Batterie a terra? Inizia a pompare

Un'azienda americana propone una pompetta ricarica-batterie per offrire alimentazione d'emergenza a portatili o altri dispositivi a batteria. Anche in versione palmare

Web - Alle volte capita: lontani da qualsiasi presa di corrente, con la batteria agli sgoccioli e il sudore che imperla la fronte. Ce la si farà o no - nel tempo di un minuto - a spedire 24 e-mail, telefonare in Giappone, soffiare il naso, finire di scrivere l'ultima pagina della propria biografia e spegnere correttamente il permalosissimo Windows?

Se si fosse muniti della pompetta ricarica-batterie di AladdinPower la risposta all'inquietante domanda sarebbe sì: basterebbe estrarre il congegno, piazzarlo a terra, collegarlo alla batteria del notebook e far finta che il portatile sia un canotto che ha bisogno di una bella rigonfiatina.

In realtà la pompetta portatile di Aladdin, chiamata StepCharger, non pompa aria ma elettricità; o meglio, la genera attraverso la ripetuta pressione del tallone sul pedale del ricarica-batterie ecologico.
Aladdin, che ha prodotto una versione di StepCharger niente meno che per il Dipartimento americano della Difesa, è ora in procinto di commercializzarne una versione per uso civile che può fornire alimentazione elettrica d'emergenza a portatili, PDA, videocamere ed altri dispositivi a batteria.

Il "pompa-batterie" di Aladdin è in grado di fornire approssimativamente 20 minuti di autonomia ogni 5 minuti di "pompaggio" veloce: se poi si vuole rispettare un programma di fitness equilibrato, qualcuno consiglia pure di alternare piede ogni tot minuti...

Aladdin vende già da tempo un aggeggio simile al precedente ma più piccolo, da tenere in mano, e dedicato alla ricarica di piccoli dispositivi come telefonini, player portatili, radioline, walkman, ecc..

Ora non resta che attendere con impazienza la cyclette per alimentare il PC.
15 Commenti alla Notizia Batterie a terra? Inizia a pompare
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)