Pillole wireless contro i colpi di calore

Sempre più squadre di football americano stanno utilizzando una pillola wireless per monitorare dall'interno la temperatura corporea degli atleti

Philadelphia - Si chiama CorTemp ed è la prima pillola elettronica destinata al grande pubblico. Prodotta dagli statunitensi di HQ Inc., il dispositivo è un piccolo sensore termico progettato per rimanere all'interno del corpo umano senza causare alcun danno - il suo involucro in silicone e resina epossidica è perfettamente compatibile con i tessuti umani.

Attraverso un microtrasmettitore a radiofrequenza, alimentato a batteria, la pillola permette di telerilevare la temperatura corporea e la frequenza cardiaca direttamente dallo stomaco dei soggetti. "Il funzionamento è piuttosto semplice", spiega il presidente della HQ Inc., Bill Hicks: "All'interno della capsula c'è un minuscolo cristallo che produce una frequenza proporzionale alla temperatura circostante - rilevando questa frequenza, un microchip trasmette i dati ad un elaboratore esterno".

Sviluppata nel 1980 alla John Hopkins University, la tecnologia CorTemp è largamente diffusa in ambiti militari, aerospaziali e biomedici per tenere sempre sotto controllo le condizioni di soldati, astronauti e pazienti.
Il termopilloloMa questa è la prima volta che HQ Inc. si apre al grande mercato, rivolgendosi ai professionisti dello sport. Infatti le pillole permettono di costruire un precisissimo sistema per la prevenzione dei colpi di calore, una evenienza talvolta fatale che in più occasioni ha colpito giocatori di football americano. Squadre leggendarie come i Minnesota Vikings hanno annunciato di voler adottare la tecnologia già da questo campionato NFL.

Il prezzo di ciascuna pillola oscilla tra i 40 ed i 60 dollari. Ogni rilevatore costa fino a 4000 dollari, a seconda del modello: i dispositivi da abbinare agli endosensori possono assumere la forma di piccoli computer palmari come di server assai più ingombranti.

E la sicurezza? Apparentemente non sembrano esserci grossi rischi: "I sensori non sono intrusivi e possono rimanere nell'organismo fino ad un periodo di nove giorni, anche se solitamente vengono espulsi in una giornata", dichiarano soddisfatti i produttori. Tuttavia, spulciando le condizioni di garanzia che coprono il prodotto, emerge un particolare inquietante: l'azienda non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni fisici causati da CorTemp.

Tommaso Lombardi
21 Commenti alla Notizia Pillole wireless contro i colpi di calore
Ordina
  • Gli americani sono un popolo sportivo e i professionisti abbondano, d'altra parte sono convinti di essere dei super uomini alti, grossi e armati che è l'unica cosa vera.
    Già vedo l'americano medio con l'asciugamano sul collo con il ketchup ops il martini, osp il frullato di 4 uova e latte in una mano e la pillolina nell'altra, pronto per la sua corsetta mattutina. Il pomeriggio c'ha palestra.
    Ma prima di tutto ciò ha dovuto seguire un corso di meditazione per acquisire nuove tecniche per il corpo adatte a trattenere la pillola nell'inestino per 9 giorni.
    Alla sera, prima di andare a letto,   rilevata la temperatura corporea, dopo l'ansiolitico chissà se prenderà anche l'aspirina.


    Ma, sono fuori come un poggioloA bocca aperta

    puffa

  • - Scritto da: puffetta
    > Gli americani sono un popolo sportivo e i
    > professionisti abbondano, d'altra parte sono
    > convinti di essere dei super uomini alti, grossi
    > e armati che è l'unica cosa vera.
    > Già vedo l'americano medio con l'asciugamano sul
    > collo con il ketchup ops il martini, osp il
    > frullato di 4 uova e latte in una mano e la
    > pillolina nell'altra, pronto per la sua corsetta
    > mattutina. Il pomeriggio c'ha palestra.
    > Ma prima di tutto ciò ha dovuto seguire un corso
    > di meditazione per acquisire nuove tecniche per
    > il corpo adatte a trattenere la pillola
    > nell'inestino per 9 giorni.
    > Alla sera, prima di andare a letto,   rilevata
    > la temperatura corporea, dopo l'ansiolitico
    > chissà se prenderà anche l'aspirina.
    >
    >
    > Ma, sono fuori come un poggioloA bocca aperta
    >
    > puffa


