Meno royalty sui dischi DVD+R/RW

La DVD+RW Alliance si sta accordando con i produttori taiwanesi di supporti vergini per ridurre le royalty che questi devono sborsare ai detentori dei brevetti sulla tecnologia DVD+R/RW. Gli utenti, naturalmente, ringraziano

Taipei (Taiwan) - Per rendere il proprio standard più competitivo, e contenere nello stesso tempo l'impennata dei prezzi dei DVD prevista per questo trimestre, la DVD+RW Alliance sta negoziando con i produttori taiwanesi di supporti vergini una riduzione di oltre il 60% delle royalty sul formato DVD+R/RW.

Le royalty, versate dai produttori di dischi DVD+R, DVD+RW a quelle aziende - come Philips e Sony - che detengono i brevetti sulla tecnologia DVD+R/RW, scenderanno dagli attuali 0,06 dollari a disco a 0,04 dollari. Ragionando sui grandi volumi il ribasso è sostanziale, e finirà per ripercuotersi, sebbene in modo non certo eclatante, anche sui prezzi al dettaglio.

Secondo il sito asiatico DigiTimes.com, la mossa della DVD+RW Alliance ha soprattutto lo scopo di rendere il proprio formato ancora più competitivo nei confronti dello standard rivale DVD-R/RW, notoriamente appoggiato dal DVD Forum. Questa guerra dei prezzi va ovviamente a beneficio dei consumatori e compensa, almeno in parte, le gabelle applicate da alcuni paesi - come l'Italia - sui supporti di registrazione digitali.
TAG: mercato
8 Commenti alla Notizia Meno royalty sui dischi DVD+R/RW
Ordina
  • Ma perchè Sony e Philips non straguadagnano già abbastanza???
    La finissero di fare i magnamagna e abolissero ste c*gate come quella SIAE che sta ingrassando dei parassiti e mandando a p*ttane l'economia italiana!!!!!
    Arrabbiato
    non+autenticato

  • non è mai abbastanza, perchè più guadagnano e più investono nello sviluppo di nuove tecnologie
    altrimenti torna ad ascoltare musica con la cassettina e caricare il sw dal data7

    - Scritto da: Anonimo
    > Ma perchè Sony e Philips non straguadagnano già
    > abbastanza???
    > La finissero di fare i magnamagna e abolissero
    > ste c*gate come quella SIAE che sta ingrassando
    > dei parassiti e mandando a p*ttane l'economia
    > italiana!!!!!
    > Arrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > non è mai abbastanza, perchè più guadagnano e più
    > investono nello sviluppo di nuove tecnologie
    > altrimenti torna ad ascoltare musica con la
    > cassettina e caricare il sw dal data7
    >

    Siiiii, investire? Specialmente la sony con il suo minidisc che ha fatto un gran flop e la philips con altre caxxate!!!!!
    Perplesso
    non+autenticato
  • La Philips con le DCC, un flop talmente grande che non se lo ricorda nessuno.

    Saluti,
    Piwi
    non+autenticato
  • Datassette, somaro.

    non+autenticato
  • Pretendiamo che un musicista venga pagato UNA SOLA VOLTA ogni qual volta che si esibisce, e che il cd esca di produzione dopo un anno dall'uscita sul mercato.

    Come è possibile che chi fa lavori anche manuali come portare i mattoni su una casa, viene pagato una sola volta a volte anche a cottimo, applichiamo anche a loro il diritto d'autore.

    Si chiamano operai .... perchè sono loro che costruiscono l'opera... POI c'è il capitalista che si rivende la casa pagando gli operai a cottimo ecc...
    E BASTA GLI OPERAI NON VENGONO PIU' PAGATI, DOPO LA COSTRUZIONE DELL'OPERA.

    Mentre per la musica cè il Capitalista SIAE che utilizza i musicisti o qualsiasi autore di un opera con il seguente sistema di pagamento, in questo caso c'è il CAPITALISTA "SIAE" che si rivende i cd degli "operai-musicisti" e i musicisti non vengono PAGATI UNA SOLA VOLTA come GLI OPERAI AL CANTIERE...ma bensi per 70 anni, i DIRITTI D'AUTORE... fanno lucrare IL CAPITALISTA SIAE, L'operaio musicista...e addirittura i PARENTI, anche dopo la morte...

    E' ASSURDO. UN OPERAIO allora dovrebbe PRENDERE I SOLDI PER 70 ANNI...
    OGNI QUAL VOLTA QUALCUNO ENTRA IN UNA CASA... COSTRUITA DALL'OPERAIO.
    ------------------------------------------------------------------------

    Vergogna! A chi butta il sudore veramente... cantanti mi fate schifo se siete cosi bravi ANDATE A CANTARE sul treno per strada nelle piazze sulla spiaggia... vi fate pubblicità, vi AUTOPRODUCETE.
    1 ANNO PER I VOSTRI DIRITTI D'AUTORE E' ANCHE TROPPO.
    -------------------------------------------------------------------------
    Ma non vi vergognate vendete anche i testi e VIETATE LA LIBERA DIFFUSIONE, di parole molto utili alla collettività!
    Mi meraviglio anche di un ANARCHICO, come Fabrizio De Andre, che gli piaceva parlare sempre di TESTAMANTI ... eppoi dopo la sua morte, ha permesso ai suoi familiari di far CHIUDERE UN SITO DI FAN E APPASSIONATI che condividevano tra LORO TESTI delle canzoni di Fabrizio, commentantole ...
    LEGGETE C'E' QUASI DA PIANGERE:

    http://www.deandretribute.net/index.htm
    non+autenticato
  • > Mi meraviglio anche di un ANARCHICO, come
    > Fabrizio De Andre, che gli piaceva parlare sempre
    > di TESTAMANTI ... eppoi dopo la sua morte, ha
    > permesso ai suoi familiari di far CHIUDERE UN

    E' involontariamente comico A bocca aperta
    non+autenticato
  • In realtà.

    Anche perchè due centesimi di sconto sulle royalty non potranno produrre una diminuzione del costo al dettaglio superiore ai suddetti 2 centesimi...a meno che qualcuno ci perda.

    Detto ciò iniziativa da lodare per carità. Tuttavia non vedo come questa mossa possa schiacciare la concorrenza del DVD-R. A meno che uno debba produrre qualche migliaio di supporti (grossi volumi) ma dubito che un privato ne una azienda possa avere questi volumi.
    non+autenticato