Convegno/ Internet, che fare?

Incontro a Roma

Roma - "Internet ha radicalmente modificato le realtà pratiche ed economiche del patrimonio culturale e della diffusione del sapere. Siamo di fronte ad un fenomeno del tutto nuovo nella nostra specie: per la prima volta la Rete offre l'opportunità di costruire un'istanza globale, interattiva ed universalmente accessibile della conoscenza e dell'eredità culturale umana. Si apre in questo contesto lo spazio del cosiddetto "dilemma digitale", ossia il delicato equilibrio che necessariamente il legislatore deve assicurare tra 'il diritto di ciascuno di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi beneficì e 'il diritto in capo all'autore alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria ed artistica (Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo, art. 27)". Così il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana, delegato al WSIS dell'ONU per il Senato, in una nota appena rilasciata con cui si promuove un incontro organizzato per il 12 luglio a Roma dal titolo Creare, distribuire ed acquisire i contenuti in rete:tra economia e libertà, quale paradigma per il futuro?, che si terrà presso l'ex Hotel Bologna, Via di S. Chiara n. 4.

"Questa giornata - afferma l'esponente del Sole che Ride - vuole aprire un momento di confronto e di dibattito proprio con gli attori del cambiamento, al fine di trovare soluzioni normative e politiche, nonché proposte programmatiche, che tutelino i produttori di conoscenza, ma al contempo consentano l'accesso alla conoscenza, condizione sine qua non per lo sviluppo di qualsiasi modello sociale ed economico. Durante la mattina si affronteranno i temi della produzione, della distribuzione e della condivisione dei contenuti in rete: la discussione verterà principalmente sull'analisi del paradigma economico, della tutela autoriale, dell'accesso e dell'accessibilità dei contenuti. Il pomeriggio sarà dedicato al tema dell'e-learning: si metteranno a confronto diversi modelli di apprendimento a distanza sperimentati in università ed istituti scolastici superiori"

All'incontro parteciperanno:
Fiorello Cortiana, Alessandro Musumeci, Direttore Generale Servizio Sistemi Informativi (DGSI), Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Elio Matarazzo, RAI Teche, Andrea Casini Cortesi, Telecom Italia, Alessandro Corsi Fast Web, Edmondo Gnerre, Direttore Generale Italdata S.p.A., Gruppo Siemens Business Services, Stefano Quintarelli, I-Net, Gianfranco Previtera, Vice Presidente, Public Sector Region South Europe IBM, Marco Marandola, Esperto legale in proprietà intellettuale, Juan Carlos De Martin, Creative Commons Italia, Franco Carlini, giornalista, Paola Gargiulo, AEPIC, Antonella De Robbio, Università di Padova, Centro di Ateneo per le Biblioteche, Gianfranco Crupi, Segretario nazionale ABI, Frieda Briosky, Associazione Wikipedia Italia, Marco Calvo, Ass. Liber Liber, Giovanna Sissa, Responsabile Osservatorio Tecnologico MIUR, Andrea Ranieri, Responsabile Scuola DS, Maria Amata Garito, Presidente Consorzio Nettuno, Alessandra Briganti, Rettore Università Marconi,Alfonso Lupo, Progetto Dschola, Mirella Casini Shaerf, Responsabile formazione CNIPA, Paolo SaraccoFLC (federazione lavoratori della Conoscenza), Massimiliano Coccia, UDS, Tino Castagna, ENAIP.
TAG: mercato
1 Commenti alla Notizia Convegno/ Internet, che fare?
Ordina
  • ogni volta che cedi verso il singolo migliaia di altri singoli (che sono la comunità) ne risentono malamente.

    meglio proteggere tutti quanti a scapito del guadagno infinitamente moltiplicato di uno solo

    oppure per favore proteggiamo i diritti al massimo per 8 anni, magari 5

    smettiamola davvero; posso vivere grazie al fatto che guardo come hai fatto, oppure morire grazie al fatto che non ho i soldi da darti per prendere quello che hai inventato

    siamo una specie idiota, che combatte sé stessa, che usa una competizione che distrugge tutto e non rende migliore la massa


    è terrificante
    non+autenticato