windows.

Il big di Redmond si è anche detto pronto a lavorare a stretto contatto con i propri partner per sviluppare e promuovere architetture standard in grado di migliorare l'interoperabilità tra i web service. Una strategia, quella di Microsoft, che sembra andare incontro alle richieste dell'antitrust europeo.

"Microsoft sta fornendo tutto il necessario, come tecnologie, informazioni tecniche e supporto, per semplificare l'uso di Active Directory sui sistemi non Windows dei propri clienti e per consentire agli sviluppatori indipendenti di creare prodotti che lavorino bene con Active Directory", ha dichiarato Kim Saunders, dirigente allo sviluppo dell'interoperabilità in Microsoft.
Tra i tool gratuiti che il gigante americano fornirà a clienti e sviluppatori ve ne è uno, sviluppato dalla società francese Kernel Networks, che consentirà di utilizzare OpenLDAP (Lightweight Directory Access Protocol) con Microsoft Identity Integration Server 2003.

Al Tech Ed, Microsoft ha parlato anche del contestato brevetto sulla tecnologia alla base di Indigo, l'architettura di comunicazione fra applicazioni che debutterà con Windows Longhorn. Il big di Redmond ha detto che, nonostante questo brevetto, gli sviluppatori potranno creare applicazioni che si appoggiano a Indigo senza per questo dover pagare alcuna royalty. Molti criticano tuttavia il fatto che tale brevetto impedisce l'implementazione di una versione open source della tecnologia alla base di Indigo.
TAG: microsoft
13 Commenti alla Notizia MS apre spicchi di Active Directory
Ordina
  • La M$ perde terreno, Vienna ne e' un esempio. Quindi apre il salvagente. Dobbiamo essere collaborativi. Ma ... questa non e' la storia di Linus Torvalds? "Ehi ragazzi avrei un lavoretto per chi si vuole dirvertire. Ci state? "
    M$ copia, copia anche per non morire.
    Notte
  • "Lo promette Microsoft, che rende noto un piano per aprire le specifiche tecniche in modo da rendere la sua tecnologia interoperabile con applicazioni e sistemi diversi da Windows"

    ma active directory alla fin fine non e' un ldap server? e allora le specifiche per interoperare con esso stanno gia nell'apposita rfc; oppure anche stavolta microsoft ha preso uno standard preesistente e lo ha modificato in modo da renderlo incmpatibile con tutti, fuorche' con se stessa?
    non+autenticato
  • La seconda che hai detto... Arrabbiato
    non+autenticato
  • e' il classico dialetto microsoft...un po' come asp vs php

    pero' l'importante e' che l'abbia aperto, per quanto poco
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La seconda che hai detto... Arrabbiato

    Mica tanto.
    Visto che spesso AD si appoggia ad un LDAP.
    Se fossero "la stessa cosa" che senso avrebbe?

    Diciamo che una delle cose che fa AD e' anche la stessa cosa che fa LDAP, ma AD fa molto di piu'.

  • - Scritto da: Anonimo

    > ma active directory alla fin fine non e' un ldap
    > server?

    LDAP è un protocollo. AD supporta questo protocollo (molto bene). AD fa molto di più. Quindi LDAP da solo potrebbe non bastare per integrazioni spinte (ad esempio tra s.o. diversi)
    non+autenticato
  • Negli ultimi mesi, a piccoli passi, la MS si sta muovendo in maniera meno aggressiva, favorendo anzi un atteggiamento più collaborativo...

    (Vedi il progetto Mono, che senza alcuni ingegneri della casa di Redmond ad aprire i segreti dell'architettura interna di .NET brancolerebbe ancora nel buio).

