Nuove polemiche sul caro-cellulare

Le scelte del Garante TLC non convincono affatto i consumatori che hanno abbandonato l'audizione minacciando un possibile ricorso al TAR

Napoli - L'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni riferisce che, oltre alla riduzione delle tariffe di telefonia per le comunicazioni da fisso a mobile, starebbe valutando anche la revisione di quelle tra cellulari. Lo ha confermato ai giornalisti lo stesso presidente Corrado Calabrò, in occasione di un convegno: "Stiamo valutando tutto, lo spettro è ampio e si vedrà".

Sulle tariffe per le comunicazioni da fisso a mobile il Garante, che dovrà adottare un provvedimento entro martedì 19 luglio, ha aggiunto che "senza dubbio si arriverà a una riduzione, il quantum si vedrà".

Ma Adiconsum, che pochi giorni fa aveva rimarcato il problema delle tariffe e dei costi di commissione delle ricariche, giudica evasive queste risposte e accusa il Garante di mancanza di trasparenza, in quanto ritiene che i giochi ormai siano fatti: "Dovendo decidere l'allineamento delle tariffe telefoniche da fisso a mobile e da mobile a mobile, l'Autorità solo dopo le insistenze delle associazioni dei consumatori le ha convocate praticamente a decisione già presa. Tra l'altro non è stata fornita alcuna documentazione esplicativa delle nuove ipotesi tariffarie".
L'Associazione ha quindi abbandonato l'audizione, riservandosi la possibilità di affidare gli interessi dei consumatori alla giustizia amministrativa, qualora le decisioni del Garante non siano ritenute eque.

Dario Bonacina
TAG: 
2 Commenti alla Notizia Nuove polemiche sul caro-cellulare
Ordina