    Grande Puffetta
    Il tuo post 666 è proprio indiavolatoOcchiolino
    non+autenticato
  • Si, stà veramente rinco...
    non+autenticato

  • - Scritto da: puffetta
    > Gli americani sono un popolo sportivo e i
    > professionisti abbondano, d'altra parte sono
    > convinti di essere dei super uomini alti, grossi
    > e armati che è l'unica cosa vera.
    > Già vedo l'americano medio con l'asciugamano sul
    > collo con il ketchup ops il martini, osp il
    > frullato di 4 uova e latte in una mano e la
    > pillolina nell'altra, pronto per la sua corsetta
    > mattutina. Il pomeriggio c'ha palestra.
    > Ma prima di tutto ciò ha dovuto seguire un corso
    > di meditazione per acquisire nuove tecniche per
    > il corpo adatte a trattenere la pillola
    > nell'inestino per 9 giorni.
    > Alla sera, prima di andare a letto,   rilevata
    > la temperatura corporea, dopo l'ansiolitico
    > chissà se prenderà anche l'aspirina.
    >
    >
    > Ma, sono fuori come un poggioloA bocca aperta
    >
    > puffa



    ma sinceramente se prima di iscrivermi alla mia prima mezza maratona (chissà se ce la farò a prepararmi in tempo...?), potessi pagare 60euri per una pillola che mi avverte se sto per schiattare, beh, li pagherei....

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > - Scritto da: puffetta
    > > Gli americani sono un popolo sportivo e i
    > > professionisti abbondano, d'altra parte sono
    > > convinti di essere dei super uomini alti, grossi
    > > e armati che è l'unica cosa vera.
    > > Già vedo l'americano medio con l'asciugamano sul
    > > collo con il ketchup ops il martini, osp il
    > > frullato di 4 uova e latte in una mano e la
    > > pillolina nell'altra, pronto per la sua corsetta
    > > mattutina. Il pomeriggio c'ha palestra.
    > > Ma prima di tutto ciò ha dovuto seguire un corso
    > > di meditazione per acquisire nuove tecniche per
    > > il corpo adatte a trattenere la pillola
    > > nell'inestino per 9 giorni.
    > > Alla sera, prima di andare a letto,   rilevata
    > > la temperatura corporea, dopo l'ansiolitico
    > > chissà se prenderà anche l'aspirina.
    > >
    > >
    > > Ma, sono fuori come un poggioloA bocca aperta
    > >
    > > puffa
    >
    >
    >
    > ma sinceramente se prima di iscrivermi alla mia
    > prima mezza maratona (chissà se ce la farò a
    > prepararmi in tempo...?), potessi pagare 60euri
    > per una pillola che mi avverte se sto per
    > schiattare, beh, li pagherei....


    E mentre la pillola avverte il centro operativo che sta monitorando la tua temperatura corporea e la tua frequenza cardiaca in caso di allerta cosa fanno? prendono l'elicottero e ti vengono a fermare oppure ti telefonano?
    A prescindere che non siamo tutti uguali visto che chi fa attività sportiva puo benissimo convivere sotto sforzo con un battito anomalo del cuore . Ricordo che quando giocava a pallone mio fratello il mister gli diceva che con quel cuore poteva farsi una partita e mezza (facela l'ala sinistra in una squadra coi controcogl@@ni dove le visite sportive erano serie)

    Se è come penso io, e lo è, trattasi di un grande business che forse potrà servire pochi eletti, mentre in Italia, tanto per dire, continuano le visite mediche poco serie per molti atleti che fanno agonismo senza avere .sogni di olimpiadi .

    Te lo immagini metterlo nello stomaco dei nostri calciatori in nazionale? Come lo vorrei così in base a quel monitoraggio e non al doping, potrei vederli uscire dal campo prima della fine del primo tempo!

