Italia, VoIP da regolamentare?

L'Autorità TLC lancia una consultazione pubblica che potrebbe concludersi con il varo di interventi e regole sul voice-over-IP. Si parla di garanzie da dare agli utenti

Roma - Approda anche in Italia un dibattito che da tempo si va sviluppando negli Stati Uniti e che riguarda la possibilità di imporre agli operatori di telefonia via Internet una serie di garanzie per gli utenti finali: l'Autorità TLC ha infatti annunciato l'avvio del procedimento sugli interventi regolamentari e, come di consueto, ha contestualmente lanciato una consultazione pubblica sull'argomento.

L'obiettivo del procedimento è, nelle parole dell'Autorità, "la valutazione di eventuali interventi regolamentari in tema di fornitura dei servizi VoIP, con particolare riguardo all'uso della numerazione ed alle garanzie dei diritti degli utenti finali, tra cui la trasparenza delle informazioni, la qualità del servizio, l'accesso ai servizi di emergenza, la portabilità del numero e la fornitura di prestazioni supplementari".

Non sono cose da poco, in particolare la richiesta di fornire "l'accesso ai servizi di emergenza" ha già in passato sollevato molte perplessità tra gli operatori di settore, soprattutto in un'epoca in cui vanno affermandosi servizi VoIP che spesso non sono associati dagli utenti a linee telefoniche tradizionali. Le diverse tecnologie e piattaforme di riferimento non rendono facile ai carrier VoIP soddisfare questo requisito, già oggetto di vivacissime polemiche al di là dell'Atlantico.
Ad ogni modo, grazie anche alla consultazione, cui potranno seguire audizioni di specifici soggetti da parte dell'Autorità, è lecito attendersi una regolamentazione finale che sia coerente con le tecnologie utilizzate e che non vada a detrimento delle opportunità di cui possono godere gli utenti VoIP, soprattutto sotto il profilo tariffario.

Tutto il procedimento dovrebbe concludersi entro fine ottobre.
TAG: 
8 Commenti alla Notizia Italia, VoIP da regolamentare?
Ordina