Divisioni sul cellulare in metrò

Le due scuole di pensiero sull'opportunità di attivare linee di comunicazioni mobili anche nelle metropolitane sembrano sempre più lontane

Roma - In questi giorni, in seguito ai tragici eventi terroristici di una settimana fa a Londra, sta suscitando interesse la notizia di un progetto che prevede la copertura del segnale di telefonia mobile anche nei tunnel della metropolitane cittadine di Milano e Roma.

In realtà, almeno per quanto riguarda il capoluogo lombardo, di questo progetto si parla da tempo, ma l'intenzione di raggiungere un obiettivo di maggiore sicurezza sembra aver dato un colpo di acceleratore all'idea, perché secondo quanto riferito dal sindaco Albertini e dal prefetto Ferrante, la possibilità di utilizzare i cellulari contribuirebbe a migliorare le possibilità di comunicazione nell'eventualità di un'emergenza.

Il cablaggio della rete sotterranea per le comunicazioni cellulari è un obiettivo anche della metropolitana della capitale, che prevede altresì di realizzare un sistema del pagamento del biglietto via SMS.
Mentre le città italiane si interrogano sull'opportunità di completare lo sviluppo della rete sotterranea, ma sembrano propendere per il proseguimento del progetto, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna sta prendendo piede la corrente di pensiero opposta.

La possibilità di utilizzare un cellulare come un timer, o per comandare a distanza la detonazione di un ordigno, mediante una chiamata o un comando via sms (constatata - purtroppo - anche negli attentati terroristici dello scorso anno a Madrid) è una delle motivazioni che le autorità di New York e Londra stanno valutando per decidere l'eventuale disattivazione della copertura di segnale nella metropolitana cittadina.

Proprio nella Grande Mela, come misura di sicurezza anti-terrorismo, all'inizio della settimana i servizi di telefonia cellulare della rete di trasporto metropolitano erano stati sospesi dalle autorità, per alcune ore, nei quattro tunnel che collegano Manhattan a Est (con il Queens e Brooklyn) e a Ovest (con il New Jersey).

Dario Bonacina
TAG: 
3 Commenti alla Notizia Divisioni sul cellulare in metrò
Ordina
  • ...l'argomento è tremendamente di attualità, ed estremamente importante, ma figuriamoci se qualcun ne parla.
    Tra il sindaco di Milano Albertini e il prefetto, tutti a riempirsi la bocca con questo progetto di copertura sotterranea. Anche Veltroni lo caldeggia.
    Tutti i politici ne parlano senza pensare alle possibili conseguenze.
    Ma il pubblico lo vuole, alla luce dei fatti tremendi che sono successi a Madrid e a Londra?
    Se ci arrivano a New York, a pensare che i cellulari possono essere pericolosici, ci possono arrivare anche qui.
    Se mi interpellassero con un referendum io sarei contrario.
    Ma quando mai ascolteranno l'opinione pubblica.. non ascoltano manco i tecnici del settore.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...l'argomento è tremendamente di attualità, ed
    > estremamente importante, ma figuriamoci se
    > qualcun ne parla.
    > Tra il sindaco di Milano Albertini e il prefetto,
    > tutti a riempirsi la bocca con questo progetto di
    > copertura sotterranea. Anche Veltroni lo
    > caldeggia.
    > Tutti i politici ne parlano senza pensare alle
    > possibili conseguenze.
    > Ma il pubblico lo vuole, alla luce dei fatti
    > tremendi che sono successi a Madrid e a Londra?
    > Se ci arrivano a New York, a pensare che i
    > cellulari possono essere pericolosici, ci possono
    > arrivare anche qui.
    > Se mi interpellassero con un referendum io sarei
    > contrario.
    > Ma quando mai ascolteranno l'opinione pubblica..
    > non ascoltano manco i tecnici del settore.


    a me non sembra una questione così banale e decisa.

    La copertura gsm potrebbe anche contribuire alla sicurezza garantendo possibilità di allarmi migliori; anche senza pensare all'eventuale pericolo terrorismo, malori, tentativi di suicidio, scippi o rapine potrebbero più tempestivamente essere bloccati.

    Bisogna valutare ogni possibilità, ricordandoci che non esiste certo solo il cell per attivare bombe. (anzi, mi sembra che sia solo l'ultima delle tecnologie adattatesi a questo scopo)
  • Non c'entra con le (ovvie) preoccupazioni, ma voi avete mai preso una qualsiasi linea della metro sotterranea di Milano?
    E' già difficile parlare ed ascoltare qualcuno di fronte a te, figuriamoci ad usare un telefonino in galleria!
    Già mi immagino decine di persone in carrozza che urlano : "mi senti adesso?... io non sento niente... parla più forte".

    Un incubo !!!
    non+autenticato