    :)
    puffa
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > >
    > > - Scritto da: puffetta
    > > > Gli americani sono un popolo sportivo e i
    > > > professionisti abbondano, d'altra parte sono
    > > > convinti di essere dei super uomini alti,
    > grossi
    > > > e armati che è l'unica cosa vera.
    > > > Già vedo l'americano medio con l'asciugamano
    > sul
    > > > collo con il ketchup ops il martini, osp il
    > > > frullato di 4 uova e latte in una mano e la
    > > > pillolina nell'altra, pronto per la sua
    > corsetta
    > > > mattutina. Il pomeriggio c'ha palestra.
    > > > Ma prima di tutto ciò ha dovuto seguire un
    > corso
    > > > di meditazione per acquisire nuove tecniche
    > per
    > > > il corpo adatte a trattenere la pillola
    > > > nell'inestino per 9 giorni.
    > > > Alla sera, prima di andare a letto,
    > rilevata
    > > > la temperatura corporea, dopo l'ansiolitico
    > > > chissà se prenderà anche l'aspirina.
    > > >
    > > >
    > > > Ma, sono fuori come un poggioloA bocca aperta
    > > >
    > > > puffa
    > >
    > >
    > >
    > > ma sinceramente se prima di iscrivermi alla mia
    > > prima mezza maratona (chissà se ce la farò a
    > > prepararmi in tempo...?), potessi pagare 60euri
    > > per una pillola che mi avverte se sto per
    > > schiattare, beh, li pagherei....
    >
    >
    > E mentre la pillola avverte il centro operativo
    > che sta monitorando la tua temperatura corporea
    > e la tua frequenza cardiaca in caso di allerta
    > cosa fanno? prendono l'elicottero e ti vengono a
    > fermare oppure ti telefonano?

    immagino farà suonare il cicalino del ricevitore che mi porterei appresso.

    > A prescindere che non siamo tutti uguali visto
    > che chi fa attività sportiva puo benissimo
    > convivere sotto sforzo con un battito anomalo del
    > cuore . Ricordo che quando giocava a pallone mio
    > fratello il mister gli diceva che con quel cuore
    > poteva farsi una partita e mezza (facela l'ala
    > sinistra in una squadra coi controcogl@@ni dove
    > le visite sportive erano serie)
    >

    guarda, si può discutere ragionevolmente di soggettività alle reazioni fino ad un certo punto. Se correndo la temperatura ti sale oltre i 40°, inizi a disidratarti e a perdere il senno (e magari proprio per questo non ti fermi), magari ci sarà quello che corre un minuto e quello che corre quattro prima di schiattare, ma alla fine la fine è pressoché certa... d'altra parte se esistessero margini soggettivi così variabili come il tuo post farebbe pensare, non avrebbe senso tutto l'insieme dell'esperienza acquisita dalla medicina occidentale. Simili teorie sono molto diffuse tra gli estremisti delle cosiddette medicine alternative e dei rimedi olistici in genere, ma, per quanto non escludo che ci siano casi in cui la tradizione medica occidentale ha venduto il suo rigore per denaro, diffidare in tutto e per tutto da essa è assurdo, visti i risultati empirici sotto gli occhi di tutti (la vita media aumentata in maniera vertiginosa, moltissime malattie sconfitte o rese innocue, ecc).


    > Se è come penso io, e lo è, trattasi di un
    > grande business che forse potrà servire pochi
    > eletti, mentre in Italia, tanto per dire,
    > continuano le visite mediche poco serie per molti
    > atleti che fanno agonismo senza avere .sogni di
    > olimpiadi.
    >

    ma vedi, il fatto che ci sia un business sotto non pregiudica in alcun modo la possibilità che lo strumento sia utile.
    Devi capire che quando si investono cifre su di tecnologie, difficilmente lo si fa per il bene dell'umanità: è molto più comune farlo per necessità belliche o economiche. Ebbene, una volta che una ricerca offre dei risultati, massimizzarne le applicazioni commerciali rende l'investimento più immediatamente recuperabile.