    Non so quali siano le mosse o le strategie del big americano, ma mi piacerebbe che stavolta non si facesse un processo alle intenzioni. Insomma, stiamo a vedere prima di giudicare!
    non+autenticato
  • Ho avuto occasione di parlare con un ingegnere di Sun, che a suo tempo lavorava in microsoft,e che faceva parte del team che ha progettato active directory, e questo e' quello che mi ha detto.
    Microsoft e' *costretta* dalle altre grandi aziende IT a dare alle altre la possibilita' di interoperare efficacemente con le sue tecnologie.
    Questo perche' ormai direi che e' abbastanza assimilato che win = client, *nix = server (non parlo dell'azienda con 2 pc).
    Migliorare l'integrazione vuol dire meno problemi per tutti.
    Secondo lui si sta per aprire un periodo di grossa collaborazione, dove si cerca di aderire il piu' possibile agli standard.

    Staremo a vedereSorride
    non+autenticato
  • ecco, queste sono le mosse commerciali di microsoft che mi piace sentire. Sara' un caso che questo annuncio arriva con la sconfitta europea? Fatto sta che se MS si comportasse sempre cosi', con una certa apertura mentale, sicuramente ci sarebbero meno problemi per tutti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ecco, queste sono le mosse commerciali di
    > microsoft che mi piace sentire. Sara' un caso che
    > questo annuncio arriva con la sconfitta europea?
    > Fatto sta che se MS si comportasse sempre cosi',
    > con una certa apertura mentale, sicuramente ci
    > sarebbero meno problemi per tutti

    Eheheh, si brava M$...

    Io direi bravo Monti e l'antitrust europeo che l'hanno strigliata per bene.

    Vorrei vedere te con una pistola alla tempia.

    Non è che mi dispiaccia, ma che si debba arrivare alle sanzioni pesanti per convinvere un'azienda a collaborare, questo solo segno della sua ingerenza e di quanto sia diventata pericolosa.

    _
    Mr. Mechano
  • > Eheheh, si brava M$...
    >
    > Io direi bravo Monti e l'antitrust europeo che
    > l'hanno strigliata per bene.
    >
    > Vorrei vedere te con una pistola alla tempia.
    >
    > Non è che mi dispiaccia, ma che si debba arrivare
    > alle sanzioni pesanti per convinvere un'azienda a
    > collaborare, questo solo segno della sua
    > ingerenza e di quanto sia diventata pericolosa.
    >
    > Mr. Mechano

    ah... ecco ora capisco!
    mi sembrava strano leggere le parole "standard" "interoperabilita'" "collaborazione" in un' articolo legato a dichiarazioni MS

  • > Non è che mi dispiaccia, ma che si debba arrivare
    > alle sanzioni pesanti per convinvere un'azienda a
    > collaborare, questo solo segno della sua
    > ingerenza e di quanto sia diventata pericolosa.

    Beh, per lo meno si comincia a vedere un po' di luce alla fine del tunnel.
    E mentre i parlamentari italiani dormono e Silviolo va a braccetto con "magic Bill", alcune personcine al parlamento europeo hanno finalmente capito che foraggiare la microsoft è una delle peggior cose si potesse continuare a fare per la nostra economia.
    Terra2
    2332
  • - Scritto da: Anonimo
    > ecco, queste sono le mosse commerciali di
    > microsoft che mi piace sentire. Sara' un caso che
    > questo annuncio arriva con la sconfitta europea?
    > Fatto sta che se MS si comportasse sempre cosi',
    > con una certa apertura mentale, sicuramente ci
    > sarebbero meno problemi per tutti

    Sono d'accordo con te. Già qualche giorno fa c'era stato il rilascio delle specifiche per le estensioni per RSS2 sotto licenza Common Creative, questa è la seconda, piacevole, sorpresa in pochi giorni.

    Ammetto, sono paranoico e sono portato a pensare che dietro questa apertura ci sia chissà quale losca macchinazione. A bocca aperta Ma per una volta voglio dare fiducia a Microsoft, è anche possibile che stia cambiando strategia.

    IMHO, la concorrenza, purché leale, porta spesso dei vantaggi per tutti perché si evita di rallentare lo sviluppo.