    Ovvero, in soldoni: questa pillolina, nata per soldati ed astronauti (e quindi non per soddisfare ricchi palestrati e ammiccare ai loro copiosi portafogli) è stato il frutto di milioni di dollari in ricerca, e se si trova un modo di ammortizzare questo costo in maniera più rapida, trovando degli utilizzi commerciali in un mercato meno verticale, ben venga.

    L'utente più o meno casuale al quale verranno proposte queste tecnologie potrà decidere di usufruirne oppure no (e già qui ci guadagna in scelta, non ci perde mai!) a seconda di cosa gli viene offerto
    e di quanto gli viene chiesto in cambio... se pensi che un paio di scarpe da ginnastica buone si possono pagare anche 150euro (e di certo uno che va a correre tutti i giorni una decina di km non si mette a fare lo spilorcio su di una cosa che potrebbe fare la differenza tra una caviglia dritta e una rotta..), se pensi che esistono cardiofrequenzimetri dal costo superiore alle 500euro, capirai che esiste anche il mercato per una pillola dal costo di 60euro+ricevitore che promette di salvarti la vita...

    tutto sta nello stabilire se te la salva o no... l'obiezione più ovvia dovrebbe essere, imho: ma se uno è stanco lo sente che sta morendo, perché non si ferma allora? Ma non è così ovvio riconoscere e comprendere i segnali del proprio corpo, spesso è difficile persino rendersi conto della disidratazione...

    > Te lo immagini metterlo nello stomaco dei nostri
    > calciatori in nazionale? Come lo vorrei così in
    > base a quel monitoraggio e non al doping,
    > potrei vederli uscire dal campo prima della fine
    > del primo tempo!
    >
    >Sorride
    > puffa


    sul doping ho un'opinione molto estrema, cioé che penso ci debbano essere delle competizioni in ogni sport aperte al doping, anche a quello più estremo. Penso che vedere un po' di morti in tv durante le competizioni potrebbe essere l'unico elemento sensibilizzante in un mondo dove per il successo le persone sarebbero pronte a sacrificare pure la propria salute e anni della loro vita.
  • Senti avve, se vuoi ti aiuto a comprare la pillola così la esperimenti e io mi convinco!
    :D

    A parte il mio scherzare, le tue conclusioni non fanno una piega e ti do ragione, ma io rimango scettica, d'altra parte quando arriva la nostra ora non c'è pillola che tenga!

    puffa fatalista!

  • - Scritto da: puffetta
    > Senti avve, se vuoi ti aiuto a comprare la
    > pillola così la esperimenti e io mi convinco!
    >A bocca aperta
    >
    > A parte il mio scherzare, le tue conclusioni non
    > fanno una piega e ti do ragione, ma io rimango
    > scettica, d'altra parte quando arriva la nostra
    > ora non c'è pillola che tenga!
    >
    > puffa fatalista!

    This world is a cruel place
    and we're here only to lose
    so before live tears us apart let
    death bless me with you

    Won't you die tonight for love Innamorato
    Baby join me in death



    buonanotte, Puffa, bacettiImbarazzato
  • Non c'era la versione meccanica di Rocco Siffredi?A bocca aperta
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Non c'era la versione meccanica di Rocco
    > Siffredi?A bocca aperta
    La versione meccanica di Rocco Siffredi !?
    Newbie, inesperto bella questa ! Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Non c'era la versione meccanica di Rocco
    > > Siffredi?A bocca aperta
    > La versione meccanica di Rocco Siffredi !?
    > Newbie, inesperto bella questa ! Rotola dal ridere Rotola dal ridere

    ciusca ma quello è un toro da monta
    non esisterà mai una versione meccanica di Siffredi
    non+autenticato
  • ...si prende mai responsabilità di alcun tipo Triste
    non+autenticato
  • In realta', si chiama "Johns Hopkins University ", con la S finale.

    Saluti
    non+autenticato
  • ... si incastra sull ' appendice e bisogna operare.   A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... si incastra sull ' appendice e bisogna
    > operare.   A bocca aperta


    magari è perfettamente in grado di rimanere lì in eterno. Sarebbe forse la soluzione ideale anzi, reingoiare la pastiglia temo possa essere disgustevole, ma soprattutto ripescarla dal water.Perplesso
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)